Home » Idee »Progetti » Peccioli, la città intelligente affidata ai robots spazzini:

Peccioli, la città intelligente affidata ai robots spazzini

giugno 9, 2010 Idee, Progetti

DustBot, Courtesy of dustbot.orgCosì era stato annunciato nel corso di una partecipatissima assemblea pubblica nel mese di aprile, e così è stato: da ieri, infatti,  il borgo di Peccioli, paese toscano in Provincia di Pisa, a metà strada tra Volterra e Pontedera, è ufficialmente diventato “Robotown”, “il paese dei robots”, guadagnandosi nuovamente i favori della cronaca.

Di recente, infatti, Peccioli è stato oggetto delle attenzioni della stampa grazie all’innovativo progetto di dissociazione molecolare dei rifiuti condotto, con buoni risultati, presso la discarica situata nella frazione di Legoli. Belvedere spa (la società che gestisce la discarica e conduce la sperimentazione sulla dissociazione) ha inoltre recentamente  presentato a Verona, nell’ambito dell’ultima edizione di  SolarExpo, il  progetto “Un ettaro di cielo”, il primo impianto fotovoltaico popolare, la cui costruzione è stata finanziata dai cittadini di Peccioli, che hanno sottoscritto un prestito obbligazionario emesso per l’occasione.

Un paese piccolo ma indubbiamente molto attivo, merito di un’ amministrazione comunale particolarmente attenta all’innovazione e alle nuove frontiere dell’economia ambientale. Peccioli torna infatti alla ribalta con un’altro singolare progetto-pilota in cui tecnologia e ambiente andranno a braccetto trasformando il paese in un laboratorio sperimentale a cielo aperto.

Una ricerca scientifica dunque “condivisa e partecipata” in cui la cittadinanza, interagendo con i robot tutti i giorni, avrà un ruolo attivo e determinante, fino ad oggi inimmaginabile. La raccolta differenziata a Peccioli, sarà “intelligente”, e sarà affidata ai robots, in particolare al robot “DustCart”, sviluppato nell’ambito del progetto internazionale di ricerca denominato “DustBot”, finanziato con fondi europei e coordinato dalla Scuola Superiore di Studi e Perfezionamento Sant’ Anna di Pisa, nella persona del professor Paolo Dario.

Venti famiglie residenti nelle principali vie del centro storico, ma anche alcune attività commerciali che hanno aderito, potranno contattare la società Belvedere S.p.A., dalle 8,00 del mattino fino alle 20,00 della sera, con orario continuato, dal lunedì al sabato, e potranno prenotare  la visita a domicilio diDustCart”, il “robot spazzino” che  li raggiungerà presso le loro abitazioni per ritirare i sacchetti con i rifiuti domestici (che nella prima fase sperimentale, della durata di due mesi, saranno carta, cartone, vetro e plastica).

Grazie alla tecnologia touchscreen di “DustCart” il cittadino-utente dovrà solo digitare un pulsante sulla “pancia” del robot  dalle fattezze umane il quale, con voce gracchiante ed umanoide, lo ringrazierà portando il sacchetto della spazzatura al luogo di scarico. “DustCart” è studiato per funzionare anche con il maltempo e la sua tecnologia è continuamente implementata in tal senso. Per muoversi non ha bisogno di telecomandi, ma è del tutto autonomo grazie alla cosiddetta piattaforma di “Ambient Intelligence“, che gli consente di valutare il percorso da fare ed evitare eventuali ostacoli cambiando direzione, secondo la continua acquisizione dei dati attraverso i sensori di cui dispone e le mappe dell’area, precedentemente immesse nella memoria. Ma anche grazie all’ausilio di telecamere esterne poste, ad intervalli regolari, lungo le vie del centro storico.

La sperimentazione di “DustCart” è il primo tassello del più ampio  progetto “Robotown“, primo esperimento al mondo di robotica applicata alla vita di tutti i giorni, in un contesto reale, in cui i robots interagiranno a Peccioli con i cittadini del paese. Accanto a “DustCart”, infatti, si prevede presto l’utilizzo del suo “cugino” “DustClean” – anch’esso sviluppato nell’ambito del progetto “DustBot” (che coinvolge 9 partner di 5 paesi europei, Spagna, Svesta, Regno Unito, Svizzera e Italia)  - progettato per la pulizia di strade e piazze.

“Siamo un habitat naturale”, ha dichiarato ieri Silvano Crecchi, sindaco di Peccioli, nel corso della conferenza stampa di presentazione, “non solo fisicamente, per la conformazione del centro storico, ma perché c’è un sistema di estrema vicinanza tra Comune e tecnologia. Sono anni che lavoriamo in questo senso e la tecnologia ha influenzato anche le nostre scelte urbanistiche.”

Dopo la fase di studio e ricerca (iniziata nel 2006), il progetto internazionale “DustBot”, che ha portato alla creazione dei robot “DustClean” e “DustCart”, è entrato in una fase semi -industriale. Paolo Dario, coordinatore di “Robotown” e del progetto “DustBot”, ha paragonato la sperimentazione di Peccioli a quella dei prototipi automobilistici che, proprio come “DustCart”, sono provati e”messi su strada” prima di essere commercializzati. “Oltre a monitorare i risultati della sperimentazione in contesti reali, ci proponiamo di industrializzare il processo di creazione di “DustCart” e, in futuro, pensare anche alla commercializzazione, magari ad opera di imprese della zona. Per questo a luglio voleremo a Shangai, all’ Expo universale 2010, forti della sperimentazione concreta fatta a Peccioli.”

Andrea Marchetti

.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende