Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » MilanoSiMuove: quattro nuovi referendum vincolanti per pensare al post-Expo:

MilanoSiMuove: quattro nuovi referendum vincolanti per pensare al post-Expo

Edoardo Croci e Marco Cappato, presidente e segretario di MilanosiMuove, il 28 maggio avevano depositato a Palazzo Marino le prime 100 firme di quattro nuovi referendum riguardanti ambiente, mobilità pulita, edilizia sociale e la riapertura dei Navigli. Da domani, per tutto il weekend, i cittadini milanesi potranno iniziare a firmarli.

Con questi quattro nuovi quesiti il Comitato propone ai milanesi nuovi cambiamenti secondo un’idea di valorizzazione della qualità della vita urbana. Già nel 2011, si era aperta la strada con i primi referendum per traghettare Milano nell’era delle smart e green city, con iniziative che hanno portato cambiamenti significativi, ma in questi anni è mancato un vero progetto strategico e l’eccessiva settorialità si è rivelata deleteria per raggiungere un disegno complessivo.

“Firmando i 4 referendum, i milanesi hanno ora l’opportunità di dare un contributo forte e diretto al miglioramento della qualità della vita attraverso un grande investimento duraturo in infrastrutture e servizi a favore dell’ambiente, della mobilità sostenibile e dell’edilizia sociale”, hanno dichiarato Croci e Cappato. “Nonostante tutti ripetano che la cosa più importante sono i programmi, i partiti sono invece concentrati su nomi e schieramenti per le elezioni. I referendum sono lo strumento civico perché le idee e le proposte tornino al centro al dibattito pubblico e per andare avanti nel processo di trasformazione urbana che i cittadini hanno chiesto con i primi 5 referendum del 2011“. “I risultati positivi che ci sono stati con Ecopass e Area C vanno allargati a tutta la città. La Darsena ritrovata deve essere il primo passo per la riapertura dei Navigli. E’ ora di pensare al post EXPO non solo per il sito, ma per la trasformazione sostenibile dell’intera città.”

Il format dei referendum proposti è decisamente innovativo perché vincolante in modo giuridico e formale. A garanzia della loro realizzazione, se i referendum saranno approvati, anche la completa copertura economica sarà garantita.

Questi “paletti” danno conforto alla popolazione e vincolano anche il dibattito elettorale: chiunque ricopra il prossimo mandato amministrativo sarà tenuto a rispettare le decisioni espresse dai milanesi. Il carattere propositivo – e non solo consultivo – di questi referendum rappresenta una strada sostanzialmente inesplorata, che travalica i confini della politica tradizionale e coinvolge la cittadinanza nella gestione concreta della Polis. La qualità della vita cittadina e la sostenibilità non hanno infatti fazioni e l’investimento sul futuro dev’essere una priorità super partes. “La totale trasversalità politica costringe al confronto con la meritocrazia e il voto mira a condizionare la prossima amministrazione” spiegano Croci e Cappato.

I referendum, del resto, rispondono al desiderio milanese di una trasformazione urbana sostenibile, anche socialmente. Nello specifico i documenti propongono entro il 2020 la messa a disposizione di 25.000 nuovi alloggi in bioedilizia sociale, senza consumo di suolo ma riconvertendo immobili inutilizzati, riqualificandoli energeticamente e ripristinando sicurezza e legalità. Il secondo referendum chiede invece la riapertura dei Navigli e la loro navigabilità, e il terzo propone lo sviluppo di un piano integrato per la mobilità sostenibile che includa l’ampliamento dell’area C fino ai limiti della cerchia ferroviaria, la sesta metro, la rimozione delle barriere architettoniche e più zone pedonali e piste ciclabili, e la creazione di zone a basse emissioni su tutto il territorio comunale per veicoli diesel e motorini a due tempi. Il quarto referendum prevede il miglioramento del verde pubblico con la creazione dei Raggi Verdi, una rete che colleghi i parchi milanesi con percorsi alberati e ciclabili per 72 km totali, per una città più integrata con la natura, grazie anche al raddoppio degli spazi verdi e la destinazione a parco pubblico del 50% dei grandi interventi di trasformazione urbanistica.

Il costo stimato per attuare questi progetti è di circa due miliardi di euro e saranno garantiti da un nutrito gruppo di finanziatori pubblici e privati tra cui A2A, SEA, e numerose aziende lontane da interessi diretti sul territorio (condizione che esclude, ad esempio, ATM). Inoltre si è calcolato che i profitti derivanti dall’estensione dell’area C ammonteranno fino circa a 150 milioni annui e saranno reinvestiti nei progetti di mobilità sostenibile. Alla paura da privatizzazione, Croci risponde che questa è già in atto ma bisogna evitare che i monopoli si concentrino troppo sul profitto e poco su quello che vuole davvero il cittadino ovvero un servizio garantito ed efficiente. “Bisogna promuovere un’autonomia civica non il volere di pochi padroni”, precisa Croci. Mentre Marco Cappato ricorda che “chiunque può entrare nel comitato promotore: sarà la forza delle idee a favorire la crescita”.

L’appuntamento con la stampa è dunque sabato 27 giugno, alle ore 12, al banchetto di raccolta firme di Piazza San Babila.

Valeria Senigaglia

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende