Home » Internazionali »Progetti » #Reactroma: va in scena la qualità della vita di domani:

#Reactroma: va in scena la qualità della vita di domani

gennaio 28, 2014 Internazionali, Progetti

#ReACT è un’iniziativa del Parlamento Europeo: una serie di cinque conferenze-dibattito interattive con lo scopo di creare una piattaforma per lo scambio di idee e nuove soluzioni a vecchi problemi. La quarta tappa di questo roadshow continentale, dopo Parigi, Francoforte e Varsavia, si è svolta a Roma, giovedì sera scorso, al Teatro 10 di Cinecittà, con un titolo che traccia un percorso lunghissimo: “Qualità della vita in Europa: passato, presente e futuro” e tre grandi temi che lo puntellano, indirizzando il dibattito: tutela della salute, qualità e sicurezza degli alimenti e sostenibilità ambientale. Tre questioni su cui il Parlamento Europeo si è espresso a più riprese, regolamentando e dettando indirizzi che esercitano un’influenza che supera i confini dell’Unione Europea. Ai tanti paesi che guardano all’Europa per scoprire la “via europea” alla tutela dell’ambiente, della salute e dell’alimentazione.

La cornice è quella della campagna d’informazione AGIRE.REAGIRE.DECIDERE, in vista delle elezioni europee che si terranno il prossimo 25 maggio.

L’evento, trasmesso in diretta streaming sul sito dell’Europarlamento, è stato moderato da Mario Tozzi, geologo e conduttore di “Atlantide” (La7), che ha accompagnato il pubblico particolarmente numeroso (oltre 350 persone in sala!) in un percorso di dialogo, interattivo e partecipato. Dal proprio posto, armati di telecomando, i presenti potevano rispondere alle domande lanciate dal palco, così da verificare, in percentuale, l’orientamento generale in sala. La serata, con un format a metà tra dibattito pubblico e vera e propria performance teatrale, ha visto cimentarsi in un breve monologo iniziale di “provocazione” il fisico e climatologo Riccardo Valentini, lo chef (ma lui ama definirsi un cuoco: “Chef non vuol dire nulla, significa capo, io sono un cuoco!”) Carlo Cracco, e lo storico conduttore televisivo di Elisir (programma di divulgazione scientifica e medica, giunto alla 500° puntata), Michele Mirabella.

Un’agricoltura sostenibile e rispettosa della salute è una realtà o un’utopia?” si è domandato Valentini che, oltre ad essere stato un membro dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), è stato chiamato da Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, nel Consiglio Regionale, proprio a sovrintendere questi temi. Valentini ha illustrato gli scenari di una delle sfide più difficili che attendono il prossimo Parlamento Europeo: indirizzare le politiche agricole verso la sostenibilità climatica, riducendo le emissioni di gas serra e, nel contempo, garantendo una filiera alimentare di qualità. “Oggi, è molto interessante osservare come le nuove generazioni siano molto più pronte rispetto al passato nel raccogliere questa sfida”, ha detto, “un fenomeno che ha cifre impressionanti: in Italia, c’è una crescita straordinaria di imprese giovanili nel settore agricolo, un ritorno alla terra – lo potremmo definire – che prelude a un ritorno a un modello di vita sano, anche con riguardo ai rapporti umani. E io ho fiducia che questo diventi anche un nuovo modo di interpretare il mondo”.

Siamo quello che mangiamo: è un fatto”, ha proseguito Cracco, “e non mangiamo più per fame ma per fare un’esperienza che passa attraverso la salute”. “Leggere l’etichettatura dei prodotti che acquistiamo, annusare la verdura e la frutta che scegliamo, significa mettere sulla propria tavola cibo di qualità e mangiare sano”. In fondo, ha spiegato lo chef (televisivamente) più amato dagli italiani, le direttive del Parlamento Europeo in materia di qualità e sicurezza degli alimenti assomigliano molto “alle regole che guidano quotidianamente la mia attività nell’alta ristorazione”: simili sono i criteri adottati per la selezione dei prodotti e dei fornitori e l’importanza della filiera per un’alimentazione di qualità. Una ricetta europea? “L’insalata russa: un piatto originariamente preparato da un cuoco francese alla corte dello zar. Un piatto che è stato riprodotto in tutti i paesi europei esattamente nello stesso modo”. Cosa vuol dire? “Vuol dire che la cultura e lo scambio continuo di idee aiuta a integrare i popoli”. E vuol dire che l’investimento prioritario è quello dedicato “all’educazione alimentare, partendo dai più piccoli”.

“Le decisioni del Parlamento Europeo influiscono sulla vita dei cittadini quando sono comunicate nei modi più corretti”, ha chiarito Mirabella, per il quale “il punto centrale è quello di diffondere in maniera capillare le informazioni che incidono concretamente sulle scelte delle persone, sugli stili di vita. E non farlo solo in prossimità delle elezioni politiche”. Con il solito gusto per l’ironia, il giornalista e autore teatrale, da sempre impegnato sul tema della tutela della salute, ha lanciato così un appello alle istituzioni europee: “Perché la democrazia trionfi davvero”, ha sottolineato, e l’accesso ai servizi sanitari nazionali da parte dei cittadini sia realmente universale, le decisioni europee devono diventare “patrimonio collettivo di tutti i cittadini europei”. Per farlo occorre realizzare una vera “integrazione” anche attraverso “organi di informazione che riescano davvero a parlare a tutti”.

Quel che è certo è che, dalle ultime elezioni, sono cambiate le regole del gioco: ora il Parlamento Europeo ha più potere nello stabilire le linee politiche che guidano l’Europa e nel prendere le decisioni che influiscono sui cittadini. E dal momento che il Parlamento Europeo è l’unica istituzione eletta direttamente dai cittadini, questo significa che ciascuno avrà più peso per incidere sui cambiamenti necessari alla protezione e promozione dei beni comuni. Appuntamento dunque al 22-25 maggio di quest’anno. Negli stessi giorni la nostra testata parlerà di questi temi nella quarta edizione del Workshop Nazionale IMAGE, dedicato al tema “Medicina ambientale e salute: verso la smart health“.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende