Home » Idee »Progetti » Oosterwold, Olanda: le città del futuro sono “Do It Yourself”:

Oosterwold, Olanda: le città del futuro sono “Do It Yourself”

maggio 10, 2012 Idee, Progetti

L’acronimo “DIY” che sta per “Do It Yourself” potrebbe diventare di uso comune nell’ambito della pianificazione urbana. Nell’età contemporanea, grazie soprattutto alle tecnologie informatiche, come ad esempio le stampanti in 3D e la diffusione quasi onnipresente della connettività a internet, imprese che prima potevano essere realizzate solo dalle grandi corporazioni e società, oggi possono essere effettuate senza problemi dai singoli individui. D’altronde il termine DIY sta ad indicare proprio questo genere di attitudine. Resta solo da chiedersi se un processo così diffuso e complicato come lo è la pianificazione urbana, possa essere “do it yourself”. La risposta arriva da una compagnia olandese che opera nel settore dell’architettura, la MVRDV, che ha dato vita al progetto Almere Oosterwold. Si tratta della realizzazione di un intero quartiere, quello di Oasterwold, tramite la partecipazione diretta dei cittadini alla sua pianificazione urbana.

L’obiettivo della MVRDV è quello di attuare una pianificazione urbana dal basso verso l’alto, in cui le necessità dell’individuo e della comunità siano messe sullo stesso piano del progetto urbanistico. Oosterwold viene così definito come “qualcosa di meno rispetto a una proposta di mero design, e qualcosa di più rispetto a una semplice proposta di sviluppo strategico”.

Ma in che modo si potrà realizzare la pianificazione urbana dal basso? La comunità, come accade per molti progetti di sviluppo urbano, non conosce chiaramente la data in cui il quartiere sarà ultimato. Sono stati però stabiliti dei principi guida, come le percentuali di come deve essere utilizzato il totale dei terreni disponibili: il 59% delle terre dovrà essere destinato all’agricoltura urbana, il 18% alle costruzioni, il 13% agli spazi pubblici verdi, l’8% alle vie di trasporto e il 2% all’acqua. Sulla base di queste proporzioni, i residenti potranno collaborare di persona oppure attraverso il portale web per la pianificazione delle aree stabilite, in un processo nel quale le entità istituzionali avranno il compito di facilitare il processo piuttosto che prendere delle decisioni autonome e dall’alto. Oosterwold si appresta così ad essere un quartiere ecologico e socialmente ed economicamente sostenibile.

Oosterwold dovrà essere realizzato nella città di Almere, in Olanda, su una superficie di 43 chilometri, con la costruzione di 15.000 appartamenti e migliaia di uffici. La priorità sarà rappresentata dalla costruzione di spazi verdi, i quali dovranno coprire circa il 72% del totale dei terreni. A livello individuale, i residenti saranno responsabili per tutte le questioni di gestione del loro personale pezzo di terra, incluse la strada, l’igiene e la produzione di energia.

Oosterwold, dunque, è una vera e propria provocazione, per dimostrare agli urbanisti che la distribuzione della collaborazione e del consenso può aiutare a realizzare approcci di sviluppo urbano maggiormente sostenibili ed egualitari. Allo stesso tempo, però, per quanto riguarda l’organizzazione e la gestione della comunità si dovrà basare su principi diversi rispetto a quelli della collaborazione e cooperazione. Infatti, se la fase di programmazione vedrà la partecipazione collettiva della comunità, il progetto ultimato dovrà supportare invece un modello di consumo basato sulla proprietà privata, in cui, ad esempio, il trasporto e l’allocazione delle risorse passeranno in secondo piano rispetto alle questioni basilari legate all’acqua, al cibo e all’igiene. E’ una sorta di ritorno al passato, alla vita che si svolgeva nei piccoli centri, in chiave contemporanea e tecnologica.

Sul piano economico e dello sviluppo, il progetto rappresenta qualcosa di più complesso della semplice distruzione dei tradizionali processi di pianificazione urbana. Si tratta di re-immaginare il quartiere come una piattaforma condivisa per l’innovazione e che assume un comune approccio per la produzione, lo sviluppo e il consumo. Questo significa che il metodo DIY presenterebbe dei limiti nel caso fosse attuato per meri motivi economici e a scopo di lucro.

Oosterwold, comunque, rappresenta una rivoluzione in campo urbanistico: si tratta di un vero e proprio test di sviluppo urbano collaborativo, in cui la città in quanto creazione, viene realizzata dagli stessi cittadini. In quest’ottica Adri Duivesteijn, consigliere di Almere afferma che “la visione che cerchiamo per Almere è più di un masterplan, dovrebbe riuscire a suggerirci un’evoluzione della città in termini economici, culturali e sociali. Al di là dei numeri esorbitanti, non crediamo che questa espansione debba essere interpretata come uno sforzo quantitativo ma qualitativo”. E non è un caso se Oosterwold sarà una zona che potrebbe dirsi più vicina a una sorta di “urbanesimo rurale”. Non è un modello definitivo da seguire alla lettera, continua Duivesteijn, piuttosto una traccia flessibile che guidi la crescita della città, e sia nutrita da stimoli e suggerimenti cercati in un continuo dialogo con la città stessa”.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende