Home » Progetti » Polveri sottili e tumore al polmone: le evidenze del progetto Escape:

Polveri sottili e tumore al polmone: le evidenze del progetto Escape

ottobre 22, 2013 Progetti

Qual è il legame tra l’esposizione alle polveri sottili e l’insorgenza del tumore al polmone? A questa domanda ha risposto in modo drammaticamente chiaro il progetto Escape – Studi di coorte europei sugli effetti dell’inquinamento atmosferico. La coorte è una forma di ricerca che mira ad istituire in modo analitico, il nesso di causalità tra gli eventi ai quali è stato esposto un gruppo di cittadini e il risultato finale della salute di queste persone. L’obiettivo di Escape è di valutare gli effetti sulla salute (in termini di incidenza di patologie e di mortalità) dovuti ad esposizioni di lungo periodo agli inquinanti atmosferici in diversi paesi europei.

Le prime stime sull’impatto dello smog sulla popolazione europea risalgono a oltre dieci anni fa. In quell’occasione fu evidenziato un impatto importante dell’esposizione a polveri fini in alcune aree europee ed in particolare nell’area del Benelux, nella Rhur e nel bacino della Pianura Padana. I dati però sollevarono alcune critiche. «Queste stime – ha spiegato Claudia Galassi del CPO Piemonte – valutavano l’impatto applicando stime di rischio non ottenute in Europa bensì in Nord America. Fu osservato che potevano esistere sostanziali differenze tra le due aree. Un esempio è la composizione del parco veicolare. I diesel in Europa rappresentano circa il 50% dei mezzi circolanti, negli Stati Uniti non sono superiori al 5%. Vi era quindi la necessità di condurre degli studi nel contesto europeo, che fossero inoltre più recenti (quelli americani risalivano agli anni Novanta). Escape ha avuto esattamente questa funzione».

Claudia Galassi, che collabora al progetto condotto in Italia nelle città di Roma, Torino e Varese, spiega l’innovazione di Escape: «Abbiamo implementato un metodo per effettuare una stima dell’esposizione molto diversa da quella utilizzata nella maggior parte degli studi precedenti. Negli studi precedenti alle persone residenti in un’area veniva attribuita l’esposizione media di quell’area. Escape non ha utilizzato una media dell’area ma è andato a stimare l’esposizione presso la residenza delle singole persone incluse nella coorte attraverso l’uso di modello matematici basati su intense campagne di misura e numerose variabili del territorio (ad esempio la densità di popolazione, il traffico nelle vicine strade, la dimensione della strada, la distanza dalle sorgenti). Il monitoraggio degli inquinanti atmosferici è avvenuto con strumenti agili e standardizzati che ci hanno permesso di collocare i campionatori in modo puntuale in decine di punti diversi».

I primi risultati del progetto, pubblicati dalla rivista Lancet Oncology, riguardano i dati sull’inquinamento atmosferico e l’insorgenza del tumore al polmone. Su oltre 300.000 soggetti studiati in nove Paesi europei dopo 13 anni sono stati individuati oltre 2.000 casi di tumore al polmone. «I risultati dello studio confermano quelli di studi precedenti, dimostrando una associazione tra polveri aerodisperse e tumore al polmone. Per ogni aumento nell’esposizione di 10 microgrammi per metro cubo di PM10 – spiega Claudia Galassi – il rischio di sviluppare un tumore al polmone aumenta del 22%, mentre per ogni incremento di 5 microgrammi per metro cubo di PM2,5 il rischio aumenta del 18%». La studiosa ci tiene a precisare: «Il rischio stimato è stato tradotto da alcuni come: il 22% dei tumori al polmone è attribuibile all’inquinamento atmosferico. Il rischio relativo è una cosa, l’impatto è un altra cosa. Il tumore al polmone è associato a tanti fattori di rischio. Il più importante è il fumo di tabacco. Secondo i dati scientifici al fumo di tabacco è attribuibile una quota variabile tra l’85% e il 90% dei tumori ai polmoni, mentre diversi studi hanno stimato che all’inquinamento è attribuibile solo circa il 5% dei casi. Tuttavia questo 5% non va sottovalutato, perché si tratta della conseguenza di una esposizione che non si sceglie e che riguarda popolazioni molto grandi. Inoltre – ha aggiunto Claudia Galassi – un risultato che meriterà approfondimenti futuri riguarda il fatto che in Escape gli effetti si sono concentrati su un tipo istologico specifico di tumore, l’adenocarcinoma. Negli ultimi anni questa forma di tumore polmonare sta aumentando in diversi Paesi. Si tratta dell’unica forma di tumore che si sviluppa in modo sostanziale anche tra non fumatori».

L’attività del progetto Escape non si ferma qui. «Stiamo completando le analisi su altri possibili effetti sulla salute associati all’esposizione ad inquinanti: effetti sulla riproduzione, effetti cardiovascolari, malattie respiratorie. Sono poi in corso altri studi collegati che vogliono andare a valutare possibili disuguaglianze socio-economiche nell’esposizione all’inquinamento. Stiamo studiando inoltre la composizione delle stesse polveri e valutando gli effetti sanitari di alcuni metalli che compongono le polveri. Infine – ha concluso Claudia Galassi – si stanno avviando nuovi studi per valutare i meccanismi molecolari che sono alla base dei danni sanitari legati all’esposizione dell’inquinamento atmosferico».

Di questi temi parlerà, in maniera approfondita, il 4° Workshop Nazionale IMAGE, in programma a maggio 2014 a Torino: #workshopimage2014.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

novembre 22, 2018

Flymove presenta a Milano la “Smart Mobility Platform”e i nuovi modelli elettrici

Il 28 novembre prossimo Flymove Holding organizzerà a Milano, nello Spazio di via Gadames 57, un evento riservato a operatori finanziari, investitori e partners tecnologici, per il lancio mondiale della Flymove Smart Mobility Platform e delle nuove automobili elettriche EV City Car e Sportive Car a brand “Dianchè by Bertone”, che faranno uso di un innovativo sistema di scambio rapido di batteria [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende