Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Prevenzione idrogeologica: l’esempio di Bordeaux:

Prevenzione idrogeologica: l’esempio di Bordeaux

Si chiama Influx ed è un sistema di gestione dinamica e intelligente delle acque piovane che, integrando varie reti e tenendo in considerazione le previsioni di pioggia, reagisce in tempo reale agli eventi meteorologici, mettendo in sicurezza le città dalle conseguenze più disastrose di temporali e precipitazioni violente. Venticinque anni di esperienza a Bordeaux, in Francia, ne hanno provato l’efficacia.

Bordeaux, situata in un’area geografica particolarmente sensibile, tra l’incudine dell’estuario della Garonna e il martello delle maree d’Atlantico, negli anni ’80 finiva regolarmente sott’acqua. Nel 1982 s verificarono due alluvioni disastrose a distanza di tre giorni: il 31 maggio caddero 81 mm di pioggia in 6 ore, mentre il 2 giugno 44 mm in 54 minuti. Da allora la lotta alle alluvioni divenne una priorità-chiave per la comunità urbana di Bordeaux. Il sistema sviluppato fu battezzato RAMSES (Regolazione delle fognature tramite misure e controlli di strumenti e impianti), e ha richiesto un investimento di 900 milioni di euro in 25 anni. Basato su Influx, è stato disegnato per poter far fronte a una caduta di pioggia pari a 40mm/h. Copre 2.100 km di fognature e scarichi di acque reflue urbane e li gestisce a distanza, custodendo le acque di ruscellamento in varie strutture apposite, incluse 30 cisterne. Utilizza 41 pluviometri (gli strumenti che misurano la quantità di pioggia caduta), i cui dati vengono abbinati a quelli dei radar meteorologici, e 4.000 parametri vengono analizzati 7 giorni su 7 e 24 ore su 24. All’inizio si trattava fondamentalmente di  un centro di controllo; nel corso degli anni, il sistema si è evoluto, diventando dinamico e predittivo.

L’intero sistema di rete viene attualmente non solo monitorato a distanza – integrando anche le segnalazioni che ogni cittadino può inviare via smartphone con l’app Colibrì – ma la sua caratteristica è di anticipare fenomeni e dinamiche e agire di conseguenza con un pilotaggio automatico telecontrollato. Il sistema non solo previene le inondazioni, ma frena di conseguenza anche l’inquinamento che ne deriva, limitando gli impatti più dannosi dei temporali. Al luglio di quest’anno c’è stata la prova del nove, con un’altra pioggia centenaria (come furono le due dei primi anni ’80): 70 mm di pioggia caduti in 40 minuti, con intensità massima di 250 mm/h per una durata di 5 minuti. I risultati sono stati eccellenti: non si sono verificati allagamenti significativi; inondazioni e inquinamento sono stati del tutto evitati. L’evacuazione dell’acqua nelle strade è stata fatta nel giro di un’ora; un milione di metri cubi d’acqua sono stati stoccati nelle 30 cisterne (utilizzate in tutto il loro potenziale). I temporali dell’82 – di minore intensità – avevano sommerso le strade cittadine fino ai 2 metri d’acqua.

L’esempio di Bordeaux è stato seguito da Parigi, che a partire dal 2007 si è dotata di un sistema simile – che lì si chiama MAGES –  anche se meno sofisticato, dato che  le applicazioni di Influx vengono di volta in volta adattate alle esigenze e richieste della comunità locale, e i fenomeni meteorologici che toccano la capitale francese sono meno complessi rispetto a quelli di Bordeaux, territorio soggetto ad eventi meteo quasi tropicali. Le inondazioni sono state ridotte del 15-30%. Suez Environnement, il gigante francese della gestione delle acque e dei rifiuti che ha sviluppato il sistema, prevede che sarà presto adottato in altre città francesi, così come all’estero.

Prossima tappa Marsiglia:  si chiamerà Ph@re, e sarà il centro di pilotaggio integrato che assicurerà la gestione dinamica delle acque reflue urbane di quella che ambisce a essere la rete fognaria più avanzata di Francia. Un piano su 15 anni che costerà 1.2 miliardi d’euro. Marsiglia, primo porto francese, con un’area metropolitana che supera il milione e mezzo d’abitanti, vuole infatti diventare la capitale euromediterranea dalle tecnologie per la gestione di acque reflue e piovane. Con un patrimonio naturalistico eccezionale, l’obiettivo è anticipare e controllare l’impatto sull’ambiente e sugli ecosistemi. Ma il sistema servirà anche a mettere in sicurezza le spiagge dall’inquinamento: tra il 2014 e il 2017 verrà costruito un nuovo bacino di stoccaggio delle acque di scarico in tempo di piogge dalla capacità di 50.000 m3 presso l’impianto di depurazione Géolide, che sarà così in grado di trattare tutte le acque anche in caso di forti piogge, prevenendo la chiusura delle spiagge – che attualmente avviene per inquinamento conseguente ai forti temporali e ai danni delle acque reflue non trattate che si disperdono nell’ambiente. L’impianto sarà anche abbinato a un programma di “biodiversità positiva”, per arricchire la flora e la fauna della baia di Marsiglia e del Parco Nazionale de Le Calanche. Ph@re si propone come un sistema collaborativo aperto alla partecipazione della collettività: un’applicazione dedicata, “Guardiani digitali”, coinvolgerà i cittadini nella gestione e nella prevenzione, e sarà costituita una società ad hoc per garantire una gestione trasparente e partecipata.

Carola Traverso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende