Home » Aziende »Idee »Pratiche »Progetti » Quando l’economia aiuta l’ecologia:

Quando l’economia aiuta l’ecologia

ottobre 7, 2009 Aziende, Idee, Pratiche, Progetti

Pizzocri Massimo_sqLa visione della sostenibilità di Massimo Pizzocri, amministratore delegato di Epson Italia, è estremamente lucida e perfettamente in linea con la lunga tradizione di impegno ambientale della Seiko Epson Corporation, che risale agli anni ’70, in tempi non sospetti. Si riassume in una formula sintetica ed efficace: l’economia a sostegno dell’ecologia.  Una formula che ben esprime il pragmatismo dell’azienda, quanto mai apprezzabile in un ambito in cui mirabolanti dichiarazioni di intenti rischiano spesso, per eccesso di idealismo, di non tramutarsi in nulla di concreto.

“La nostra visione ambientale”, spiega Pizzocri, “non ci impedisce di comprendere le esigenze del cliente, che sono primariamente di tipo economico e di convenienza. Quello che cerchiamo di far capire è che le due cose non sono in contrasto tra loro. La ricerca che Epson svolge sui propri prodotti è espressione della strategia Ecologia, Economia, Innovazione – ed è proprio attraverso l’innovazione di prodotto che l’economia aiuta l’ecologia”. Come nel caso della nuova stampante senza cartucce, destinata, nelle intenzioni dell’azienda, a rivoluzionare, dal punto di vista del modello di business, il rapporto tra fornitore e cliente. Epson propone infatti un sistema simile a quello che molte pubbliche amministrazioni e PMI già conoscono per le fotocopiatrici, garantendo il recupero e la sostituzione del prodotto al termine del ciclo previsto di 8000 pagine: un risparmio e un vantaggio per il cliente che si abbina alla non trascurabile novità di ritirare il prodotto, revisionarlo e riproporlo in vendita. Chi ha in mente le immagini dei “cimiteri dell’elettronica” può rendersi conto di cosa significa.

Epson sembra amare le sfide difficili. “Mentre le dichiarazioni di impegno ambientale a cui siamo abituati sono di norma estremamente prudenziali”, aggiunge Pizzocri, “Epson, dal 2008, ha intrapreso un percorso con obiettivi molto ambiziosi” . Il progetto “Environmental Vision 2050” delineato dal Corporate Strategy Office di  Akihiko Sakai prevede infatti:

  • Riduzione delle emissioni di CO2 del 90% nell’intero ciclo di vita dei prodotti
  • Introduzione di tutti i prodotti nel ciclo di riciclaggio e riutilizzo delle risorse
  • Riduzione dell’emissione diretta di CO2 del 90% ed eliminazione dei gas causa del riscaldamento globale, diversi dalla CO2
  • Ripristino e preservazione della biodiversità come parte dell’ecosistema, con la collaborazione delle comunità locali.

Greenwashing? Senza che nemmeno il termine venga nominato Pizzocri ci tiene a sgombrare il campo e ci racconta per esteso la storia di come è nata la casa madre, a cui prima aveva solo accennato: quando a Suwa, città della Prefettura di Nagano, venne costruito il primo insediamento produttivo dell’azienda, Minoru Usui, l’ingegnere creatore della tecnologia Epson (oggi presidente del gruppo), intese creare da subito una realtà produttiva con il minor impatto ambientale possibile, per non sconvolgere la vita e la salute della comunità a cui egli stesso apparteneva. Una visione che oggi diremmo glocal  e che si ravvisa nelle attività odierne di Epson Italia. “Abbiamo collaborato con Lifegate”, spiega Pizzocri, “per piantumare il bosco di Grugnotorto, polmone verde di Cinisello Balsamo, dove sorge l’azienda. E’un attività che ha coinvolto, su base volontaria, gran parte dei dipendenti”. Alla ricerca e allo sviluppo di prodotti con impatto ambientale sempre più basso, portate avanti dalla casa madre, Epson affianca infatti iniziative locali, svolte autonomamente nelle sedi nazionali del gruppo. Iniziative talvolta banali, ma significative: dalla sostituzione di tutte le lampadine ad incandescenza all’eliminazione dell’acqua imbottigliata, in distribuzione ai dipendenti, nella sede di Cinisello.  Pizzocri non nasconde la difficoltà di coinvolgere e sensibilizzare i dipendenti , ma sottolinea come la risposta, superiore alle aspettative, derivi dalla credibilità stessa dell’impegno ambientale dell’azienda. Per le aziende che hanno scoperto in maniera dubbia e repentina la vocazione verde ha un solo consiglio: lasciar perdere per evitare danni peggiori.  

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

febbraio 10, 2020

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il “sistema moda” può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L’architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all’utilizzo di nuovi [...]

Annuncio Easy Jet: Wright Electric verso il primo aereo elettrico da 186 posti

febbraio 3, 2020

Annuncio Easy Jet: Wright Electric verso il primo aereo elettrico da 186 posti

La compagnia aerea europea easyJet ha diffuso l’annuncio del suo partner americano, Wright Electric, sull’avvio del programma di sviluppo di un motore per aereo elettrico da 186 posti, denominato Wright 1. A questo scopo Wright Electric sta progettando sistemi elettrici con potenza nell’ordine dei megawatt che saranno necessari per permettere agli aerei elettrici da 186 posti di [...]

Riscoprire la “Carta di Gubbio”. Italia Nostra rilancia la valorizzazione dei centri storici

febbraio 2, 2020

Riscoprire la “Carta di Gubbio”. Italia Nostra rilancia la valorizzazione dei centri storici

Il 30 gennaio si è concluso il primo seminario dell’associazione Italia Nostra dedicato alla “Carta di Gubbio” del 1960, voluto dal consigliere nazionale Marina Foschi e dal presidente della sezione di Bologna Jadra Bentini, in vista del Convegno Nazionale di settembre con cui l’associazione vuole ricordare i 60 anni di un documento ancora attualissimo, che nasceva per affermare l’importanza [...]

“Artic Expedition”: viaggio elettrico in Tesla fino ai -30° di Capo Nord

gennaio 30, 2020

“Artic Expedition”: viaggio elettrico in Tesla fino ai -30° di Capo Nord

Lunedì 20 gennaio 2020 è partita dal Tesla Store di Peschiera Borromeo (MI) la missione “Arctic Expedition”, organizzata da ​Tesla Club Italy ​, il 1° club Tesla italiano, con il canale YouTube ​ElektronVolt Italia.​ Un viaggio 100% elettrico – a bordo di una Tesla Model 3 Long Range – con condizioni climatiche estreme, verso l’estremità [...]

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende