Home » Eventi »Progetti » Nasce UPBIO, un più per il mondo del bio:

Nasce UPBIO, un più per il mondo del bio

novembre 16, 2011 Eventi, Progetti

Qualcuno, per benedire la nuova creatura, cita San Francesco. Il santo disse: «Chi lavora con le mani e la testa è un artigiano, chi lavora con le mani, la testa e il cuore è un artista». E in quest’ultimo gruppo, rientrano a buon diritto anche gli agricoltori.

Siamo a Roma, nel giorno della nascita dell’Unione nazionale Produttori Biologici e Biodinamici, in seno a Federbio. Cinque associazioni nazionali, 11 regionali e 14 Organizzazioni di produttori danno vita a un’associazione che rappresenterà quasi 20.000 aziende biologiche e biodinamiche, circa la metà degli operatori del settore. Un rafforzamento della sezione produttori della Federazione, che raccoglie anche operatori di altri segmenti della filiera (trasformazione, distribuzione, certificazione, tutela). Lo scopo primario, spiega Ignazio Cirronis, coordinatore della sezione Soci Produttori di Federbio, è «dare voce diretta e univoca al mondo produttivo biologico aggregando le diverse organizzazioni e associazioni, che fino ad oggi hanno agito in ordine sparso».

Alla prima assemblea, prendono la parola tanti produttori delle diverse regioni d’Italia. Molti sono volti storici del nostro biologico, come Bruno Sebastianelli, presidente della cooperativa La terra e il cielo di Piticchio (Ancona), nata nel 1980. «La cooperativa è formata da una trentina di aziende. Produciamo, trasformiamo e commercializziamo i nostri prodotti, soprattutto a base di cereali, cercando di salvaguardare il reddito degli agricoltori», racconta. Angelo Minisci è a capo di un gruppo di aziende biologiche in Calabria e ha creato il marchio Biosybaris, con cui commercializza clementine Igp, frutta e ortaggi. «Esportiamo in Usa, Canada, Inghilterra e Nord Europa, e stiamo cercando di arrivare in Giappone. Mi piacerebbe creare un’organizzazione di produttori per esportare all’estero le eccellenze italiane biologiche».  Giulietta Mulini, invece, è la giovane titolare dell’Azienda Cresta del Pino Solitario di Fosdinovo (Massa Carrara), e presidente dell’Asssociazione Crisperla, di cui «fanno parte – spiega – anche una cooperativa che fa pesca sostenibile e una che lavora il pesce per fare prodotti biologici. Lavoriamo soprattutto nelle aree marginali e di montagna, e ci aspettiamo da Upbio una maggiore attenzione ai piccoli produttori».

Cirronis spiega, punto per punto, la strategia di Upbio, il piano d’attacco per valorizzare al meglio una tendenza di costante aumento dei consumi biologici, «che crescono a doppia cifra anche nel periodo di crisi in cui ci troviamo». I nodi da affrontare sono tanti, e partono proprio dagli ostacoli che gli operatori si trovano a dover superare ogni giorno: l’eccessiva burocrazia («impegna quasi mezza annata di lavoro»), gli «eco furbi» e la concorrenza sleale «di chi produce falso bio e di chi produce bio in altre aree del pianeta, senza rispettare le stesse regole». Le azioni da intraprendere sono tante: sburocratizzare, creare «un logo del biologico italiano, in modo da comunicare in modo trasparente ai consumatori l’origine dei prodotti», puntare sulla multifunzionalità, omogeneizzare gli standard di qualità, intervenire nel dibattito sui Piani di Sviluppo Rurale, di competenza regionale. A tutto questo si aggiungono altri due temi, cari ai produttori: il credito e la filiera corta. «Dobbiamo chiederci perché il numero delle aziende non cresce più.  Firmeremo un accordo con Banca Etica per sostenere anche le aziende in fase di conversione, gli anni più difficili per un’azienda biologica», continua Cirronis. Per quanto riguarda invece le filiere a chilometro zero, c’è l’idea di «creare punti vendita nelle maggiori città italiane, gestiti direttamente dai produttori di Upbio», oltre a fare accordi anche con la grande distribuzione.

Gli agricoltori e le associazioni fanno le loro richieste. Chiedono aiuto nel dialogo con le istituzioni (a partire «dall’organizzazione di mercati contadini», insiste Giulietta Mulini) e fronte comune contro gli Ogm («se arrivano nel biologico siamo spacciati», chiosa Sergio Pascolo, friulano, titolare della prima azienda in Italia ad allevare galline con metodo biologico). Ivo Bertaina, presidente di Agribio Piemonte e grande conoscitore del settore, dice che si impegnerà per «aumentare la qualità delle sementi e perché ci sia più ricerca sui preparati biodinamici». Poi si accende la polemica sugli organismi di certificazione: «Non tutti – concordano gli agricoltori – lavorano con la stessa serietà. Ce ne sono alcuni che si avvalgono di tecnici inesperti, pagati appena 40 euro per azienda». E anche sulla strada da seguire non ci sono dubbi: «Valorizzare il biologico autentico, a scapito di quello falso e di quello fatto solo per i contributi».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende