Home » Aziende »Idee »Pratiche »Progetti » Quando l’economia aiuta l’ecologia:

Quando l’economia aiuta l’ecologia

ottobre 7, 2009 Aziende, Idee, Pratiche, Progetti

Pizzocri Massimo_sqLa visione della sostenibilità di Massimo Pizzocri, amministratore delegato di Epson Italia, è estremamente lucida e perfettamente in linea con la lunga tradizione di impegno ambientale della Seiko Epson Corporation, che risale agli anni ’70, in tempi non sospetti. Si riassume in una formula sintetica ed efficace: l’economia a sostegno dell’ecologia.  Una formula che ben esprime il pragmatismo dell’azienda, quanto mai apprezzabile in un ambito in cui mirabolanti dichiarazioni di intenti rischiano spesso, per eccesso di idealismo, di non tramutarsi in nulla di concreto.

“La nostra visione ambientale”, spiega Pizzocri, “non ci impedisce di comprendere le esigenze del cliente, che sono primariamente di tipo economico e di convenienza. Quello che cerchiamo di far capire è che le due cose non sono in contrasto tra loro. La ricerca che Epson svolge sui propri prodotti è espressione della strategia Ecologia, Economia, Innovazione – ed è proprio attraverso l’innovazione di prodotto che l’economia aiuta l’ecologia”. Come nel caso della nuova stampante senza cartucce, destinata, nelle intenzioni dell’azienda, a rivoluzionare, dal punto di vista del modello di business, il rapporto tra fornitore e cliente. Epson propone infatti un sistema simile a quello che molte pubbliche amministrazioni e PMI già conoscono per le fotocopiatrici, garantendo il recupero e la sostituzione del prodotto al termine del ciclo previsto di 8000 pagine: un risparmio e un vantaggio per il cliente che si abbina alla non trascurabile novità di ritirare il prodotto, revisionarlo e riproporlo in vendita. Chi ha in mente le immagini dei “cimiteri dell’elettronica” può rendersi conto di cosa significa.

Epson sembra amare le sfide difficili. “Mentre le dichiarazioni di impegno ambientale a cui siamo abituati sono di norma estremamente prudenziali”, aggiunge Pizzocri, “Epson, dal 2008, ha intrapreso un percorso con obiettivi molto ambiziosi” . Il progetto “Environmental Vision 2050” delineato dal Corporate Strategy Office di  Akihiko Sakai prevede infatti:

  • Riduzione delle emissioni di CO2 del 90% nell’intero ciclo di vita dei prodotti
  • Introduzione di tutti i prodotti nel ciclo di riciclaggio e riutilizzo delle risorse
  • Riduzione dell’emissione diretta di CO2 del 90% ed eliminazione dei gas causa del riscaldamento globale, diversi dalla CO2
  • Ripristino e preservazione della biodiversità come parte dell’ecosistema, con la collaborazione delle comunità locali.

Greenwashing? Senza che nemmeno il termine venga nominato Pizzocri ci tiene a sgombrare il campo e ci racconta per esteso la storia di come è nata la casa madre, a cui prima aveva solo accennato: quando a Suwa, città della Prefettura di Nagano, venne costruito il primo insediamento produttivo dell’azienda, Minoru Usui, l’ingegnere creatore della tecnologia Epson (oggi presidente del gruppo), intese creare da subito una realtà produttiva con il minor impatto ambientale possibile, per non sconvolgere la vita e la salute della comunità a cui egli stesso apparteneva. Una visione che oggi diremmo glocal  e che si ravvisa nelle attività odierne di Epson Italia. “Abbiamo collaborato con Lifegate”, spiega Pizzocri, “per piantumare il bosco di Grugnotorto, polmone verde di Cinisello Balsamo, dove sorge l’azienda. E’un attività che ha coinvolto, su base volontaria, gran parte dei dipendenti”. Alla ricerca e allo sviluppo di prodotti con impatto ambientale sempre più basso, portate avanti dalla casa madre, Epson affianca infatti iniziative locali, svolte autonomamente nelle sedi nazionali del gruppo. Iniziative talvolta banali, ma significative: dalla sostituzione di tutte le lampadine ad incandescenza all’eliminazione dell’acqua imbottigliata, in distribuzione ai dipendenti, nella sede di Cinisello.  Pizzocri non nasconde la difficoltà di coinvolgere e sensibilizzare i dipendenti , ma sottolinea come la risposta, superiore alle aspettative, derivi dalla credibilità stessa dell’impegno ambientale dell’azienda. Per le aziende che hanno scoperto in maniera dubbia e repentina la vocazione verde ha un solo consiglio: lasciar perdere per evitare danni peggiori.  

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende