Home » Eventi »Idee »Progetti » Prove di futuro all’Expo di Shanghai:

Prove di futuro all’Expo di Shanghai

maggio 3, 2010 Eventi, Idee, Progetti

inaugurazione expo shanghai 2010, Courtesy of exposhanghai.huÉ stata un’inaugurazione faraonica quella dell’Expo di Shanghai 2010, il cui slogan “Better City, Better Life” inneggia all’eco-sostenibilità. La cerimonia di apertura, la più grande manifestazione multimediale all’aperto, si è svolta venerdì 30 aprile con un susseguirsi di fuochi d’artificio, luci, laser, grafica con Led, fontane, imbarcazioni e musica. La kermesse, durata mezz’ora, si è svolta lungo i 3,4 chilometri del fiume Huangpu nella Shanghai centrale e ha visto l’esibizione di circa 2300 artisti, tra cui il tenore italiano Andrea Bocelli, la star del cinema cinese Jackie Chan, la cantante giapponese Shinji Tanimura e il pianista Lang Lang.

In serata, invece, il fiume che attraversa la metropoli si è trasformato in un teatro popolato da fontane d’acqua danzanti e giochi di luce che hanno accolto una parata di piccole imbarcazioni pronte a raffigurare le nazioni e le regioni presenti all’Expo. In tutto, sono stati spesi 58 miliardi di dollari per trasformare la metropoli in una città pronta ad accogliere un evento di tale portata.

Per la Cina, l’Expo rappresenta un’occasione per favorire l’integrazione e lo scambio di idee per costruire un “futuro migliore”; un momento per rilanciare non solo i rapporti economici ma anche per rafforzare i legami politici e culturali tra i vari partecipanti. La manifestazione, incentrata – nelle intenzioni – sul rispetto per l’ambiente, ha infatti come scopo quello di raccogliere progetti innovativi capaci di rendere la dimensione urbana migliore per chi vi abita e più rispettosa dell’ecosistema in cui è inserita.

Proprio per questo il padiglione di 5,3 chilometri quadrati è stato costruito dalla Cina con materiali interamente riciclabili, alimentato ad energia solare, e gli spostamenti interni alla struttura sono stati organizzati con veicoli elettrici. Anche i volantini informativi, i menù e gli altri accessori di carta che verranno distribuiti durante l’evento sono realizzati con materiali riciclabili. Anche la costruzione degli altri padiglioni è avventua in buona parte attraverso materiali riciclati.

All’Expo hanno aderito 189 Paesi, 57 organizzazioni internazionali e persino 22 nazioni che ancora non hanno rapporti diplomatici con la Repubblica Popolare. Molti Paesi africani, che raramente in passato hanno aderito a manifestazioni di questo tipo, hanno scelto di essere presenti a Shanghai. E il Governo cinese ha stimato un’affluenza complessiva di 70 milioni di visitatori.

Per quanto riguarda il Padiglione italiano, il concept sviluppato è stato “La Città dell’Uomo – l’arte di vivere all’Italiana“. Un mix tra tecnologia avanzata e design, sapienza artigianale, cultura del cibo e del territorio, arte e scienza, storia e futuro. Il risultato è un padiglione di 3000 metri quadrati, allestito dall’architetto Giampaolo Imbrighi, con l’aiuto dello scenografo teatrale e cinematografico Giancarlo Basili. «Il nostro Padiglione – ha sottolineato Beniamino Quintieri, commissario generale del governo per l’Expo di Shanghai 2010 – sarà un modello su scala ridotta degli aspetti più significativi e qualificanti del nostro modo di fare città, proposti in chiave interpretativa contemporanea, sintesi tra la nostra cultura millenaria e i progressi della scienza e della tecnologia».
Una “Città dell’Uomo” quindi dove i concetti di qualità della vita saranno modulati attraverso l’ingegneria e l’urbanistica sostenibile, le infrastrutture ecologiche, l’architettura, il restauro e i progetti di welfare sociale; ma anche attraverso alcune punte di eccellenza nostrane come la cura del corpo, la moda, il cibo e la cultura, simboli del Made in Italy, ma soprattutto dell’Italian Style of Life.

I propositi sono ottimi, purchè tutto questo sfoggio di tecnologie venga poi applicato alla vita quotidiana.

Benedetta Musso


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende