Home » Idee »Progetti »Smart City » Off-Grid Academy a Capraia, villaggi indipendenti che autoproducono luce, acqua e gas:

Off-Grid Academy a Capraia, villaggi indipendenti che autoproducono luce, acqua e gas

ottobre 17, 2012 Idee, Progetti, Smart City

Mentre il presente è sempre più connesso, il futuro potrebbe essere totalmente Off-Grid, fuori dalle reti: una rivoluzione. O meglio: “la chiusura del cerchio”, come l’hanno definita, ieri, a Roma, alla conferenza stampa di presentazione dell’Off-Grid Academy, il primo centro di ricerca e formazione sui sistemi “a isola”, ecologici e autosufficienti, che sta per nascere sull’isola di Capraia, col patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano e del Comune di Capraia.

Per ora è solo un prototipo sviluppato dalla Fabbrica del Sole, la cooperativa inserita in un network di società specializzate in fonti rinnovabili: “Una struttura interamente autosufficiente, non collegata ad alcuna rete ed in grado di gestire i normali fabbisogni di energia, gas, acqua, reflui, connettività”, spiega il presidente del Comitato Scientifico de La Fabbrica, Emiliano Cecchini. Zero bollette insomma, che in tempi di crisi – economica ed energetica – è più di una buona notizia. “Una realtà che scambia con l’ecosistema solo vento, sole e pioggia”, prosegue, “senza consumare risorse né tanto meno inquinare”.

L’elettricità è prodotta grazie alle fonti rinnovabili presenti sul territorio in cui sorge la struttura: “Sole, vento, acqua, geotermia sono stoccati grazie alla molecola d’idrogeno, che assolve a una funzione di accumulo nei momenti in cui non splende il sole e non tira vento”, sottolinea Cecchini. Se fosse calcolabile in bolletta, il risparmio sarebbe di circa 1.500 euro l’anno.

L’idrogeno, poi (ottenuto in modo naturale da acqua demineralizzata, attraversata da energia elettrica), combinato con energia solare e biomassa, è un sostituto del metano per il riscaldamento: “Grazie a pannelli solari termici che coprono il tetto dell’abitazione”, spiega sempre Cecchini, “il calore è veicolato all’interno dal sistema di riscaldamento domestico”: L’energia termica ottenuta dal sole può essere stoccata per riscaldare d’inverno e rinfrescare d’estate. Risparmio, a partire da 1.000 euro l’anno.

È possibile risparmiare, inoltre, circa 40mila litri di acqua potabile, una voce particolarmente pesante per una famiglia media italiana – che arriva a spendere 40 euro al mese – tramite un sistema di fitodepurazione: “Possiamo raccogliere le acque di scarto in una vasca larga tre metri, lunga quattro e profonda uno, depurarle naturalmente grazie a particolari piante e riutilizzarle almeno per scaricare il wc, chiudendo il ciclo”. Anche l’acqua depurata è stoccata in accumuli stagionali, a una temperatura costante di circa 15°C.

Quanto ai rifiuti – le cui tariffe, in Italia, vanno da 120 a 530 euro l’anno – per la frazione compostabile, possono essere utilizzati per la realizzazione di orti domestici, con un risparmio di circa 80 euro mensili nell’acquisto di ortaggi. E anche le biomasse della vasca di fitodepurazione possono essere riutilizzate come fertilizzante degli orti e per alimentare i batteri di purificazione delle acque.

“Con un investimento iniziale pari a 10.000 euro per un’abitazione moderna, del tutto scollegata dalle reti di grande distribuzione, è possibile risparmiare da subito circa 1.500 euro al mese, per oltre venti anni“, dice Marco Tulli, Presidente della Off-Grid Academy di Capraia, dove dal 19 al 21 ottobre si svolgeràL’isola che non c’è(ra)”, il primo laboratorio di formazione e ricerca nato per “rivoluzionare la rete”. “Un luogo  dove si terranno lezioni rivolte agli addetti ai lavori, come architetti, professionisti, tecnici, ma anche a studenti, cittadini e bambini, con gli insegnanti già a partire da maggio prossimo”, racconta l’Assessore comunale al Turismo di Capraia, Fabio Mazzei.

“Uno dei problemi che soffre territorio è proprio la produzione e la gestione dell’energia, in molti casi veramente poco compatibile con le finalità e le realtà di un Parco”, commenta il Presidente del Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano Giampiero Sammuri. “Pensare di autoprodurre energia e di gestire sul posto risorse come acqua e cibo, senza devastare l’ambiente e spostare grandi volumi di carburante o di rifiuti, è una prospettiva rivoluzionaria per tutti, e certamente il sistema dei parchi italiani sarebbe il primo a trarne beneficio, oltre che a prestarsi come laboratorio perfetto di sperimentazione”. Non solo: il progetto mira a recuperare, restaurandolo, un sito, dove installare la tecnologia Total Off-Grid, trasformandolo così in un prototipo.

“Il progetto è rivoluzionario”, conclude Tulli, “qui non si tratta banalmente di scollegare una realtà dalle reti per renderla autosufficiente, ma di rifondare un nuovo paradigma, provando a realizzare una sintesi virtuosa di tradizione e tecnologia, passato e futuro”. Perché “prima di costruire una società nuova occorre immaginarla”. E questo vuol dire calcolare prima, non solo il risparmio economico e ambientale che il progetto promette di realizzare, ma anche quello “esistenziale”. Che non ha prezzo. Appuntamento, dunque, il 19 ottobre a Capraia, l’isola che ora c’è.

Ilaria Donatio

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende