Home » Progetti » Per l’agroalimentare sostenibile: il Manifesto di CCPB:

Per l’agroalimentare sostenibile: il Manifesto di CCPB

dicembre 5, 2014 Progetti

Il 27 Novembre è stato organizzato dal Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali Sostenibili della Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali e dal CCPB – uno dei principali enti italiani di certificazione dei prodotti biologiciun convegno per presentare il “Manifesto dell’agroalimentare sostenibile”. L’incontro, tenutosi all’Università Cattolica di Piacenza, ha rappresentato l’occasione per far ragionare produttori, grande distribuzione, istituzioni e mondo accademico su come l’agroalimentare italiano possa diventare ed essere riconosciuto come “sostenibile”.

Il miglioramento delle condizioni della qualità della vita e delle relazioni dei cittadini e consumatori, impone necessariamente un ripensamento dei processi produttivi verso obiettivi di maggiore sostenibilità. La riduzione dello spreco (alimentare e non), il tentativo di mitigazione dei cambiamenti climatici, una maggiore efficienza nell’uso delle risorse naturali e la loro salvaguardia per le generazioni future, in concerto con una produttività crescente, la riduzione delle barriere socio-economiche e il rispetto dei diritti fondamentali indipendentemente dal luogo in cui questi sono esercitati sono gli elementi essenziali che definiscono il significato del termine sostenibilità. Una sostenibilità, quindi, non solo ambientale ma basata anche su aspetti sociali ed economici.

È già a partire dagli anni ’80 del secolo scorso che si è iniziato a riflettere sull’uso intelligente delle risorse legate ai processi produttivi, purtroppo troppo spesso con percorsi lenti e con intensità decisamente lieve rispetto alle necessità reali. Tuttavia, sin già dagli anni ’70, il sistema produttivo italiano ha esplorato significative esperienze in tema di produzione sostenibile, a partire dalla difesa e dalla produzione integrata per passare man mano con successo all’attuazione della produzione biologica. A oggi, sono qualche milione gli ettari coltivati con questi metodi produttivi e i settori dell’industria alimentare e della distribuzione hanno seguito questo corso coinvolgendo il mercato e i consumatori, orientandone ed assecondandone la domanda sempre crescente.

In quest’ambito, è anche la presenza delle “certificazioni” che ne ha favorito la diffusione e la garanzia. Non solo sul piano produttivo ma anche su quello socio-politico, favorendo e facilitando la definizione di obiettivi tesi a favorire un modello sostenibile. Non sono pochi i passi già fatti: “L’incentivazione delle misure agroambientali nei PSR (Piani di Sviluppo Rurale), la definizione e la promozione del biologico, l’uso sostenibile dei fitofarmaci, l’approvazione del SQNPI (Sistema di qualità nazionale di produzione integrata), gli obiettivi in termini di riduzione dei gas serra e la promozione dell’uso delle energie rinnovabili con la riduzione degli sprechi sono tutte misure e al contempo obiettivi che favoriscono la definizione di un agroalimentare sostenibile in una logica di crescita maggiormente sostenibile”. Così affermano Emanuele Mazzoni, docente della Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali, e Lino Nori, Presidente del Consorzio il Biologico.

Sono stati proprio Mazzoni e Nori, insieme con Lorenzo Morelli, Preside della Facoltà di Agraria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, ad aprire i lavori del convegno di presentazione del Manifesto dell’agroalimentare sostenibile. Si sono susseguite poi alcune relazioni introduttive: Gabriele Canali, docente di Economia dei Mercati Agroalimentari, ha trattato le sfide e le opportunità legate alla sostenibilità dell’agroalimentare; Vittorio Rossi, docente di Epidemiologia e Difesa Integrata e Pierluigi Meriggi, Agronomo di Horta srl (spin off dell’Università Cattolica del Sacro) hanno invece ragionato sui problemi e sulle prospettive dei metodi di registrazione dei dati agronomici ai fini dell’incremento della sostenibilità.

Cuore della giornata è stato rappresentato dalla successiva tavola rotonda, volta a conoscere il punto di vista gli attori della filiera per contribuire alla redazione del Manifesto. Hanno partecipato alla discussione moderata da Roberto Della Casa, Docente di “Marketing dei Prodotti Agroalimentari” dell’Università di Bologna: Gabriele Canali (Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza), Pierluigi Meriggi (Horta Srl), Giampiero Reggidori (Apo Conerpo), Alessandro Dal Piaz (Assomela), Carlo Malavolta (Regione Emilia Romagna), Fabrizio Piva (CCPB), Giovanni Arcangeli (Agrofarma), Vittorio Ramazza (Coop Italia), Massimo Marino (Life Cycle Engineering) e Ivano Valmori (Agronotizie – ImageLine).

Sintetizzando, si può dire che se il sistema di produzione dell’agroalimentare italiano parte da un’ottima base di produzioni di qualità, anche grazie ad un notevole apporto, negli ultimi anni, di produzione integrata e biologica. Tuttavia ancora molto più essere fatto, a partire dalla crescita nell’armonia del settore e nella comunicazione. Da questo punto di vista la sostenibilità offre ottime opportunità future: come, ad esempio, aiutare il produttore a disporre di conoscenze e strumenti per produrre meglio e in modo meno impattante sull’ambiente, e, allo stesso tempo, rivolgersi ai consumatori informandoli in modo consapevole e trasparente su ciò che acquistano.

Questi risultati sono certamente ambiziosi, ma possono essere raggiunti tramite lo sviluppo di soluzioni tecnico-scientifiche integrate con la rete e servizi informatici, insieme a una maggiore integrazione della filiera e un costante lavoro sulla tracciabilità e rintracciabilità dei prodotti dal campo alla tavola. “Il manifesto che presentiamo sarà quello del coraggio, soprattutto se la prossima sfida del sistema produttivo si misurerà sui caratteri della sostenibilità intesa in tutte le sue accezioni, non solo quella ambientale”, concludono Emanuele Mazzoni e Lino Nori.

Quindi, come ogni Manifesto che si rispetti, lo sguardo è rivolto verso il futuro: un Manifesto perché produttori, grande distribuzione, istituzioni e mondo accademico ragionino insieme sulla direzione nella quale il comparto agroalimentare deve muoversi per arrivare alla sostenibilità economica, ambientale e sociale.

Elisabetta Redavid

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende