Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Packaging sostenibile: le novità P&G e gli obiettivi al 2030:

Packaging sostenibile: le novità P&G e gli obiettivi al 2030

novembre 24, 2020 Aziende, Pratiche, Progetti

Forse la sigla P&G non suona immediatamente famigliare a tutti i consumatori italiani. Ma sicuramente tutti gli uomini e le donne del Paese hanno comprato almeno un prodotto, nella loro vita, della Procter&Gamble, la galassia aziendale fondata negli Stati Uniti, nel 1837, da William Procter e James Gamble, che oggi fattura 71 miliardi nel mondo, grazie a marchi come Head&Shoulders e Pantene, Dash e Lenor, Braun e Gillette, Swiffer e Mastro Lindo, Oral B e AZ, solo per citare i più noti al grande pubblico.

Leader nel settore del largo consumo, P&G è da anni impegnata sui temi dello sviluppo sostenibile, con un’agenda ambiziosa che punta ad obiettivi concreti. A fine ottobre, ad esempio, la divisione P&G Beauty, ha annunciato che nel 2021 lancerà sul mercato europeo, per quattro dei propri brand, la prima bottiglia di shampoo riutilizzabile in alluminio, con sistema di ricarica, per ridurre il consumo di plastica. Il sistema di refill è infatti realizzato con il 60% di plastica in meno. Moltiplicate questa riduzione per 200 milioni di clienti europei ed è facile immaginarne l’impatto dell’operazione “The Good Refill”.

Ma questo, come chiariscono in P&G, “è solo l’inizio” di un nuovo ciclo di sostenibilità, che fa capo agli obiettivi “Ambition 2030”. A quella data, infatti, è previsto che il 100% del packaging di tutti i prodotti del gruppo diventi completamente riciclabile o riusabile, con un incremento significativo anche dei materiali “bio-based”. Una rivoluzione di portata enorme. Tra i fundamentals definiti dal gruppo figurano inoltre gli obiettivi di trasparenza e informazione sugli ingredienti utilizzati nella formulazione dei prodotti e di riduzione degli impatti lungo l’intera supply chain. A partire dalle forniture e dai consumi energetici e idrici: al 2030 il 100% dell’elettricità acquistata dovrà provenire da fonte rinnovabile e gli stabilimenti dovranno raggiungere una riduzione dei consumi di acqua del 35% (rispetto ai livelli del 2010).

P&G non abdica agli obiettivi di crescita dei vari brands, ma riconosce che serve un cambiamento di prospettiva concreto: “Vogliamo che i nostri brand continuino a crescere – si legge nel manifesto dedicato alla sostenibilità del gruppo – ma che lo facciano ispirandosi a principi di economia circolare e di sviluppo sostenibile. E vogliamo che, crescendo, creino un impatto positivo, misurabile, sulla società e sull’ambiente”. Nessun trionfalismo da salvator mundi dunque, ma la consapevolezza pragmatica del proprio ruolo in una partita decisiva: “Come azienda di beni di consumo, tocca a noi prendere decisioni responsabili per la salvaguardia delle risorse ambientali. Sappiamo quanto sia cruciale e ci impegniamo a fare la nostra parte.” Per questo, sostiene Tom Szaky, fondatore e CEO di Terracycle (con cui P&G ha avviato un progetto sperimentale di “vuoto a rendere” sul mercato americano e in alcuni paesi europei), “è bello vedere grandi aziende prendere sul serio il problema ambientale e utilizzare la loro posizione per guidare un cambiamento rapido e di impatto”. Se i piccoli singolarmente possono fare meglio, sono i grandi infatti che possono fare tanto.

Anche sull’Italia i segnali in questa direzione sembrano positivi. Dal 1 gennaio 2021 diventerà nuovo amministratore delegato e presidente di P&G Italia Paolo Grue, quarantasettenne abruzzese, ex direttore commerciale della filiale italiana, che già nel 2018, decise di supportare la campagna “Puliamo al Mondo” di Legambiente. “Proteggere il pianeta – ebbe a dichiarare Grue in quell’occasione – è una responsabilità e un’opportunità. Ci impegniamo ogni giorno per creare prodotti o migliorare quelli esistenti in tutti gli aspetti, dallo sviluppo alla produzione, alla fase d’utilizzo, allo smaltimento, per consentire ai consumatori di compiere scelte più sostenibili salvaguardando l’ambiente e garantendo, tramite programmi di responsabilità sociale e ambientale, migliori condizioni di vita per tutti”. Grue ha ben chiaro che “la plastica in mare e sulle spiagge è una vera e propria emergenza. I numeri sono impressionanti e le conseguenze drammatiche, anche perché i rifiuti non scompaiono”…

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende