Home » Progetti » Pomodoro “SuperBio”: l’alternativa nutraceutica a fertilizzanti chimici e pesticidi:

Pomodoro “SuperBio”: l’alternativa nutraceutica a fertilizzanti chimici e pesticidi

febbraio 26, 2015 Progetti

Pomodoro SuperBio? Chi è costui? L’intuizione nasce dalla constatazione scientifica che le modalità di coltivazione di frutta e verdure ne influenzano e modificano il valore salutistico. L’agricoltura industriale ha infatti comportato un forte incremento nell’utilizzo dei pesticidi nei campi, molti dei quali contengono principi attivi di lunga persistenza, mutageni e cancerogeni. E’ proprio in opposizione ad una produzione di quantità ma non di qualità, che danneggia innanzitutto la nostra salute oltre l’ambiente, che sono nati alcuni sistemi più “gentili”, come l’agricoltura biologica, che tende a minimizzare (in alcuni casi ad annullare del tutto) l’uso di fertilizzanti e pesticidi di sintesi, a mantenere la fertilità del suolo, a rispettare gli equilibri naturali. A fronte, per altro, di un raccolto più sano.

I ricercatori di agraria, medicina e biologia dell’ateneo di Pisa, coordinati dalla professoressa Manuela Giovannetti, hanno completato uno studio (pubblicato già nel 2012 sulla rivista scientifica internazionale British Journal of Nutrition), in cui sono stati valutate anche le proprietà dei cibi: ad esempio quali sono quelli più ricchi di sostanze antiossidanti che combattono i radicali liberi, riducono l’insorgere di malattie e hanno un’azione di anti-invecchiamento, e su quei cibi hanno provato una coltivazione “intelligente”.

“Il pomodoro – scrive la professoressa, che dirige il Centro Interdipartimentale di Ricerca Nutrafood-Nutraceutica e Alimentazione per la Salute - è considerato un cibo funzionale per eccellenza, essendo una riserva naturale di beta-carotene (provitamina A), di sostanze antiossidanti come tocoferolo (vitamina E), composti fenolici e carotenoidi, tra cui il licopene che, oltre ad una forte attività antiossidante, mostra importanti proprietà di protezione cellulare, anche nei confronti di agenti cancerogeni. Il pomodoro contiene anche altre sostanze preziose per la salute, appartenenti al gruppo dei flavonoidi, che sono distribuite in tutte le parti del frutto, come naringenina, che ha funzioni antiallergiche ed antiinfiammatorie, e rutina e quercetina, aventi rispettivamente proprietà antimicrobiche ed antinfiammatorie”.

La ricerca ha dimostrato che “il contenuto in fitochimici, quelle molecole prodotte dalle piante che hanno importanti proprietà protettive e preventive nei confronti di diversi tipi di malattie umane, può aumentare se le piante crescono insieme a microrganismi benefici che stabiliscono con le radici un particolare tipo di simbiosi chiamata micorriza”. Questi microrganismi, che si trovano naturalmente nella terra (in natura questa simbiosi si trova nell’80% circa delle piante terrestri) ma non in serra o nei terreni fertilizzati e vengono uccisi se si utilizzano pesticidi o altre sostanze chimiche, sono stati isolati, selezionati i più efficienti, e impiantati in laboratorio.

Analizzando i pomodori prodotti da piante “micorrizate” si sono potute rilevare concentrazioni più elevate di licopene (+18,5%), calcio (+15%), potassio (+11%), fosforo (+60%) e zinco (+28%) rispetto ai pomodori prodotti tradizionalmente. “Gli estratti di pomodoro provenienti da piante micorrizate, mostravano altresì un alto potere anti-estrogenico dei frutti. Questo dato risulta quanto mai interessante, poiché i polifenoli e il licopene sono stati proposti come agenti farmacologici promettenti nella prevenzione del cancro, grazie ai loro effetti antiproliferativi e della loro azione inibitoria sui recettori degli estrogeni umani.

I pomodori prodotti da piante coltivate biologicamente e con i loro microrganismi simbionti – conclude la Prof.ssa Giovannetti –  rappresentano un esempio di produzione ecologica e sostenibile del cibo, capace di ridurre l’uso di fertilizzanti chimici e pesticidi, ottenendo cibo di alta qualità e con alto valore nutraceutico, un tema di grande interesse sociale, fortemente richiesto da consumatori e produttori”.

Questa ricerca, che in una prima fase aveva già monitorato e controllato la produzione “SuperBio” di carciofi e che attualmente sta studiando lo stesso processo sulla lattuga, è passata dai laboratori alla tavola, grazie alla convenzione stipulata tra il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell’Università di Pisa e l’azienda l’Ortofruttifero di San Giuliano Terme in provincia di Pisa per la produzione in vivaio di 10.000 piantine di pomodoro “SuperBio” per il 2015, che saliranno a 70.000 nel 2016.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende