Home » Aziende »Green Economy »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Raccolta differenziata: il futuro è nel porta a porta con mezzi elettrici. L’esempio di Alba:

Raccolta differenziata: il futuro è nel porta a porta con mezzi elettrici. L’esempio di Alba

E’stato presentato ieri ad Alba, “capitale” del territorio Unesco di Langhe, Roero, Monferrato, il nuovo servizio di raccolta dei rifiuti urbani, che sarà affidato dal Consorzio Albese Braidese Rifiuti (Co.A.B.Se.R.) alla società Stirano, del Gruppo Egea. Una rivoluzione in città che punta su due aspetti chiave: il coinvolgimento attivo della popolazione e l‘integrazione nella flotta di nuovi mezzi e tecnologie - a partire dai 32 Goupil G3, i veicoli elettrici forniti a Stirano dalla società romana Exelentia, che serviranno anche le città di Pesaro e Urbino, nelle Marche, e Loano, in Liguria.

Il nuovo modello di gestione, spiega l’Assessore all’Ambiente, Massimo Scavino, intende unire ecologia ed economia, attraverso l’organizzazione di un servizio di alta qualità che porterà, già nel 2016, ad una riduzione media del 5-6%  l’anno sulla TARI, la tassa sui rifiuti, per ciascun cittadino albese e del 3,5% per imprese ed attività produttive. Un investimento complessivo da 2 milioni di euro per andare a risparmiare, a colpi di 400.000 euro l’anno, sui 5 milioni che la città di Alba spende ogni anno per la gestione dei rifiuti che, spiega il sindaco, Maurizio Marello, “nei comuni è una delle voci di bilancio che pesa maggiormente”. Ma, d’altro canto, in località turistiche come queste, biglietto da visita internazionale per i territori italiani, non è nemmeno pensabile risparmiare sulla qualità del servizio: “i cittadini e i turisti devono fare esperienza di una città pulita e ben tenuta, con mezzi belli ed efficienti per le strade e volontari e operatori in divisa”, prosegue Marello.

Non si tratta solo più di “erogare” un servizio, la cittadinanza deve essere coinvolta e sentirsi partecipe di questa pulizia. Per questo, oltre all’investimento tecnologico, Alba punta anche sulla formazione di “ecovolontari” che, attraverso il coinvolgimento di associazioni del territorio, diano un contributo attivo e operino, a loro volta, come ambasciatori della differenziata nei quartieri urbani, spiega l’Ing. Pier Paolo Carini, amministratore delegato di Egea. Tutte iniziative che fanno parte di una visione integrata più ampia delle tematiche ambientali promossa dall’amministrazione comunale, che passa dal PAES (il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) all’adesione al Patto dei Sindaci e, non ultimo, all’intervento di sostituzione di 5.500 luci pubbliche con lampade a LED ad alta efficienza, affidato, anche in questo caso, ad Egea.

Il nuovo servizio di Stirano durerà 5 anni, prorogabili per altri 3 e prevede, in aggiunta ai servizi di raccolta rifiuti e nettezza urbana già attivi, e ai mezzi elettrici, altre forme innovative, che andranno a regime dal 1° luglio 2016: camion a metano a doppia vasca, che consentono di dimezzare il numero di passaggi raddoppiando le tipologie di rifiuti raccolte, pannelli fotovoltaici applicati a cestini stradali compattanti, web-cam sui pali, ipad e biciclette a pedalata assistita in dotazione agli operatori.

Alba ha dato un ottimo esempio“, si congratula Roberto Maldacea, presidente nazionale di Euromobility, che lancia in anteprima la proposta di inserire la città piemontese in una sperimentazione, avviata con il Ministero dell’Ambiente, per premiare le buone pratiche quotidiane dei cittadini attraverso una piattaforma che sarà lanciata l’estate prossima e trasformerà in buoni sconto elettronici la riduzione individuale di emissioni CO2. “Anche per quanto riguarda i mezzi elettrici, l’esempio conta. Forse passeranno anni prima che gli abitanti della città acquistino un’auto elettrica, ma vedere questi mezzi di raccolta in giro per le strade, aiuta a rafforzare il messaggio della sostenibilità ambientale”, conclude Maldacea.

La comunicazione in questo campo, del resto, è fondamentale, sottolinea l’Ing. Piero Bertolusso, direttore del CoABSeR, “per ottenere risultati significativi di differenziata”, superiori al già buono 60% attuale della città di Alba. Per questo partiranno, nei prossimi mesi, campagne di informazione e sensibilizzazione, affiancate da uno strumento informatico come VerdeGufo, già rappresentato sul cassone di tutti i nuovi mezzi.

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende