Home » Idee »Progetti » Pistoletto e il mito del riciclo:

Pistoletto e il mito del riciclo

marzo 26, 2010 Idee, Progetti

pistoletto, Courtesy of ufficio stampa cittadellarte fondazione Pistoletto«Costruire bello, ecologico ed economico», parola di Michelangelo Pistoletto. Non è solo uno slogan, sarà sempre più una realtà. Come suggerisce l’artista biellese, uno dei protagonisti dell’arte povera e direttore della Fondazione Cittadellarte, che ha lanciato oggi il progetto N.o.v.a. Civitas: Nuovi Organismi di Vita Abitativa. Un invito a ripensare il concetto di ”abitare” secondo una priorità etica, per fronteggiare sempre più e sempre meglio le preoccupanti sfide che i cambiamenti climati ci impongono.

 ”Dobbiamo diventare – dice Pistoletto a Greenews.info – responsabili dell’habitat in cui viviamo, uno spazio inserito in uno spazio più ampio chiamato ambiente“.

Dalla filosofia alla realtà. Dal pensare al costruire. Un passaggio che l’artista ha realmente compiuto inaugurando una nuova ala della cittadella dell’arte dedicata ai temi dell’edilizia eco-compatibile, frutto del lavoro di recupero di una vecchia fabbrica dismessa.

“La struttura vuol essere un esempio concreto di come ci si debba muovere verso un’architettura verde. Un luogo d’ispirazione e anche un mega-store di prodotti di riciclo, provenienti dalle discariche o che erano destinati allo smaltimento e che ora tornano a nuova vita, riutilizzati nell’edilizia”. Dagli oggetti di design per gli interni, ai pannelli in sughero espanso, alle coperture isolanti con strati di fibra di legno per la coibentazione e il rivestimento dell’esterno.

Materiali vecchi che servono ancora. Proprio come facevamo in tempi antichi, quando vivevamo più vicini alla natura e riciclavamo tutto. Adesso dobbiamo riprendere questa abittudine per non essere invasi dai nostri rifiuti. I tempi stanno cambiando, siamo ad un passaggio epocale della nostra storia”, continua Pistoletto. “Se la crescita, fino a qualche anno fa era una corsa contro il tempo verso una direzione che non aveva meta, oggi il concetto è cambiato: la crescita sta andando di pari passo con la conservazione, con il recupero di materiali”. Esattamente come insegna, e fino ad ora non aveva insegnato abbastanza, il ciclo dell’energia, che né si crea né si distrugge, ma si trasforma. Vale a dire: svilupparsi non significa oggi “rinnovare”, ma “riciclare”. Il nuovo dal vecchio, secondo un processo circolare e conservativo.

L’urgenza è il parametro temporale di riferimento: “non si può attendere oltre, bisogna ricostruire l’ambiente a partire dalle fondamenta. E il costruire (spazi, case, ecc…) è per l’appunto un concetto di base”.

Per ingrandire gli spazi di Citttadellarte, la Fondazione Pistoletto ha recuperato i locali di un’ex fabbrica dell’800 dismessa, ex centrale idroelettrica per metà, per l’altra metà ex industria del tessile. “Chiaramente era in mattoni pieni, con un intervento conservativo li abbiamo lasciati. Con un intervento artistico, l’abbiamo rivestita però di una nuova “pelle naturale”, un cappotto interno fatto di materiali interamente vegetali: legno d’abete proveniente da foreste controllate per le parti portanti, calce naturale, argilla, vernici da chimica vegetale, come “colle” eco-compatibili. Nessun materiale tossico utilizzato”. Sostanze che invece pullulano, a ben vedere, nelle nostre case tradizionali. “Abbiamo poi applicato delle serpentine a muro per il riscaldamento ed una micro centrale idroelettrica per la sussistenza energetica”. In modo da essere completamente autosufficienti.

I tempi cambiano di pari passo con il modo di concepirli. Le case sono uno dei fattori di cambiamento dei “tempi”. Esattamente come i templi, che sono mutevoli come i loro miti, dice l’artista. In quest’ottica, seguendo la linea di una trasformazione responsabile dell’abitare, Pistoletto ha recentemente realizzato una scultura, presentata all’inaugurazione di Expocomfort, la più importante manifestazione dei settori idrotermosanitario e climatizzazione (Milano, 23-27 marzo). Un’opera simbolo del suo impegno nei confronti della salvaguardia ambientale: l’installazione raffigura infatti un Tempio posizionato su una base inclinata, realizzata con cestelli di lavatrici a mo’ di colonne doriche e con serpentine di frigoriferi per il fregio del timpano.

Oggi il nuovo mito è il riciclo, che ha preso il posto di quello del progresso”. Con un’inversione di sgurado, dunque, tempio, casa, riciclo, tempo, energia, conservazione e cambiamento sono le chiavi, tanto indispensabili quanto inevitabili, per leggere la contemporaneità.  A tutti i livelli: artistico, filosofico, etico, oggi anche e sempre di più architettonico.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Paesaggio: fino al 31 agosto per le borse di studio della Fondazione Benetton

agosto 24, 2017

Paesaggio: fino al 31 agosto per le borse di studio della Fondazione Benetton

Restano ancora alcuni giorni per partecipare alla terza edizione del bando per le borse di studio sul paesaggio istituite dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche di Treviso, nel quadro delle attività di ricerca sul paesaggio e la cura dei luoghi sviluppate con il proprio Comitato scientifico. Laureati e post laureati italiani e stranieri hanno tempo fino [...]

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende