Home » Progetti » Progetto Sunflower: le rinnovabili ruotano intorno all’Environment Park:

Progetto Sunflower: le rinnovabili ruotano intorno all’Environment Park

febbraio 17, 2011 Progetti

sunflower, courtesy of wallpapers.free-review.netCome nella geografia, anche le politiche Comunitarie sono caratterizzate da differenti “scale” per la loro attuazione. L’Unione Europea formula le politiche energetiche ed ambientali, con target da raggiungere, scadenze da rispettare, e finanziamenti a disposizione degli Stati membri. L’implementazione di tali politiche avviene però ad un livello più operativo, ovvero su scala regionale e locale.

Qui è possibile operare ulteriori differenziazioni ed entrare nello specifico dei progetti che l’UE mette a disposizione dei Paesi membri, come linee guida per l’attuazione delle direttive comunitarie.

Il programma Sunflower rientra in questo ambito, con riferimento alla strategia europea per le energie rinnovabili. Il claim del progetto, “Verso comunità energeticamente sostenibili”, racchiude la sua essenza: l’obiettivo di Sunflower, infatti, è quello di promuovere, diffondere e implementare esempi di buone pratiche in materia di energie rinnovabili, a favore degli attori dello sviluppo locale.

E’ un progetto, dunque, indirizzato agli enti locali, che vede coinvolte le pubbliche amministrazioni, gli enti di ricerca e i parchi tecnologici di otto aree europee - essenzialmente quelle regioni caratterizzate da un elevato potenziale energetico, ma carenti dal punto di vista infrastrutturale.

Per superare queste barriere allo sviluppo del mercato dell’energia rinnovabile, Sunflower si propone di stimolare gli stakeholders a condividere esperienze e aspettative attorno a tre assi: impegno politico, sensibilizzazione ambientale e stimolo del mercato. Su queste tre fondamenta si sviluppano i quattro obiettivi principali del progetto: l’aumento dell’interesse delle autorità locali nel creare piani e progetti che abbiano come obiettivo le energie rinnovabili; l’attrazione di industrie che operano nell’ambito delle energie rinnovabili e l’accrescimento del numero di partnership economiche tra gli investitori e le autorità regionali e locali; la formazione di giovani imprenditori nei mercati locali; l’aumento del coinvolgimento dei cittadini nel progetto, che incentivi una lunga e durevole “community energy vision”.

In pratica, tramite la condivisione e lo scambio di esperienze e buone pratiche tra le comunità locali e i parchi tecnologici delle otto aree europee coinvolte, il progetto mira ad aumentare la consapevolezza sulle tecnologie oggi disponibili, superare le barriere alla loro diffusione, e a favorire la creazione di nuove imprese e partnership tra il settore pubblico e quello privato.

I partner protagonisti del programma sono la Municipalità di Moura e l’Idmec, un’organizzazione no-profit di Porto, entrambe in Portogallo; la città di Silven in Bulgaria; la Healty Cities, un’associazione della Repubblica Ceca impegnata sul fronte della sostenibilità ambientale; l’Eigsi, scuola politecnica di La Rochelle in Francia; il Parco Tecnologico di Bilbao in Spagna; il North York Moors, ossia la prima comunità energetica dell’Inghilterra; e, in Italia, l’Environment Park di Torino.

Quello dell’Environment Park è uno dei casi di eccellenza italiana. Nell’ambito del progetto Sunflower, il partner torinese metterà infatti a disposizione degli altri partner europei tecnologicamente svantaggiati, la sua esperienza nel campo dell’innovazione tecnologica sulle rinnovabili. “La diffusione delle energie rinnovabili può rappresentare un’importante leva di sviluppo nelle regioni economicamente sfavorite“, ci spiega Luca Galeasso, Responsabile del Sistema Qualità e Ambiente del Parco. “Environment Park, che rappresenta un caso di successo nell’ambito del trasferimento tecnologico, porta dunque nel progetto Sunflower la sua esperienza, mettendola al servizio dei partner interessati a fare della sostenibilità energetica la chiave per lo sviluppo delle loro comunità”.

Nello specifico, il Parco torinese farà da guida principalmente alle autorità locali di Portogallo, Bulgaria e Repubblica Ceca. “Tramite la presentazione e il trasferimento del proprio modello, – continua Galeasso – Environment Park intende favorire la nascita di infrastrutture e l’adozione di strumenti che consentano agli attori dello sviluppo locale di elaborare prodotti e servizi connessi alle fonti rinnovabili e che facciano da catalizzatori per la nascita di imprese e lavoro qualificato”. In questo modo “le regioni tecnologicamente sfavorite potrebbero superare il proprio isolamento e proiettarsi verso i mercati europei”.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende