Home » Campioni d'Italia »Progetti »Rubriche » Progetto MEIGLASS: il riciclo del vetro senza rifiuti:

Progetto MEIGLASS: il riciclo del vetro senza rifiuti

novembre 2, 2011 Campioni d'Italia, Progetti, Rubriche

Sembra una contraddizione, ma i produttori di vetro riciclato, generano una significativa quantità di rifiuti. In percentuale, il 23-25% del vetro proveniente dai contenitori della raccolta differenziata, non può essere utilizzato dai produttori, in quanto si tratta di rottami di vetro che contengono delle impurità non compatibili con il processo di riciclo. Questa percentuale, non indifferente, di rottami di vetro viene quindi direttamente rigettata nelle discariche. Così come accade, abitualmente, nel processo di smaltimento dei rifiuti in vetro.

La situazione potrebbe ora cambiare grazie ad un progetto, conclusosi con ottimi risultati, della Sasil, società italiana che opera nel settore minerario e nella produzione di vetro. Il Progetto MEIGLASS ha sviluppato una tecnologia che consente, appunto, di riutilizzare lo scarto di rottame di vetro proveniente dalla raccolta differenziata.

La Sasil è riuscita finora a trattare circa 200.000 tonnellate annue di scarto, ottenendo un duplice vantaggio: uno ambientale diretto e uno secondario, in quanto l’utilizzo in  vetreria del 70% di rottame ha consentito – per effetto della riduzione del consumo di energia per la fusione del vetro e grazie alla minore perdita al fuoco della miscela infornata - una riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera pari a circa 54.000 tonnellate all’anno. Inoltre l’utilizzo di circa 190.000 tonnellate di vetro trattato, in sostituzione di altrettante tonnellate di materia prima nelle industrie vetrarie, ceramiche e dei laterizi, ha permesso la riduzione dell’impatto causato dal processo di estrazione.

Il progetto si è sviluppato attraverso la realizzazione di tre azioni principali, per una durata complessiva di quattro anni, dal 2006 al 2009. La prima fase è stata caratterizzata dallo studio e realizzazione di un sistema di trattamento delle acque, che ha consentito di operare un lavaggio del vetro in circuito chiuso e di portare il contenuto di sostanze organiche del vetro a livelli moto bassi, tali da evitare qualsiasi problema nelle applicazioni delle nuove materie prime. Il secondo step ha visto la realizzazione di un sistema di arricchimento delle materie plastiche ottenute nel trattamento di lavaggio del vetro, che ha permesso di mettere a punto un  impianto pilota capace di trasformare in combustibile la maggior parte delle materie plastiche recuperate. La terza azione ha comportato infine prove di utilizzo del vetro trattato presso le industrie vetrarie, ceramiche e dei laterizi, per ottimizzare la qualità dei vari prodotti, fino ad un utilizzo complessivo di 190.000 tonnellate all’anno.

I risultati ottenuti hanno confermato le aspettative, e si tratta di importanti passi in avanti nell’ottimizzazione del processo di smaltimento del vetro riciclato. Basti pensare che il 99% del rottame di vetro finora destinato in discarica, con questo sistema può essere completamente riciclato, con la conseguente riduzione dal 50 al 30% dell’utilizzo di materia prima per la produzione di vetro.

Dal punto di vista della sostenibilità ambientale il processo MEIGLASS ha dunque una grande potenzialità: sono in gioco non solo la riduzione dei rifiuti e l’efficienza nell’utilizzo delle materie prime, ma anche l’efficienza energetica e la diminuzione di inquinamento atmosferico dell’intero processo. La riduzione del consumo di energia dell’industria del vetro e la sostituzione della energia termica, utilizzata dalla Sasil nei processi secondari di essiccazione, con l’energia prodotta dalla pirolisi, rappresentano anch’essi un risultato positivo del progetto. Ma non bisogna dimenticare la riduzione di emissioni di CO2 conseguente sia alla riduzione dell’utilizzo di carbonati nell’industria vetraria, che al risparmio energetico dovuto alla sostituzione parziale di minerali cristallini.

La Sasil ha potuto sviluppare il progetto grazie ad un finanziamento dall’Unione Europea, nell’ambito del Programma LIFE. Sull’intero costo del progetto, stimato in sei milioni di euro, l’UE ha contribuito con circa un sesto dell’ammontare, confermando la priorità, tra gli obiettivi europei, dell’efficienza nell’utilizzo di risorse e materie prime e la riduzione dei rifiuti. Ora che la tecnologia è sviluppata serve però diffonderne i benefici e creare le condizioni economiche e finanziarie affinché il processo possa essere attuato dalle imprese che producono vetro.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende