Home » Idee »Progetti » Marco Moretti: l’ecoturismo visto da un viaggiatore di professione:

Marco Moretti: l’ecoturismo visto da un viaggiatore di professione

luglio 16, 2013 Idee, Progetti

Greenews.info ha intervistato per la sezione Green News di LaStampa.it, Marco Moretti, reporter di viaggi e giornalista ambientale, fotografo e autore di guide turistiche, che, dopo aver trascorso gli ultimi venticinque anni girando tutto il mondo, ha fondato il sito ecoturismoreport.it. Con lui abbiamo fatto il punto su cosa vuol dire oggi essere un “ecoturista”. Ecco la seconda parte dell’intervista.

D) Moretti, lei ha visitato praticamente tutto il mondo. Ci sono luoghi dove è più facile viaggiare in modo sostenibile e altri dove – per problemi di infrastrutture, trasporti, ecc. – diventa oggettivamente difficile?

Secondo me non è mai un problema di luoghi, ma di persone: la sostenibilità del viaggio deriva dal viaggiatore. Ci sono alcune regole d’oro da osservare. Innanzitutto bisogna usare mezzi di trasporto locali e non affittare automobili. Poi è bene dormire nelle strutture che sono a disposizione, senza pretendere maggiori comfort; meglio se in strutture piccole (b&b o guest house), che incentivano il rapporto diretto, sia economico che culturale, con i popoli visitati. Se ad esempio si va a fare trekking in montagna, è meglio dormire nei rifugi e non pretendere resort di lusso. Più si è esigenti in termini di comfort, più si sollecitano la cementificazione, il consumo di energia per scaldare l’acqua, l’importazione di tecnologie con tutto quello che ne consegue in termini di impatto ambientale. Anche il cibo che si sceglie è fondamentale: bisogna mangiare quello locale. Se si è dall’altra parte del mondo e si pretende di mangiare italiano, già si crea un impatto sull’ambiente dal momento che il cibo deve essere importato. E poi che senso avrebbe? La cucina è la prima espressione culturale di un popolo, rifiutarla ci fa già partire svantaggiati nella conoscenza della sua cultura.

D) Adattarsi è la parola d’ordine, insomma…

Sì, e anche essere flessibili nelle proprie abitudini: per quanto buone e virtuose siano, essere pronti a modificarle all’occorrenza. Io ad esempio sono vegetariano da trent’anni, ma quando sono stato in Groenlandia mi sono dovuto adeguare all’alimentazione locale, che è basata quasi esclusivamente sul pesce. Lì infatti non si può coltivare nulla, c’è un brevissimo periodo dell’anno in cui crescono delle rape succose come mele, che si mangiano crude a morsi, e poi si fanno insalate di mirtilli e fiori: non c’è altro di vegetale nella loro dieta. Per un vegetariano o un vegano inflessibile sarebbe impossibile sopravvivere. Certo, lo sappiamo tutti che l’impronta ecologica di un vegetariano è minore di quella di una persona che mangia carne e pesce, ma bisogna imparare a guardare le situazioni da prospettive diverse. Il fanatismo, in qualunque campo, non paga mai.

D) Qual è stato il suo viaggio più “ecologico”?

Non sono mai riuscito a rispondere alla domanda “il viaggio più ecologico” o “il più bello”. Il viaggio in Tasmania negli anni ‘90 è stato ad esempio molto importante, perché mi ha portato a considerare il rapporto fra turismo e ambiente. Ho fatto molti viaggi a fortissimo contatto con la natura, ma purtroppo alcune delle più grandi bellezze naturali le ho viste in condizioni inquinanti, come durante i safari in Africa. Il primo foto-safari a cui ho partecipato è stato in Kenya nel ’90: le jeep entravano nei cespugli per stanare i leoni! Insomma, il mio primo leone l’ho visto nel modo meno ecologico immaginabile… Fortunatamente oggi c’è una sensibilità più diffusa.

D) In Tasmania, dicevamo, l’ecoturismo divenne una soluzione per evitare il taglio delle foreste. Ci sono altri casi in cui forme di ecoturismo o turismo naturalistico possono aiutare a salvaguardare l’ambiente?

Sì, certamente. Un altro esempio sono le Game Farm in alcuni stati africani. Si tratta di fattorie in cui si affiancano le normali attività di allevamento alla cura di animali selvatici feriti, che poi vengono reintrodotti nei loro habitat. Queste strutture hanno trovato un metodo efficace per autofinanziarsi proprio grazie ai turisti che ospitano. O ancora, il whalewatching. Pochi lo sanno, ma l’avvistamento delle balene si può praticare anche da noi, nel Mar Ligure, e il ricavato serve a finanziare la ricerca sui cetacei. Al whalewatching è anche dedicata una sezione specifica del nostro sito.

D) Ma ecologia e turismo, in definitiva, sono davvero conciliabili?

Be’, si dice che il miglior modo per fare ecoturismo sia starsene a casa propria…È indubbio che ogni spostamento abbia un impatto sull’ambiente. Io stesso mi rendo conto che, anche se sono vegetariano, sto attento a ridurre i miei consumi e quando sono in città mi sposto solo in bici, ogni volta che prendo un volo intercontinentale mi porto in un attimo al livello di quelli che girano con il SUV e usano l’aria condizionata tutto il giorno. Il punto è che, se di viaggiare non si può fare a meno – per lavoro o perché, come me, si ha la “malattia” –  bisogna però fare di tutto per compensare, quando si è sul posto, con altri comportamenti virtuosi.

Giorgia Marino

Leggi la prima parte dell’intervista su LaStampa.it

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende