Home » Progetti » Progetto Sunflower: le rinnovabili ruotano intorno all’Environment Park:

Progetto Sunflower: le rinnovabili ruotano intorno all’Environment Park

febbraio 17, 2011 Progetti

sunflower, courtesy of wallpapers.free-review.netCome nella geografia, anche le politiche Comunitarie sono caratterizzate da differenti “scale” per la loro attuazione. L’Unione Europea formula le politiche energetiche ed ambientali, con target da raggiungere, scadenze da rispettare, e finanziamenti a disposizione degli Stati membri. L’implementazione di tali politiche avviene però ad un livello più operativo, ovvero su scala regionale e locale.

Qui è possibile operare ulteriori differenziazioni ed entrare nello specifico dei progetti che l’UE mette a disposizione dei Paesi membri, come linee guida per l’attuazione delle direttive comunitarie.

Il programma Sunflower rientra in questo ambito, con riferimento alla strategia europea per le energie rinnovabili. Il claim del progetto, “Verso comunità energeticamente sostenibili”, racchiude la sua essenza: l’obiettivo di Sunflower, infatti, è quello di promuovere, diffondere e implementare esempi di buone pratiche in materia di energie rinnovabili, a favore degli attori dello sviluppo locale.

E’ un progetto, dunque, indirizzato agli enti locali, che vede coinvolte le pubbliche amministrazioni, gli enti di ricerca e i parchi tecnologici di otto aree europee - essenzialmente quelle regioni caratterizzate da un elevato potenziale energetico, ma carenti dal punto di vista infrastrutturale.

Per superare queste barriere allo sviluppo del mercato dell’energia rinnovabile, Sunflower si propone di stimolare gli stakeholders a condividere esperienze e aspettative attorno a tre assi: impegno politico, sensibilizzazione ambientale e stimolo del mercato. Su queste tre fondamenta si sviluppano i quattro obiettivi principali del progetto: l’aumento dell’interesse delle autorità locali nel creare piani e progetti che abbiano come obiettivo le energie rinnovabili; l’attrazione di industrie che operano nell’ambito delle energie rinnovabili e l’accrescimento del numero di partnership economiche tra gli investitori e le autorità regionali e locali; la formazione di giovani imprenditori nei mercati locali; l’aumento del coinvolgimento dei cittadini nel progetto, che incentivi una lunga e durevole “community energy vision”.

In pratica, tramite la condivisione e lo scambio di esperienze e buone pratiche tra le comunità locali e i parchi tecnologici delle otto aree europee coinvolte, il progetto mira ad aumentare la consapevolezza sulle tecnologie oggi disponibili, superare le barriere alla loro diffusione, e a favorire la creazione di nuove imprese e partnership tra il settore pubblico e quello privato.

I partner protagonisti del programma sono la Municipalità di Moura e l’Idmec, un’organizzazione no-profit di Porto, entrambe in Portogallo; la città di Silven in Bulgaria; la Healty Cities, un’associazione della Repubblica Ceca impegnata sul fronte della sostenibilità ambientale; l’Eigsi, scuola politecnica di La Rochelle in Francia; il Parco Tecnologico di Bilbao in Spagna; il North York Moors, ossia la prima comunità energetica dell’Inghilterra; e, in Italia, l’Environment Park di Torino.

Quello dell’Environment Park è uno dei casi di eccellenza italiana. Nell’ambito del progetto Sunflower, il partner torinese metterà infatti a disposizione degli altri partner europei tecnologicamente svantaggiati, la sua esperienza nel campo dell’innovazione tecnologica sulle rinnovabili. “La diffusione delle energie rinnovabili può rappresentare un’importante leva di sviluppo nelle regioni economicamente sfavorite“, ci spiega Luca Galeasso, Responsabile del Sistema Qualità e Ambiente del Parco. “Environment Park, che rappresenta un caso di successo nell’ambito del trasferimento tecnologico, porta dunque nel progetto Sunflower la sua esperienza, mettendola al servizio dei partner interessati a fare della sostenibilità energetica la chiave per lo sviluppo delle loro comunità”.

Nello specifico, il Parco torinese farà da guida principalmente alle autorità locali di Portogallo, Bulgaria e Repubblica Ceca. “Tramite la presentazione e il trasferimento del proprio modello, – continua Galeasso – Environment Park intende favorire la nascita di infrastrutture e l’adozione di strumenti che consentano agli attori dello sviluppo locale di elaborare prodotti e servizi connessi alle fonti rinnovabili e che facciano da catalizzatori per la nascita di imprese e lavoro qualificato”. In questo modo “le regioni tecnologicamente sfavorite potrebbero superare il proprio isolamento e proiettarsi verso i mercati europei”.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende