Home » Aziende »Green Economy »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Raccolta differenziata: il futuro è nel porta a porta con mezzi elettrici. L’esempio di Alba:

Raccolta differenziata: il futuro è nel porta a porta con mezzi elettrici. L’esempio di Alba

E’stato presentato ieri ad Alba, “capitale” del territorio Unesco di Langhe, Roero, Monferrato, il nuovo servizio di raccolta dei rifiuti urbani, che sarà affidato dal Consorzio Albese Braidese Rifiuti (Co.A.B.Se.R.) alla società Stirano, del Gruppo Egea. Una rivoluzione in città che punta su due aspetti chiave: il coinvolgimento attivo della popolazione e l‘integrazione nella flotta di nuovi mezzi e tecnologie - a partire dai 32 Goupil G3, i veicoli elettrici forniti a Stirano dalla società romana Exelentia, che serviranno anche le città di Pesaro e Urbino, nelle Marche, e Loano, in Liguria.

Il nuovo modello di gestione, spiega l’Assessore all’Ambiente, Massimo Scavino, intende unire ecologia ed economia, attraverso l’organizzazione di un servizio di alta qualità che porterà, già nel 2016, ad una riduzione media del 5-6%  l’anno sulla TARI, la tassa sui rifiuti, per ciascun cittadino albese e del 3,5% per imprese ed attività produttive. Un investimento complessivo da 2 milioni di euro per andare a risparmiare, a colpi di 400.000 euro l’anno, sui 5 milioni che la città di Alba spende ogni anno per la gestione dei rifiuti che, spiega il sindaco, Maurizio Marello, “nei comuni è una delle voci di bilancio che pesa maggiormente”. Ma, d’altro canto, in località turistiche come queste, biglietto da visita internazionale per i territori italiani, non è nemmeno pensabile risparmiare sulla qualità del servizio: “i cittadini e i turisti devono fare esperienza di una città pulita e ben tenuta, con mezzi belli ed efficienti per le strade e volontari e operatori in divisa”, prosegue Marello.

Non si tratta solo più di “erogare” un servizio, la cittadinanza deve essere coinvolta e sentirsi partecipe di questa pulizia. Per questo, oltre all’investimento tecnologico, Alba punta anche sulla formazione di “ecovolontari” che, attraverso il coinvolgimento di associazioni del territorio, diano un contributo attivo e operino, a loro volta, come ambasciatori della differenziata nei quartieri urbani, spiega l’Ing. Pier Paolo Carini, amministratore delegato di Egea. Tutte iniziative che fanno parte di una visione integrata più ampia delle tematiche ambientali promossa dall’amministrazione comunale, che passa dal PAES (il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) all’adesione al Patto dei Sindaci e, non ultimo, all’intervento di sostituzione di 5.500 luci pubbliche con lampade a LED ad alta efficienza, affidato, anche in questo caso, ad Egea.

Il nuovo servizio di Stirano durerà 5 anni, prorogabili per altri 3 e prevede, in aggiunta ai servizi di raccolta rifiuti e nettezza urbana già attivi, e ai mezzi elettrici, altre forme innovative, che andranno a regime dal 1° luglio 2016: camion a metano a doppia vasca, che consentono di dimezzare il numero di passaggi raddoppiando le tipologie di rifiuti raccolte, pannelli fotovoltaici applicati a cestini stradali compattanti, web-cam sui pali, ipad e biciclette a pedalata assistita in dotazione agli operatori.

Alba ha dato un ottimo esempio“, si congratula Roberto Maldacea, presidente nazionale di Euromobility, che lancia in anteprima la proposta di inserire la città piemontese in una sperimentazione, avviata con il Ministero dell’Ambiente, per premiare le buone pratiche quotidiane dei cittadini attraverso una piattaforma che sarà lanciata l’estate prossima e trasformerà in buoni sconto elettronici la riduzione individuale di emissioni CO2. “Anche per quanto riguarda i mezzi elettrici, l’esempio conta. Forse passeranno anni prima che gli abitanti della città acquistino un’auto elettrica, ma vedere questi mezzi di raccolta in giro per le strade, aiuta a rafforzare il messaggio della sostenibilità ambientale”, conclude Maldacea.

La comunicazione in questo campo, del resto, è fondamentale, sottolinea l’Ing. Piero Bertolusso, direttore del CoABSeR, “per ottenere risultati significativi di differenziata”, superiori al già buono 60% attuale della città di Alba. Per questo partiranno, nei prossimi mesi, campagne di informazione e sensibilizzazione, affiancate da uno strumento informatico come VerdeGufo, già rappresentato sul cassone di tutti i nuovi mezzi.

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende