Home » Idee »Progetti » RHEA: la flotta di robot agricoli per ridurre i fitofarmaci:

RHEA: la flotta di robot agricoli per ridurre i fitofarmaci

agosto 6, 2012 Idee, Progetti

Le piante infestanti sono uno dei maggiori problemi per chi vive di agricoltura. Per questo, tra le sostanze usate a supporto delle coltivazioni “tradizionali”, il 70% è costituito da erbicidi. Tanto che la proposta per la nuova PAC, prendendo atto di questa tendenza, ha inteso istituire, da qui al 2020, premi per l’agricoltura integrata e biologica. Lo conferma il professor Andrea Peruzzi, professore di Meccanica Agraria dell’Università di Pisa, che aggiunge: “Con la nuova PAC si è acquisita la consapevolezza dell’eccessivo ed inefficiente uso dei fitofarmaci in agricoltura. Inoltre, dal 2015, anche in aree assimilate a quelle agricole, come le aree verdi pubbliche e i tappeti erbosi, sarà vietato l’uso di prodotti fito-sanitari”.

Peruzzi – un’esperienza ventennale nella meccanica agraria – insieme alla sua équipe ha all’attivo anche diversi brevetti di macchinari, utilizzati in tutto il mondo, per l’agricoltura biologica. Non è un caso, dunque, che già dal 2008 sia stato contattato per la fase preliminare del progetto europeo RHEA (Robot fleets for Higly Effective Agriculture and forestry management). “Si tratta di un progetto quadriennale”, spiega Peruzzi, “partito effettivamente nel 2010, che punta alla realizzazione di una flotta di robot per la gestione sostenibile e mirata delle colture agrarie, con l’obiettivo di ridurre del 75%, rispetto alla situazione attuale, l’uso dei fitofarmaci chimici di sintesi”. Riuscirà la meccanica agraria, grazie ad un esercito di robot dal pollice verde, a dare un contributo allo sviluppo dell’agricoltura biologica ?

Sarebbe ovviamente auspicabile. Anche perché, stando a quanto confermato dal professor Peruzzi (e alle recenti indagini della Procura di Torino) la pericolosità di alcune sostanze è ormai nota: “Alcune”, conferma il professore, “sono ad azione biocida pressoché totale e possono provocare intossicazioni acute, anche gravi, nonché essere cancerogene per uomini e animali”. “Alcuni medici – continua Peruzzi – hanno ipotizzato anche il legame tra l’utilizzo di agrofarmaci e l’insorgenza della SLA, la Sclerosi Laterale Amiotrofica, nota alle cronache per aver colpito alcuni sportivi – in Italia calciatori, in America, ad esempio, giocatori di football – che frequentano i tappeti erbosi.

Il progetto RHEA si inserisce a pieno titolo, dunque, nell’alveo delle politiche nazionali e comunitarie per l’incentivo dell’agricoltura biologica, nonché a vantaggio della salute. “Il progetto”, continua il professore “ha una dotazione economica di circa 10 milioni di euro e coinvolge, oltre all’Università di Pisa, altri 14 partners europei, tra atenei, centri di ricerca, società spin-off e ditte private. Il Centro Interdipartimentale di Ricerche Agro-Ambientali e il Dipartimento di Agronomia e Gestione dell’Agroecosistema dell’Università di Pisa riceveranno 400 mila euro in 4 anni e si occuperanno, in particolar modo, della realizzazione e dello sviluppo di una unità operatrice autonoma per il controllo delle infestanti del mais, del frumento e dell’olivo, le tre colture più diffuse su scala mondiale. I trattamenti eseguiti saranno di tipo fisico, meccanico e termico (pirodiserbo).

L’unità operatrice sarà composta di unità volanti, i droni, e di robot a terra. I droni, robot aerei a 6 eliche di 2,5 metri di diametro, sono prodotti appositamente da una azienda tedesca e possono portare un peso di 2 kg. Saranno equipaggiati con una fotocamera e con un sistema GPS. I droni, infatti, faranno il sopralluogo aereo, individuando le zone in cui le malerbe sono più diffuse, e invieranno le informazioni, tramite un apposito software, alle tre unità che interverranno a terra in maniera mirata, solo dove ce ne sarà bisogno. Il software, tuttavia, consentirà di programmare gli interventi anche in base alle conoscenze pregresse quali, ad esempio, precedenti rilievi fotografici ma anche le conoscenze e l’esperienza dell’agricoltore. I robot terrestri, anch’essi equipaggiati con GPS e fotocamere, entreranno in azione per operare su tre diversi scenari: il diserbo del frumento, quello del mais e la distribuzione di insetticidi sull’olivo. I robot terrestri, inoltre, di fatto dei piccoli trattori senza cabina in grado di ruotare su se stessi, sono alimentati con celle di combustibile ad idrogeno e sfruttano anche l’energia solare grazie a pannelli fotovoltaici. Per poter operare, infatti, hanno bisogno di una potenza di almeno 5 kW di energia elettrica, completamente autoprodotta. In tutte queste operazioni il ruolo umano sarebbe di semplice controllo: un operatore, all’interno di una postazione di controllo, sovrintende da remoto, tramite pc, alle operazioni, intervenendo soltanto in caso di anomalie o malfunzionamenti.

Lo sviluppo sostenibile dell’agricoltura del futuro, sembra dunque basarsi su un mix di conoscenze e competenze diverse: ingegneria elettronica, robotica, informatica, agronomia, meccanica agraria e telecomunicazioni. “E’ un filone di ricerca – conclude Andrea Peruzzi – su cui, negli ultimi anni, sta puntando molto anche l’Unione Europea: macchine tecnologicamente avanzate per una gestione sostenibile dell’agroecosistema. Il progetto RHEA rappresenta una proposta concreta di applicazione dell’agricoltura di precisione alla difesa dei vegetali, con l’obiettivo di ridurre sensibilmente l’impiego di agrofarmaci”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende