Home » Eventi »Progetti » Pre-Eartquakes: un progetto europeo per la previsione dei terremoti:

Pre-Eartquakes: un progetto europeo per la previsione dei terremoti

marzo 18, 2011 Eventi, Progetti

Courtesy of membri.miglioriamo.itMagnitudo 9,024,9 centimetri di spostamento dell’asse della Terra. 2,4 i metri di cui il Giappone si è spostato rispetto alla sua normale posizione.

Sono questi i numeri impressionanti del devastante terremoto che lo scorso 11 marzo ha colpito il Giappone.

Quello giapponese è stato uno dei 5 terremoti più potenti degli ultimi 100 anniUn evento straordinario, ma comunque legato alla natura, alla vita e al ciclo di attività della Terra. L’uomo, nel corso della sua esistenza, ha sviluppato una scienza e una tecnologia che fanno da supporto all’atavico istinto di sopravvivenza. Grazie a questi progressi in un’area come il Giappone, altamente sismica, la popolazione può vivere “quasi” normalmente – senza per questo poter fermare eventi come quelli che hanno devastato in questi giorni il territorio nipponico. Il punto è che la natura non può (e forse non deve) essere domata. Ma semplicemente esplorata.

Cosa fare dunque per conoscere e prevenire eventi naturali potenzialmente catastrofici?

Lo scorso primo marzo, con un tempismo quasi premonitorio, è partito il progetto, finanziato nell’ambito del 7th Programma Quadro dell’Unione Europea, dal nome PRE-EARTHQUAKES “Processing Russian and European EARTH observations for earthQUAKE precursors Studies”. Un programma cioé finalizzato a migliorare le attuali conoscenze sui fenomeni preparatori dei terremoti e a consolidare l’eccellenza europea e russa nell’osservazione e nella ricerca in questo campo.

PRE-EARTHQUAKES è condotto da un consorzio di ricerca, guidato dal Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell’Ambiente (DIFA) dell’Università della Basilicata, che comprende prestigiosi centri di ricerca europei, russi e turchi. Il kick-off meeting del progetto si è svolto a Potenza dal 14 al 16 marzo, durante tre giorni di lavoro fortemente influenzati, anche emotivamente, dalle notizie sulla situazione giapponese.

Ciò che emerso è che, attualmente, è disponibile un’ampia documentazione scientifica riguardante la comparsa di anomalie nell’ambito dei parametri geofisici, misurati in un lasso di tempo che va da alcuni giorni fino a una settimana prima del verificarsi dei terremoti. Tuttavia, fino ad ora, nessun parametro misurabile e nessuna metodologia di osservazione si è dimostrata sufficientemente affidabile ed efficace, da sola, nell’implementazione di un sistema operativo di previsione dei terremoti.

L’obiettivo di PRE-EARTHQUAKES è dunque di integrare gli studi dei ricercatori UE e russi riguardanti dati e osservazioni eterogenee, rilevati da terra e da satellite, per migliorare le rispettive metodologie. Questo studio integrato dovrebbe infatti consentire di incrementare significativamente l’attuale conoscenza delle fasi preparatorie dei terremoti e dei loro possibili precursori, nonché sviluppare e offrire alla comunità scientifica internazionale una piattaforma dove osservazioni indipendenti e nuove metodologie di analisi dei dati, possano essere raccolte, condivise e validate.

Validare e diffondere metodi e strumenti di analisi dei dati significa, per intenderci, che questi saranno disponibili ed aperti al contributo della comunità scientifica mondialeal fine di estendere ulteriormente il numero di parametri monitorati contemporaneamente e di migliorare la qualità delle metodologie di analisi.

A questo scopo le osservazioni fatte da 18 diversi sistemi satellitari, in particolare da quelli dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e di quella russa ROSKOSMOS), verranno utilizzate per studiare quelle variazioni anomale di parametri superficiali e atmosferici (fino in ionosfera) , da tempo proposte come possibili precursori di forti terremoti. Tra le aree test scelte, oltre alla penisola di Sakhalin situata nella Russia orientale e alla Turchia, ci sarà naturalmente l’Italia ed in particolare la Basilicata, una regione che da sempre convive con il rischio sismico.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende