Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Milano, i referendum cittadini e una difficile scommessa chiamata Expo:

Milano, i referendum cittadini e una difficile scommessa chiamata Expo

Qualche segnale positivo c’è ma il rischio bocciatura incombe: Milano sta perdendo l’occasione d’impostare con l’Expo un modello di città più sostenibile e vivibile, indicato dai cittadini con i referendum ambientali del 2011. Secondo la Consulta per l’attuazione dei referendum consultivi, Palazzo Marino è molto indietro nell’attuare i quesiti, promossi da Milanosimuove, e approvati a larghissima maggioranza tre anni fa. La Giunta Pisapia si fermerebbe a meno del 30% degli obiettivi.

“Le proposte emerse dai referendum sono state condivise da Consiglio e Giunta – spiega Edoardo Croci, ex-Assessore alla Mobilità, Trasporti e Ambiente sotto la Madonnina, ora alla guida della Consulta – Diamo atto che qualcosa è stato fatto, soprattutto sulla riduzione del traffico e su bike e car sharing, oggi molto apprezzati. Ma su altri aspetti, come l’orario notturno della metro o la pedonalizzazione del centro storico, siamo in alto mare. Rischiamo di perdere una straordinaria occasione di trasformazione complessiva della città, che avrebbe potuto coincidere con Expo” avverte Croci.

Dalla relazione presentata dalla Consulta (formata da 15 membri designati da Università e associazioni ambientaliste e nominati dal Sindaco) emerge che il primo referendum sulla mobilità risulterebbe attuato al 40%. Il quesito chiedeva al Comune di ridurre traffico e smog attraverso il potenziamento dei mezzi pubblici, l’ecopass e la pedonalizzazione del centro. “Il trasporto pubblico è stato potenziato ed effettivamente il traffico a Milano è diminuito – riferisce Croci – Come pure significativo è stato il passaggio dalla formula ecopass a quella dell’Area C, quindi da un modello di pollution charge (in cui paga di più il veicolo dalle maggiori emissioni, ndr) a un modello di congestion charge, in cui tutti pagano lo stesso pedaggio, che ha ridotto la circolazione dei mezzi privati in quell’area”. Dal 2010, infatti, sono state registrate nella Cerchia dei Bastioni, il centro di Milano, circa 38mila auto in meno ogni giorno, per un totale di 25 milioni di accessi in meno in tre anni nella ZTL, secondo quanto dichiarato dall’Amministrazione a metà gennaio.

Rivendica un “vero cambio di passo in termini di mobilità” l’assessore alla Mobilità Pierfrancesco Maran: “Se diminuiscono le auto in circolazione è anche grazie al fatto che i milanesi stanno cambiando le proprie abitudini, preferendo i mezzi in condivisione e i mezzi pubblici per i propri spostamenti”. Non solo divieti e restrizioni, suggerisce l’assessore, ma l’offerta di valide alternative all’auto privata ha finalmente permesso miglioramenti notevoli della qualità dell’aria: in area C, le emissioni di Pm10 sono diminuite del 38% in 4 anni. Positivi anche i dati sul black carbon, il micidiale carbonio elementare contenuto nel Pm10, diminuito del 59%. Si registra infine un netto calo, sempre rispetto al 2010, anche delle emissioni di gas climalteranti dovute al traffico stradale: -28% per l’anidride carbonica, -16% per il metano, -28% per il protossido d’azoto.

Ma la lunga gestazione del Piano per la Mobilità Sostenibile (Pums), fa notare Croci, sta rinviando scelte strategiche importanti come la pedonalizzazione o l’ampliamento dell’area C.

Colpa dei tagli di risorse, che negli ultimi anni mettono in non poche difficoltà i bilanci degli Enti locali? “Nelle proposte dei referendari era chiaramente indicato dove reperire le risorse – afferma Croci. – L’allargamento dell’area C avrebbe avrebbe prodotto circa 200 milioni di euro di introiti da pedaggi. Li si poteva investire in trasporto pubblico, per allungare l’orario notturno dei servizi”.

Sugli altri referendum (verde pubblico, opere dell’Expo da mantenere, efficienza energetica degli edifici, risistemazione della Darsena e dei Navigli) il giudizio della Consulta è variegato. “Sono stati compiuti disegni frammentari, ma è mancata una vera cabina di regia che ne pianificasse unitariamente la realizzazione”.

Ma rispetto alla conservazione delle opere nate con l’Expo, la Consulta registra una situazione preoccupante. “Le risorse più importanti, circa 1 miliardo di euro, erano state assegnate dal Governo per le linee della metro, definite essenziali – racconta Croci. – Ma entro l’Expo forse sarà finita solo la M5. La M4 arriverà ma in ritardo”. Croci punta il dito soprattutto sulla mancata pianificazione dell’eredità dell’Expo: “Non si sa cosa resterà dell’area. Il progetto originario prevedeva un grande parco con 5 cupole trasparenti, quante le aree della Terra. Ma è stato abbandonato. E’ lecito pensare che quasi tutto sarà abbattuto”. Nessuna delle varie ipotesi sul futuro dell’area, che pure è ben collegata con la città – la linea 1 della metro porta fino a Rho, e l’Expo è subito dopo la fiera -, sembrano realizzabili a breve. Si è parlato di uno stadio, di un centro ricerche, di sedi distaccate dell’ateneo milanese. “Rischiamo diventi, per anni, un’area degradata” denuncia Croci. “Quando invece il Comune, azionista della società Arexpo proprietaria del terreno, avrebbe potuto giocare un forte ruolo di regia, di regolazione urbanistica”.

Tra i fenomeni di corruzione scoperti, il rischio di danni ambientali legati alla canalizzazione delle vie d’acqua e la partita incerta dell’area, con una gara andata deserta, “il modello milanese di Expo è un modello con molte colpe”, conclude Croci.

Delle valutazioni della Consulta si farà ora carico la Commissione consiliare sui referendum, presieduta da Marco Cappato. La presentazione della relazione, la scorsa settimana, ha registrato apprezzamenti bipartisan dai consiglieri comunali, che l’hanno vista come uno stimolo a fare il più possibile in quest’ultimo scorcio di mandato. Un po’ meno entusiasta la Vicesindaco, pare. Ada Lucia De Cesaris è infatti titolare proprio delle deleghe su Urbanistica ed Edilizia nonché esperta di diritto ambientale. Proprio gli ambiti in cui la relazione tra Milano e l’Expo rischia il cortocircuito…

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende