Home » Progetti »Rassegna Stampa » Nasce Green Touch, il consorzio per abbattere le emissioni ICT:

Nasce Green Touch, il consorzio per abbattere le emissioni ICT

gennaio 13, 2010 Progetti, Rassegna Stampa

Courtesy of ST BOniface's Catholic CollegeE’ stato presentato lunedì a Londra Green Touch: il consorzio coordinato da Bell Labs, la divisione ricerca di Alcatel-Lucent, che mira a rendere le reti di telecomunicazione più efficienti dal punto di vista energetico, rispetto ad oggi, per contrastare il problema dei cambiamenti climatici. Greentouch unisce le forze di alcuni dei principali operatori telefonici al mondo (AT&T, China Mobile, Telefonica, Portugal Telecom e Swisscom), produttori di chip come Freescale Semiconductor e i ricercatori del Mit, dell’Università di Stanford e di quella di Melbourne, con un budget di decine di milioni di euro, proveniente sia dall’industria privata che dai governi di Usa, Gran Bretagna, Francia, Corea e Portogallo.

Come rilevato dal Ministro per l’Energia e il Cambiamento Climatico inglese Ed Milliband, Green Touch rappresenta dunque un “avvicinamento stretto dell’industria con il mondo accademico per creare la ricerca, la tecnologia e le soluzioni necessarie per ridurre le emissioni di CO2″. Una visione di partnership “trasversale” ai diversi operatori condivisa dal Segretario per l’Energia degli Stati Uniti, Steven Chu: “Le vere sfide mondiali hanno sempre trovato la loro risposta più adeguata unendo le menti migliori in un ambiente creativo e senza limitazioni. Questo è l’approccio che abbiamo seguito per mandare un uomo sulla luna ed è il medesimo che dobbiamo seguire per affrontare la crisi del surriscaldamento mondiale“.

Il consorzio ha come obiettivo la creazione di nuove tecnologie che consentano, nei prossimi cinque anni, di ridurre di 1.000 volte il consumo energetico delle reti ICT che, globalmente, producono 300 milioni di tonnellate di biossido di carbonio ogni anno, pari alle emissioni di circa 50 milioni di automobili. Una riduzione ambiziosa, che corrisponde alla possibilità di alimentare le reti – a parità di prestazioni – per tre anni con la stessa quantità di energia oggi impiegata per il loro funzionamento di un solo giorno.

“Nel corso del prossimo decennio”, spiega Gee Rittenhouse, a capo del consorzio e vice presidente dei Bell Labs, “miliardi di persone caricheranno e condivideranno video, immagini e informazioni su reti pubbliche. Ci aspettiamo anche che l’uso di ICT aumenti drammaticamente nel momento in cui altri settori utilizzeranno i network per ridurre le emissioni di CO2. Tutto ciò comporta una crescita esponenziale del consumo di energia che noi, come industria, dovremo affrontare unitamente. Questo consorzio raccoglie innovazioni ed esperienze da tutto il mondo con l’obiettivo di incrementare l’efficenza e compiere importanti passi avanti nel campo della riduzione delle emissioni delle ICT”.

La prima riunione del consorzio si terrà a febbraio, per varare un piano di organizzazione quinquennale.

I membri fondatori della Green Touch Initiative comprendono:

  • Laboratori industriali: i Bell Labs di Alcatel-Lucent, il Samsung Advanced Institute of Technology (SAIT), Freescale Semiconductor.
  • Operatori di TLC: China Mobile, Portugal Telecom, Swisscom, Telefonica.
  • Laboratori universitari di ricerca: il Massachusetts Institute of Technology (MIT). Il Research Laboratory for Electronics (RLE), il Wireless Systems Lab (WSL) della Stanford University, l’Institute for a Broadband Enabled Society (IBES) dell’Università di Melbourne.
  • Istituti pubblici e organizzazioni di ricerca no-profit: il CEA-LETI Applied Research Institute for Microelectronics (Grenoble, Francia), Imec (con sede a Lovanio, Belgio), l’Istituto Nazionale per la Ricerca Informatica e Automazione (INRIA) in Francia.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende