Home » Idee »Internazionali »Progetti » Masdar: una sorgente di sostenibilità di nome e di fatto:

Masdar: una sorgente di sostenibilità di nome e di fatto

marzo 2, 2010 Idee, Internazionali, Progetti

 

MasdarcityCosa succederebbe se una delle più prestigiose istituzioni accademiche a livello mondiale si facesse partner di un’università che aspira a diventare leader nel campo della ricerca sull’energia? E se, come ciò non bastasse, il campus di questa università fosse costruito all’interno di quella che diverrà la prima città al mondo a emissioni zero?

Questa fortunata congiunzione si è già verificata e, giorno dopo giorno, sta diventando realtà: il Masdar Institute of Science and Technology di Abu Dhabi, infatti, è un istituto dedicato alla ricerca e all’insegnamento della scienza e della tecnologia - con un focus sull’energia e sulla sostenibilità – che si propone di diventare una punta di diamante della ricerca negli Emirati Arabi Uniti e in tutta la regione.

L’istituto è stato creato grazie alla collaborazione con una delle eccellenze mondiali nella ricerca e nelll’insegnamento a livello universitario: il Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Cambridge, negli Stati Uniti, che a partire dalla sua fondazione nel 1865 ha annoverato tra il corpo docenti oltre settanta premi Nobel. Il Masdar Institute è diventato membro della Massachusetts Institute of Technology Energy Initiative (MITEI) nel gennaio 2009, e nel mese di settembre ha aperto i suoi primi corsi in ingegneria elettrica, Information Technology, scienza e ingegneria dei materiali, ingegneria meccanica, microsistemi e ingegneria ambientale.

Sulla base del modello lanciato dallo stesso MITEI, l’istituto si propone di fare da tramite tra il mondo della ricerca cosiddetta “di base”, svolta in ambito accademico, e problemi chiave del mondo industriale, quali ad esempio la consegna su vasta scala di prodotti e servizi energetici, tecnologie energetiche in grado di affrontare sfide di livello globale e, di conseguenza, adatte a realtà politiche, normative e ambientali anche molto diverse tra loro.

Il Masdar Institute, inoltre, è uno dei punti nodali della cosiddetta Masdar Initiative: una piattaforma di cooperazione volta alla ricerca di soluzioni nei campi dell’energia, dei cambiamenti climatici e dello sviluppo delle competenze nell’area della sostenibilità.

Il programma Masdar, il cui nome in arabo significa “sorgente“, lanciato nel 2006 dal governo di Abu Dhabi, oltre al Masdar Institute vede la realizzazione di Masdar City: la prima città al mondo a emissioni zero. Il progetto architettonico, affidato al prestigioso studio Foster + Partners, si articola su un’area di 6 milioni di metri quadrati collocata strategicamente rispetto alle infrastrutture centrali di Abu Dhabi e al suo aeroporto internazionale. In città, infatti, sarà vietato il traffico delle auto: la rete di trasporti comuni sarà tale per cui non sarà necessario percorrere più di 200 metri per trovare un mezzo di trasporto pubblico, camminando lungo strade concepite appositamente per il transito pedonale – quindi fresche e ombreggiate, visto il clima locale.

Masdar City, in particolare, ha l’ambizione di essere totalmente auto-sostenuta per mezzo di fonti rinnovabili: le aree circostanti le zone abitate, pertanto, saranno occupate da generatori eolici e fotovoltaici, centri di ricerca e terreni agricoli – per il cibo ma anche per le biomasse. Si stima che la città, a regime, avrà un fabbisogno energetico compreso tra 200 e 240 Mw, che verranno ottenuti per l’80% proprio dal sole, data la posizione geografica e il clima particolarmente favorevole allo sfruttamento di energia solare.

Il lotto del Masdar Institute è il primo di sette fasi costruttive, che si completeranno nei prossimi anni – tutte all’insegna della sostenibilità. Masdar City è stata pensata per ospitare 50.000 residenti, 15.000 imprese commerciali e aziende per la fabbricazione e la vendita di prodotti ecocompatibili; in aggiunta, ci si aspetta che oltre 40.000 persone ogni giorno arriveranno downtown per motivi di lavoro. Un lavoro che, date le premesse, non potrà che essere completamente green.

Masdar si fa promotrice e sponsorizza prestigiose iniziative internazionali nei campi delle energie alternative e dell’eco-sostenibilità. Nel mese di gennaio 2010, infatti, ha ospitato per la terza volta consecutiva il World Future Energy Summit, una piattaforma collaborativa per capi di Stato, scienziati e uomini d’affari che arrivano da tutto il mondo per discutere le problematiche energetiche e ambientali e, soprattutto, attivare collaborazioni economicamente fruttuose e allo stesso tempo sostenibili. Nelle edizioni precedenti hanno partecipato al Summit, tra gli altri, Tony Blair, il principe Carlo d’Inghilterra, il Presidente delle Maldive Mohamed Nasheed e il premio Nobel per la Pace Rajendra Pachauri, Presidente dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change).

Nelle prossime settimane Masdar sarà Global Future Energy Partner di GLOBE 2010, la fiera che si terrà a Vancouver dal 21 al 24 marzo 2010. Un’iniziativa biennale che, sin dal 1994, coinvolge circa 10.000 professionisti da settanta diversi paesi per discutere di green economy e di business sostenibile, generando ogni anno un volume di affari di oltre 400 milioni di dollari. Membri del Governo, amministratori delegati e tecnologi ambientali si metteranno in gioco in un ricco programma di conferenze per discutere di cambiamenti climatici, emissioni nocive, questioni energetiche e architettura sostenibile. Tra i partecipanti più significativi delle edizioni precedenti il principe Filippo del Belgio, l’ambientalista canadese Maurice Strong, Klaus Töepfer, teorico del “Capitalismo NaturaleAmory Lovins e l’industriale Ray Anderson, dichiarato nel 2007 “eroe dell’ambiente” dalla prestigiosa rivista Time.

Eva Filoramo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende