Home » Non-Profit »Pratiche »Progetti » Natura & cultura: il turismo sostenibile cerca paesaggi, non solo capolavori:

Natura & cultura: il turismo sostenibile cerca paesaggi, non solo capolavori

novembre 14, 2013 Non-Profit, Pratiche, Progetti

Luca Dal Pozzolo insegna Composizione Architettonica e Urbana al Politecnico di Torino ed è Vicepresidente della Fondazione Fitzcarraldo, che da anni si occupa di progettazione, ricerca e formazione sulle politiche per la cultura e i progetti culturali. Il suo è un punto di vista privilegiato sulle sinergie tra natura e cultura che, spiega, esistono e sono significative, anche in un’ottica turistica: “Il paesaggio deve essere posto al centro dei piani per il rilancio dei sistemi urbani. Il turismo culturale cerca anche paesaggi e non solo capolavori. Per abilitare questi comportamenti bisogna avere un’offerta distesa sul territorio e non un solo punto da vedere. E si dà il caso che la costruzione di ambienti simili non sia solo un modo di fare un favore ai turisti, ma anche una via per aumentare la qualità della vita degli abitanti di un luogo”. Per questo, la formula su cui bisogna puntare sono i corridoi di alto valore ambientale, che connettano tra loro i vari siti di attrazione, ottenendo così, al posto di tanti punti, un vero e proprio tessuto monumentale e culturale.

D) Professor Dal Pozzolo, quali sono le possibili sinergie tra natura e cultura?

R) Tra queste due dimensioni c’è un legame forte. Il paesaggio è un carattere ineliminabile dell’offerta turistica: bisogna collocare i monumenti in posti degni. Il turismo culturale, d’altra parte, a differenza di quello di massa, ha per oggetto i territori più che i singoli monumenti ed è fatto da persone che vogliono apprezzare la qualità dello stare in un luogo. Per abilitare questi comportamenti bisogna avere un’offerta distesa sul territorio e non un solo punto da vedere. E si dà il caso che la costruzione di ambienti simili non sia solo un modo di fare un favore ai turisti, ma anche una via per aumentare la qualità della vita degli abitanti di un luogo.

D) Qualche esempio?

R) Uno su tutti, quello delle Residenze Sabaude intorno a Torino. Su di esse si è intervenuti spesso a livello edilizio, ma ciascuna è inserita in un contesto ambientale di grandissimo valore. Oltre agli edifici,  anche gli esterni vanno valorizzati e costruiti: l’insieme delle residenze configura infatti un’interessante panoramica sulla storia dei giardini dal 1600 – si veda Villa della Regina – ai giorni nostri. È poco usuale che in un circuito tematico ci sia la possibilità di osservare giardini di tanti stili diversi. Il turismo dei giardini, di cui di solito non si tiene conto, è in realtà un target importante, che conta qualche milione di turisti in Europa. Le Residenze Sabaude stanno “a corona” di Torino, erano state disposte in modo da poter fare a cavallo il giro di tutte in una giornata. Questo sistema di connessione costituito da grandi viali è stato di fatto sostituito dalla Tangenziale, e oggi la connessione tra le diverse residenze è complicata e non piacevole, perché per un turista è dura passare da un posto detestabile a una meraviglia. Una soluzione è la ricostruzione di paesaggi  e percorsi, anche di mobilità dolce, che riconnettano tra loro questi monumenti. In quest’ottica, il progetto regionale Corona Verde, che tenta di recuperare una continuità paesaggistica intorno all’area urbana, è molto importante.

D) Molte infrastrutture verdi sono state distrutte nei decenni passati, che cosa è andato perduto?

R) Per rimanere al caso torinese, lo sprawl urbano ha cancellato i segni dei borghi e dei tracciati preesistenti. In occasione dei festeggiamenti del 1961 per i 100 anni dell’Unità d’Italia, tutto l’interesse era concentrato sullo sviluppo industriale e nessuno a Torino faceva caso al patrimonio culturale, che vantava alcuni luoghi-simbolo dell’Unità d’Italia. Negli anni ’60-’70 abbiamo addirittura rischiato di perdere il Castello di Rivoli: un progetto delirante prevedeva di raderlo al suolo per costruire un eliporto a servizio dei vigneti attorno, per spargere meglio il verderame sulle viti usando gli elicotteri!

D) In questi giorni Torino ha ospitato Artissima e la prima Borsa Internazionale delle Mostre. In che modo le iniziative incentrate sulla cultura possono aiutare a salvaguardare il paesaggio?

R) Le iniziative culturali senza dubbio servono. Il tema è che il paesaggio deve essere messo al centro dei piani per il rilancio dei sistemi urbani. Il turismo culturale, come dicevo, cerca anche paesaggi e non solo capolavori…

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende