Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Prevenzione idrogeologica: l’esempio di Bordeaux:

Prevenzione idrogeologica: l’esempio di Bordeaux

Si chiama Influx ed è un sistema di gestione dinamica e intelligente delle acque piovane che, integrando varie reti e tenendo in considerazione le previsioni di pioggia, reagisce in tempo reale agli eventi meteorologici, mettendo in sicurezza le città dalle conseguenze più disastrose di temporali e precipitazioni violente. Venticinque anni di esperienza a Bordeaux, in Francia, ne hanno provato l’efficacia.

Bordeaux, situata in un’area geografica particolarmente sensibile, tra l’incudine dell’estuario della Garonna e il martello delle maree d’Atlantico, negli anni ’80 finiva regolarmente sott’acqua. Nel 1982 s verificarono due alluvioni disastrose a distanza di tre giorni: il 31 maggio caddero 81 mm di pioggia in 6 ore, mentre il 2 giugno 44 mm in 54 minuti. Da allora la lotta alle alluvioni divenne una priorità-chiave per la comunità urbana di Bordeaux. Il sistema sviluppato fu battezzato RAMSES (Regolazione delle fognature tramite misure e controlli di strumenti e impianti), e ha richiesto un investimento di 900 milioni di euro in 25 anni. Basato su Influx, è stato disegnato per poter far fronte a una caduta di pioggia pari a 40mm/h. Copre 2.100 km di fognature e scarichi di acque reflue urbane e li gestisce a distanza, custodendo le acque di ruscellamento in varie strutture apposite, incluse 30 cisterne. Utilizza 41 pluviometri (gli strumenti che misurano la quantità di pioggia caduta), i cui dati vengono abbinati a quelli dei radar meteorologici, e 4.000 parametri vengono analizzati 7 giorni su 7 e 24 ore su 24. All’inizio si trattava fondamentalmente di  un centro di controllo; nel corso degli anni, il sistema si è evoluto, diventando dinamico e predittivo.

L’intero sistema di rete viene attualmente non solo monitorato a distanza – integrando anche le segnalazioni che ogni cittadino può inviare via smartphone con l’app Colibrì – ma la sua caratteristica è di anticipare fenomeni e dinamiche e agire di conseguenza con un pilotaggio automatico telecontrollato. Il sistema non solo previene le inondazioni, ma frena di conseguenza anche l’inquinamento che ne deriva, limitando gli impatti più dannosi dei temporali. Al luglio di quest’anno c’è stata la prova del nove, con un’altra pioggia centenaria (come furono le due dei primi anni ’80): 70 mm di pioggia caduti in 40 minuti, con intensità massima di 250 mm/h per una durata di 5 minuti. I risultati sono stati eccellenti: non si sono verificati allagamenti significativi; inondazioni e inquinamento sono stati del tutto evitati. L’evacuazione dell’acqua nelle strade è stata fatta nel giro di un’ora; un milione di metri cubi d’acqua sono stati stoccati nelle 30 cisterne (utilizzate in tutto il loro potenziale). I temporali dell’82 – di minore intensità – avevano sommerso le strade cittadine fino ai 2 metri d’acqua.

L’esempio di Bordeaux è stato seguito da Parigi, che a partire dal 2007 si è dotata di un sistema simile – che lì si chiama MAGES –  anche se meno sofisticato, dato che  le applicazioni di Influx vengono di volta in volta adattate alle esigenze e richieste della comunità locale, e i fenomeni meteorologici che toccano la capitale francese sono meno complessi rispetto a quelli di Bordeaux, territorio soggetto ad eventi meteo quasi tropicali. Le inondazioni sono state ridotte del 15-30%. Suez Environnement, il gigante francese della gestione delle acque e dei rifiuti che ha sviluppato il sistema, prevede che sarà presto adottato in altre città francesi, così come all’estero.

Prossima tappa Marsiglia:  si chiamerà Ph@re, e sarà il centro di pilotaggio integrato che assicurerà la gestione dinamica delle acque reflue urbane di quella che ambisce a essere la rete fognaria più avanzata di Francia. Un piano su 15 anni che costerà 1.2 miliardi d’euro. Marsiglia, primo porto francese, con un’area metropolitana che supera il milione e mezzo d’abitanti, vuole infatti diventare la capitale euromediterranea dalle tecnologie per la gestione di acque reflue e piovane. Con un patrimonio naturalistico eccezionale, l’obiettivo è anticipare e controllare l’impatto sull’ambiente e sugli ecosistemi. Ma il sistema servirà anche a mettere in sicurezza le spiagge dall’inquinamento: tra il 2014 e il 2017 verrà costruito un nuovo bacino di stoccaggio delle acque di scarico in tempo di piogge dalla capacità di 50.000 m3 presso l’impianto di depurazione Géolide, che sarà così in grado di trattare tutte le acque anche in caso di forti piogge, prevenendo la chiusura delle spiagge – che attualmente avviene per inquinamento conseguente ai forti temporali e ai danni delle acque reflue non trattate che si disperdono nell’ambiente. L’impianto sarà anche abbinato a un programma di “biodiversità positiva”, per arricchire la flora e la fauna della baia di Marsiglia e del Parco Nazionale de Le Calanche. Ph@re si propone come un sistema collaborativo aperto alla partecipazione della collettività: un’applicazione dedicata, “Guardiani digitali”, coinvolgerà i cittadini nella gestione e nella prevenzione, e sarà costituita una società ad hoc per garantire una gestione trasparente e partecipata.

Carola Traverso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

dicembre 8, 2016

Nella nuova “Legge di Bilancio” il riconoscimento del valore della finanza etica

Banca Etica, la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, ha espresso apprezzamento per l’articolo dedicato alla finanza etica all’interno della Legge di Bilancio, appena approvata ​dal Senato in via definitiva​. “È importante che vi sia il riconoscimento legislativo del valore sociale e ambientale, oltre che economico e finanziario, della finanza [...]

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende