Home » Progetti » Per l’agroalimentare sostenibile: il Manifesto di CCPB:

Per l’agroalimentare sostenibile: il Manifesto di CCPB

dicembre 5, 2014 Progetti

Il 27 Novembre è stato organizzato dal Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali Sostenibili della Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali e dal CCPB – uno dei principali enti italiani di certificazione dei prodotti biologiciun convegno per presentare il “Manifesto dell’agroalimentare sostenibile”. L’incontro, tenutosi all’Università Cattolica di Piacenza, ha rappresentato l’occasione per far ragionare produttori, grande distribuzione, istituzioni e mondo accademico su come l’agroalimentare italiano possa diventare ed essere riconosciuto come “sostenibile”.

Il miglioramento delle condizioni della qualità della vita e delle relazioni dei cittadini e consumatori, impone necessariamente un ripensamento dei processi produttivi verso obiettivi di maggiore sostenibilità. La riduzione dello spreco (alimentare e non), il tentativo di mitigazione dei cambiamenti climatici, una maggiore efficienza nell’uso delle risorse naturali e la loro salvaguardia per le generazioni future, in concerto con una produttività crescente, la riduzione delle barriere socio-economiche e il rispetto dei diritti fondamentali indipendentemente dal luogo in cui questi sono esercitati sono gli elementi essenziali che definiscono il significato del termine sostenibilità. Una sostenibilità, quindi, non solo ambientale ma basata anche su aspetti sociali ed economici.

È già a partire dagli anni ’80 del secolo scorso che si è iniziato a riflettere sull’uso intelligente delle risorse legate ai processi produttivi, purtroppo troppo spesso con percorsi lenti e con intensità decisamente lieve rispetto alle necessità reali. Tuttavia, sin già dagli anni ’70, il sistema produttivo italiano ha esplorato significative esperienze in tema di produzione sostenibile, a partire dalla difesa e dalla produzione integrata per passare man mano con successo all’attuazione della produzione biologica. A oggi, sono qualche milione gli ettari coltivati con questi metodi produttivi e i settori dell’industria alimentare e della distribuzione hanno seguito questo corso coinvolgendo il mercato e i consumatori, orientandone ed assecondandone la domanda sempre crescente.

In quest’ambito, è anche la presenza delle “certificazioni” che ne ha favorito la diffusione e la garanzia. Non solo sul piano produttivo ma anche su quello socio-politico, favorendo e facilitando la definizione di obiettivi tesi a favorire un modello sostenibile. Non sono pochi i passi già fatti: “L’incentivazione delle misure agroambientali nei PSR (Piani di Sviluppo Rurale), la definizione e la promozione del biologico, l’uso sostenibile dei fitofarmaci, l’approvazione del SQNPI (Sistema di qualità nazionale di produzione integrata), gli obiettivi in termini di riduzione dei gas serra e la promozione dell’uso delle energie rinnovabili con la riduzione degli sprechi sono tutte misure e al contempo obiettivi che favoriscono la definizione di un agroalimentare sostenibile in una logica di crescita maggiormente sostenibile”. Così affermano Emanuele Mazzoni, docente della Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali, e Lino Nori, Presidente del Consorzio il Biologico.

Sono stati proprio Mazzoni e Nori, insieme con Lorenzo Morelli, Preside della Facoltà di Agraria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, ad aprire i lavori del convegno di presentazione del Manifesto dell’agroalimentare sostenibile. Si sono susseguite poi alcune relazioni introduttive: Gabriele Canali, docente di Economia dei Mercati Agroalimentari, ha trattato le sfide e le opportunità legate alla sostenibilità dell’agroalimentare; Vittorio Rossi, docente di Epidemiologia e Difesa Integrata e Pierluigi Meriggi, Agronomo di Horta srl (spin off dell’Università Cattolica del Sacro) hanno invece ragionato sui problemi e sulle prospettive dei metodi di registrazione dei dati agronomici ai fini dell’incremento della sostenibilità.

Cuore della giornata è stato rappresentato dalla successiva tavola rotonda, volta a conoscere il punto di vista gli attori della filiera per contribuire alla redazione del Manifesto. Hanno partecipato alla discussione moderata da Roberto Della Casa, Docente di “Marketing dei Prodotti Agroalimentari” dell’Università di Bologna: Gabriele Canali (Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza), Pierluigi Meriggi (Horta Srl), Giampiero Reggidori (Apo Conerpo), Alessandro Dal Piaz (Assomela), Carlo Malavolta (Regione Emilia Romagna), Fabrizio Piva (CCPB), Giovanni Arcangeli (Agrofarma), Vittorio Ramazza (Coop Italia), Massimo Marino (Life Cycle Engineering) e Ivano Valmori (Agronotizie – ImageLine).

Sintetizzando, si può dire che se il sistema di produzione dell’agroalimentare italiano parte da un’ottima base di produzioni di qualità, anche grazie ad un notevole apporto, negli ultimi anni, di produzione integrata e biologica. Tuttavia ancora molto più essere fatto, a partire dalla crescita nell’armonia del settore e nella comunicazione. Da questo punto di vista la sostenibilità offre ottime opportunità future: come, ad esempio, aiutare il produttore a disporre di conoscenze e strumenti per produrre meglio e in modo meno impattante sull’ambiente, e, allo stesso tempo, rivolgersi ai consumatori informandoli in modo consapevole e trasparente su ciò che acquistano.

Questi risultati sono certamente ambiziosi, ma possono essere raggiunti tramite lo sviluppo di soluzioni tecnico-scientifiche integrate con la rete e servizi informatici, insieme a una maggiore integrazione della filiera e un costante lavoro sulla tracciabilità e rintracciabilità dei prodotti dal campo alla tavola. “Il manifesto che presentiamo sarà quello del coraggio, soprattutto se la prossima sfida del sistema produttivo si misurerà sui caratteri della sostenibilità intesa in tutte le sue accezioni, non solo quella ambientale”, concludono Emanuele Mazzoni e Lino Nori.

Quindi, come ogni Manifesto che si rispetti, lo sguardo è rivolto verso il futuro: un Manifesto perché produttori, grande distribuzione, istituzioni e mondo accademico ragionino insieme sulla direzione nella quale il comparto agroalimentare deve muoversi per arrivare alla sostenibilità economica, ambientale e sociale.

Elisabetta Redavid

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende