Home » Progetti »Provati per voi »Recensioni » RhOME for denCity torna a Casa (Rubner):

RhOME for denCity torna a Casa (Rubner)

gennaio 29, 2015 Progetti, Provati per voi, Recensioni

E’tornato “a casa” ieri, a Chienes (BZ), il prototipo di abitazione urbana ecosostenibile campione del mondo al Solar Decathlon 2014, RhOME for denCity, progettato dagli studenti dell’Università Rome Tre con la supervisione dei docenti Chiara Tonelli e Gabriele Bellingeri e il contributo tecnologico ed economico della Rubner Haus, leader italiano delle costruzioni in legno.

RhOME, resterà ora in esposizione permanente al “Rubner Panorama” (la spianata dedicata ai più interessanti esemplari prodotti dall’impresa altoatesina con i propri partner industriali) e sarà visitabile sia da progettisti e professionisti del settore, che dal pubblico, che potrà prenotarsi per i tour guidati, a partire da quelli organizzati, fino al 31 gennaio, dalla fiera Klimahouse di Bolzano.

Visto da vicino e raccontato dai suoi creatori, il “campione del mondo”, incuriosisce per alcune finezze progettuali che lo elevano al di sopra dell’abusato cliché dell’”edilizia sostenibile“, un termine spesso privo di reale concretezza. Innanzitutto il salto oltre la dimensione meramente energetica, che ha caratterizzato i primi decenni dell’attività di Casa Clima. L’efficienza energetica, spiegano Tonelli e Bellingeri, è infatti importantissima, ma non deve diventare l’unico focus del progettista, altrimenti si rischia di costruire vere e proprie “camere a gas”, completamente isolate termicamente ma piene di formaldeide e altri composti volatili tossici per gli abitanti. Da qui l’attenzione ai materiali, che è valsa a RhOME la targa “Nature“, il nuovo protocollo che Casa Clima ha voluto dedicare alla bioedilizia.

L’altro dogma che RhOME intende ridimensionare è quello dell’automazione, mito quasi fantascientifico della casa che fa tutto da sola. La “home” deve restare una casa ed essere percepita come tale da chi ci vive, non come un complesso elettrodomestico da domare attraverso un libretto di istruzioni di duecento pagine o un “training” all’utilizzo. Per questo le componenti tecnologiche – pur presenti (come la ventilazione meccanica controllata e altri sistemi) – svolgono il loro ruolo discretamente e i consumi sono riportati all’occupante sotto forma di dati informativi che ne possano orientare, consapevolmente, le scelte e non come allarmi prescrittivi che impongano un comportamento forzato. Attraverso questo “cruscotto” domotico (molto user friendly) l’utente capisce le conseguenze pratiche delle sue azioni quotidiane, ma è libero di scegliere come reagire.

Un punto a favore del prototipo romano-altoatesino è anche il richiamo all’importanza della massa, concetto praticamente abbandonato nell’edilizia “leggera” e a secco. Il ragionamento è di nuovo lo stesso di prima: bene l’efficienza energetica, bene i tempi di costruzione e l’ottimizzazione economica, ma non perdiamoci le altre dimensioni del comfort abitativo, altrimenti, oltre alla “camera a gas” rischiamo di costruire anche dei “thermos” talmente ben isolati che qualsiasi corpo riscaldante all’interno – compreso quello umano – rischia, in estate, di non veder dissipato il proprio calore. Un’idea banale ma geniale, come l’inserimento di uno strato di sabbia nella stratigrafia delle pareti perimetrali, è bastata a creare un ammortizzatore termico che risolve adeguatamente questo inconveniente.

Anche questa soluzione riflette la contaminazione di saperi e tecniche (al motto di “more sinergy – less energy“) che fa di RhOME un’interessante ibridazione tra la tradizione costruttiva nordica (più attenta, ovviamente, al freddo) e quella mediterranea, che deve fronteggiare anche il caldo. L’ibridazione è però riuscita anche tra ricerca universitaria e mondo dell’impresa, quei due soggetti che dovrebbero sempre viaggiare a braccetto, ma che in Italia, più frequentemente, vanno ognuno per la propria strada. Basta vedere la targhetta degli sponsor privati e istituzionali per capire che RhOME ha voluto sperimentare fino in fondo anche questa sinergia. Senza paura di dover gridare agli studenti: “less pencil, more hammer!“, meno matita e teoria e più martello e mazzetta in azienda, per montare il modulo e insegnare a pensare anche con le mani.

Andrea Gandiglio

Provato a Chienes (BZ) il 28.01.2015

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende