Home » Nazionali »Politiche »Progetti » Rifiuti radioattivi, a gennaio la mappa delle aree idonee al deposito nazionale:

Rifiuti radioattivi, a gennaio la mappa delle aree idonee al deposito nazionale

ottobre 7, 2014 Nazionali, Politiche, Progetti
  1. Il countdown è fissato a gennaio 2015. “A ll’inizio dell’anno presenteremo la mappa delle aree idonee ad ospitare il deposito nazionale di rifiuti nucleari“, ha dichiarato l’ad di Sogin, Riccardo Casale. “Consegneremo la mappa entro il 3 gennaio”. Questa la data in cui verrà reso noto il luogo dove sarà situato il luogo per l’ultima fase della gestione dei rifiuti radioattivi. Il deposito che nessuno vuole, dove gli scarti avranno una loro locazione definitiva, con l’intenzione di non recuperarli.

L’inizio della storia sta tutto in un anno, il 1987, quando il referendum popolare determinò la cancellazione dei programmi nucleari italiani. Oggi, dopo che la strategia di chiusura ha subito vari cambiamenti nel corso del tempo, a raccontare come si è arrivati fin qui, sono gli esperti a confronto alla Bocconi. Ospiti, il 29 settembre scorso, del convegno “La gestione dei rifiuti radioattivi” sono stati Michele Polo (Eni Chair in Energy Markets e Direttore IEFE, Università Bocconi), Riccardo Casale (Amministratore Delegato, Sogin), Fabio Chiaravalli (Direttore Deposito Nazionale e Parco Tecnologico, Sogin), Fabio Iraldo, Federico Pontoni (IEFE, Università Bocconi), Emilio Garcia Neri (International Relations Department, EnRESA) e Caterina Ghetti (Sfs Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma).

“Dopo il 1987 – interviene Riccardo Casale – i passi fatti sono stati pochi e claudicanti”. “Nella chiusura siamo stati pionieri come per l’apertura delle centrali (Latina, ndr), il dopo però non siamo riusciti a gestirlo. Diciamo però, che se nella gestione rifiuti solidi urbani siamo in emergenza, nella gestione dei rifiuti tossico nocivi siamo in emergenza, nei rifiuti nucleari la situazione è sotto controllo e non ancora in emergenza”.

Decommissioning è la parola chiave. La “disattivazione” di un impianto nucleare è uno dei punti fondamentali da risolvereAllo stato attuale i rifiuti radioattivi in Italia sono in deposito temporaneo presso i siti nucleari che li hanno prodotti. Questa soluzione, per usare un eufemismo, “non è ottimale” in quanto obbliga al mantenimento di presidi di sorveglianza in circa 20 diversi aree del territorio italiano per la conservazione in sicurezza; e poiché i depositi esistenti non sono stati progettati per uno stoccaggio di lungo periodo. Ne deriverebbe dunque la necessità di realizzare, in ciascun sito, nuove strutture di deposito per sostituire quelle obsolete.

Inoltre, bisogna comunque trovare una destinazione ai rifiuti radioattivi e materiali nucleari che rientreranno dall’estero in quanto provenienti dal ritrattamento del combustibile irraggiato inviato in Inghilterra (Sellafield) dalle centrali di Latina e Garigliano. A questi si aggiungono i rifiuti radioattivi e i materiali nucleari che risulteranno dal ritrattamento in Francia (La Hague) del restante combustibile irraggiato, ancora stoccato in Italia”, precisa Fabio Chiaravalli.C’è poi lo smaltimento dei rifiuti provenienti dalle attività mediche, industriali e di ricerca scientifica (circa 1.000 metri cubi all’anno) che attualmente vengono raccolti e trattati da ditte specializzate. Risulta quindi conveniente e urgente la realizzazione di un deposito nazionale che consentirebbe lo smantellamento degli impianti nucleari dismessi con tempi certi, la liberazione dei vecchi siti dai vincoli radiologici e la sistemazione dei rifiuti radioattivi e dei materiali nucleari in un’unica struttura centralizzata progettata e realizzata con i più moderni criteri di sicurezza. Il deposito, se tutto va bene, dovrebbe essere attivo nel 2024, un miliardo e mezzo il costo, ma sarà un grande business”, dice Chiaravalli.

E la monetizzazione dell’operazione sta dentro una precisa e incisiva analisi economica affidata ai ricercatori IEFE-Bocconi, Fabio Iraldo, Federico Pontoni e Antonio Sileo. “Nei prossimi anni, si deciderà di immobilizzare e di vincolare importanti risorse economiche su un preciso territorio per questo è necessario elaborare anche un’analisi economica”, interviene Federico Pontoni. “Il primo elemento dell’analisi economica è legato ai costi industriali dell’operazione, sia quelli relativi all’investimento, sia quelli relativi a tutta la gestione e ai ricavi. In questa fase è anche necessario elaborare delle stime sui rifiuti di origine non energetica che continueranno ad arrivare al deposito. L’investimento nel deposito e nel Parco Tecnologico saranno finanziati dalla componente A2 della bolletta. I costi di gestione del deposito, invece, saranno in parte coperti dalla componente A2, in parte dalle tariffe di conferimento degli operatori. Per il solo Parco Tecnologico, parte dei costi di gestione dovrà essere coperto da fondi ad hoc, reperiti svolgendo attività di ricerca in vari ambiti legati alla sostenibilità ambientale. Da un punto di vista finanziario, è importante capire il disallineamento fra entrate derivanti dalla A2 e tempistiche dell’investimento”, spiega Pontoni. Dal punto di vista economico sono stati proposti e resi operativi meccanismi di finanziamento per le attività di decommissioning. In Italia, come è noto, l’attuale meccanismo di finanziamento si basa su un’aliquota della bolletta elettrica (componente A2), stabilita anno per anno dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas.

Non sono mancate le critiche. Gianni Girotto, Capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Commissione Industria, Commercio, Turismo Energia del Senato, ha duramente accusato la Sogin di non aver ancora imparato la lezione di Scanzano. “La Sogin deve seguire le procedure in modo trasparente coinvolgendo i cittadini, le istituzioni nazionali e regionali nei processi decisionali. Diversamente, la gestione sulla messa in sicurezza dei rifiuti nucleari italiani affidata a Sogin rimarrà inaffidabile”, ha detto il senatore pentastellato. Le tappe del cammino, intanto, sono già state definite nei dettagli a Bruxelles: entro il 2025 l’Italia dovrà dotarsi di un sito adatto a custodire, tutti insieme, i circa 90mila metri cubi di rifiuti radioattivi prodotti dalla ricerca scientifica, dalla medicina, dall’industria e soprattutto dalla chiusura, ormai risalente a quasi 30 anni fa, degli impianti nazionali.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende