Home » Eventi »Progetti » Nasce UPBIO, un più per il mondo del bio:

Nasce UPBIO, un più per il mondo del bio

novembre 16, 2011 Eventi, Progetti

Qualcuno, per benedire la nuova creatura, cita San Francesco. Il santo disse: «Chi lavora con le mani e la testa è un artigiano, chi lavora con le mani, la testa e il cuore è un artista». E in quest’ultimo gruppo, rientrano a buon diritto anche gli agricoltori.

Siamo a Roma, nel giorno della nascita dell’Unione nazionale Produttori Biologici e Biodinamici, in seno a Federbio. Cinque associazioni nazionali, 11 regionali e 14 Organizzazioni di produttori danno vita a un’associazione che rappresenterà quasi 20.000 aziende biologiche e biodinamiche, circa la metà degli operatori del settore. Un rafforzamento della sezione produttori della Federazione, che raccoglie anche operatori di altri segmenti della filiera (trasformazione, distribuzione, certificazione, tutela). Lo scopo primario, spiega Ignazio Cirronis, coordinatore della sezione Soci Produttori di Federbio, è «dare voce diretta e univoca al mondo produttivo biologico aggregando le diverse organizzazioni e associazioni, che fino ad oggi hanno agito in ordine sparso».

Alla prima assemblea, prendono la parola tanti produttori delle diverse regioni d’Italia. Molti sono volti storici del nostro biologico, come Bruno Sebastianelli, presidente della cooperativa La terra e il cielo di Piticchio (Ancona), nata nel 1980. «La cooperativa è formata da una trentina di aziende. Produciamo, trasformiamo e commercializziamo i nostri prodotti, soprattutto a base di cereali, cercando di salvaguardare il reddito degli agricoltori», racconta. Angelo Minisci è a capo di un gruppo di aziende biologiche in Calabria e ha creato il marchio Biosybaris, con cui commercializza clementine Igp, frutta e ortaggi. «Esportiamo in Usa, Canada, Inghilterra e Nord Europa, e stiamo cercando di arrivare in Giappone. Mi piacerebbe creare un’organizzazione di produttori per esportare all’estero le eccellenze italiane biologiche».  Giulietta Mulini, invece, è la giovane titolare dell’Azienda Cresta del Pino Solitario di Fosdinovo (Massa Carrara), e presidente dell’Asssociazione Crisperla, di cui «fanno parte – spiega – anche una cooperativa che fa pesca sostenibile e una che lavora il pesce per fare prodotti biologici. Lavoriamo soprattutto nelle aree marginali e di montagna, e ci aspettiamo da Upbio una maggiore attenzione ai piccoli produttori».

Cirronis spiega, punto per punto, la strategia di Upbio, il piano d’attacco per valorizzare al meglio una tendenza di costante aumento dei consumi biologici, «che crescono a doppia cifra anche nel periodo di crisi in cui ci troviamo». I nodi da affrontare sono tanti, e partono proprio dagli ostacoli che gli operatori si trovano a dover superare ogni giorno: l’eccessiva burocrazia («impegna quasi mezza annata di lavoro»), gli «eco furbi» e la concorrenza sleale «di chi produce falso bio e di chi produce bio in altre aree del pianeta, senza rispettare le stesse regole». Le azioni da intraprendere sono tante: sburocratizzare, creare «un logo del biologico italiano, in modo da comunicare in modo trasparente ai consumatori l’origine dei prodotti», puntare sulla multifunzionalità, omogeneizzare gli standard di qualità, intervenire nel dibattito sui Piani di Sviluppo Rurale, di competenza regionale. A tutto questo si aggiungono altri due temi, cari ai produttori: il credito e la filiera corta. «Dobbiamo chiederci perché il numero delle aziende non cresce più.  Firmeremo un accordo con Banca Etica per sostenere anche le aziende in fase di conversione, gli anni più difficili per un’azienda biologica», continua Cirronis. Per quanto riguarda invece le filiere a chilometro zero, c’è l’idea di «creare punti vendita nelle maggiori città italiane, gestiti direttamente dai produttori di Upbio», oltre a fare accordi anche con la grande distribuzione.

Gli agricoltori e le associazioni fanno le loro richieste. Chiedono aiuto nel dialogo con le istituzioni (a partire «dall’organizzazione di mercati contadini», insiste Giulietta Mulini) e fronte comune contro gli Ogm («se arrivano nel biologico siamo spacciati», chiosa Sergio Pascolo, friulano, titolare della prima azienda in Italia ad allevare galline con metodo biologico). Ivo Bertaina, presidente di Agribio Piemonte e grande conoscitore del settore, dice che si impegnerà per «aumentare la qualità delle sementi e perché ci sia più ricerca sui preparati biodinamici». Poi si accende la polemica sugli organismi di certificazione: «Non tutti – concordano gli agricoltori – lavorano con la stessa serietà. Ce ne sono alcuni che si avvalgono di tecnici inesperti, pagati appena 40 euro per azienda». E anche sulla strada da seguire non ci sono dubbi: «Valorizzare il biologico autentico, a scapito di quello falso e di quello fatto solo per i contributi».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende