Home » Nazionali »Politiche »Progetti » Rifiuti radioattivi, a gennaio la mappa delle aree idonee al deposito nazionale:

Rifiuti radioattivi, a gennaio la mappa delle aree idonee al deposito nazionale

ottobre 7, 2014 Nazionali, Politiche, Progetti
  1. Il countdown è fissato a gennaio 2015. “A ll’inizio dell’anno presenteremo la mappa delle aree idonee ad ospitare il deposito nazionale di rifiuti nucleari“, ha dichiarato l’ad di Sogin, Riccardo Casale. “Consegneremo la mappa entro il 3 gennaio”. Questa la data in cui verrà reso noto il luogo dove sarà situato il luogo per l’ultima fase della gestione dei rifiuti radioattivi. Il deposito che nessuno vuole, dove gli scarti avranno una loro locazione definitiva, con l’intenzione di non recuperarli.

L’inizio della storia sta tutto in un anno, il 1987, quando il referendum popolare determinò la cancellazione dei programmi nucleari italiani. Oggi, dopo che la strategia di chiusura ha subito vari cambiamenti nel corso del tempo, a raccontare come si è arrivati fin qui, sono gli esperti a confronto alla Bocconi. Ospiti, il 29 settembre scorso, del convegno “La gestione dei rifiuti radioattivi” sono stati Michele Polo (Eni Chair in Energy Markets e Direttore IEFE, Università Bocconi), Riccardo Casale (Amministratore Delegato, Sogin), Fabio Chiaravalli (Direttore Deposito Nazionale e Parco Tecnologico, Sogin), Fabio Iraldo, Federico Pontoni (IEFE, Università Bocconi), Emilio Garcia Neri (International Relations Department, EnRESA) e Caterina Ghetti (Sfs Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma).

“Dopo il 1987 – interviene Riccardo Casale – i passi fatti sono stati pochi e claudicanti”. “Nella chiusura siamo stati pionieri come per l’apertura delle centrali (Latina, ndr), il dopo però non siamo riusciti a gestirlo. Diciamo però, che se nella gestione rifiuti solidi urbani siamo in emergenza, nella gestione dei rifiuti tossico nocivi siamo in emergenza, nei rifiuti nucleari la situazione è sotto controllo e non ancora in emergenza”.

Decommissioning è la parola chiave. La “disattivazione” di un impianto nucleare è uno dei punti fondamentali da risolvereAllo stato attuale i rifiuti radioattivi in Italia sono in deposito temporaneo presso i siti nucleari che li hanno prodotti. Questa soluzione, per usare un eufemismo, “non è ottimale” in quanto obbliga al mantenimento di presidi di sorveglianza in circa 20 diversi aree del territorio italiano per la conservazione in sicurezza; e poiché i depositi esistenti non sono stati progettati per uno stoccaggio di lungo periodo. Ne deriverebbe dunque la necessità di realizzare, in ciascun sito, nuove strutture di deposito per sostituire quelle obsolete.

Inoltre, bisogna comunque trovare una destinazione ai rifiuti radioattivi e materiali nucleari che rientreranno dall’estero in quanto provenienti dal ritrattamento del combustibile irraggiato inviato in Inghilterra (Sellafield) dalle centrali di Latina e Garigliano. A questi si aggiungono i rifiuti radioattivi e i materiali nucleari che risulteranno dal ritrattamento in Francia (La Hague) del restante combustibile irraggiato, ancora stoccato in Italia”, precisa Fabio Chiaravalli.C’è poi lo smaltimento dei rifiuti provenienti dalle attività mediche, industriali e di ricerca scientifica (circa 1.000 metri cubi all’anno) che attualmente vengono raccolti e trattati da ditte specializzate. Risulta quindi conveniente e urgente la realizzazione di un deposito nazionale che consentirebbe lo smantellamento degli impianti nucleari dismessi con tempi certi, la liberazione dei vecchi siti dai vincoli radiologici e la sistemazione dei rifiuti radioattivi e dei materiali nucleari in un’unica struttura centralizzata progettata e realizzata con i più moderni criteri di sicurezza. Il deposito, se tutto va bene, dovrebbe essere attivo nel 2024, un miliardo e mezzo il costo, ma sarà un grande business”, dice Chiaravalli.

E la monetizzazione dell’operazione sta dentro una precisa e incisiva analisi economica affidata ai ricercatori IEFE-Bocconi, Fabio Iraldo, Federico Pontoni e Antonio Sileo. “Nei prossimi anni, si deciderà di immobilizzare e di vincolare importanti risorse economiche su un preciso territorio per questo è necessario elaborare anche un’analisi economica”, interviene Federico Pontoni. “Il primo elemento dell’analisi economica è legato ai costi industriali dell’operazione, sia quelli relativi all’investimento, sia quelli relativi a tutta la gestione e ai ricavi. In questa fase è anche necessario elaborare delle stime sui rifiuti di origine non energetica che continueranno ad arrivare al deposito. L’investimento nel deposito e nel Parco Tecnologico saranno finanziati dalla componente A2 della bolletta. I costi di gestione del deposito, invece, saranno in parte coperti dalla componente A2, in parte dalle tariffe di conferimento degli operatori. Per il solo Parco Tecnologico, parte dei costi di gestione dovrà essere coperto da fondi ad hoc, reperiti svolgendo attività di ricerca in vari ambiti legati alla sostenibilità ambientale. Da un punto di vista finanziario, è importante capire il disallineamento fra entrate derivanti dalla A2 e tempistiche dell’investimento”, spiega Pontoni. Dal punto di vista economico sono stati proposti e resi operativi meccanismi di finanziamento per le attività di decommissioning. In Italia, come è noto, l’attuale meccanismo di finanziamento si basa su un’aliquota della bolletta elettrica (componente A2), stabilita anno per anno dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas.

Non sono mancate le critiche. Gianni Girotto, Capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Commissione Industria, Commercio, Turismo Energia del Senato, ha duramente accusato la Sogin di non aver ancora imparato la lezione di Scanzano. “La Sogin deve seguire le procedure in modo trasparente coinvolgendo i cittadini, le istituzioni nazionali e regionali nei processi decisionali. Diversamente, la gestione sulla messa in sicurezza dei rifiuti nucleari italiani affidata a Sogin rimarrà inaffidabile”, ha detto il senatore pentastellato. Le tappe del cammino, intanto, sono già state definite nei dettagli a Bruxelles: entro il 2025 l’Italia dovrà dotarsi di un sito adatto a custodire, tutti insieme, i circa 90mila metri cubi di rifiuti radioattivi prodotti dalla ricerca scientifica, dalla medicina, dall’industria e soprattutto dalla chiusura, ormai risalente a quasi 30 anni fa, degli impianti nazionali.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende