Home » Idee »Progetti » Rinnovabili? Bella idea, ma non nel mio giardino:

Rinnovabili? Bella idea, ma non nel mio giardino

dicembre 4, 2009 Idee, Progetti

Courtesy of Roby Ferrari (Flickr)Il parlare, sempre più frequente, di nuove tecnologie e di energie rinnovabili, rende interessante il concetto di accettabilità sociale delle stesse. Nonostante quasi nessuno si dichiari contrario al “rinnovabile” come concetto in sè, capita che, al momento dell’accettazione, da parte delle comunità locali, di un impianto invasivo sul proprio territorio, si crei qualche problema.

Negli anni ’70-’80, quando si affermarono le prime politiche energetiche, l’ampio consenso registrato nei sondaggi dalle energie rinnovabili fece sì che autorità locali, aziende e sviluppatori non considerassero la questione dell’accettabilità sociale come variabile importante nella stesura di un progetto. I governi hanno successivamente imparato ad accompagnare la ricerca tecnologica a programmi di sensibilizzazione: fiere, campagne pubblicitarie e programmi televisivi hanno contribuito ad abituare il cittadino nel considerare le fonti rinnovabili un’alternativa reale e auspicabile. 

La difficoltà nel diffondere queste tecnologie deriva tuttavia dalle sostanziali differenze che queste presentano rispetto agli impianti tradizionali. Gli impianti rinnovabili necessitano infatti di spazi maggiori, hanno una densità energetica inferiore e non possono competere a livello di costi inziali.

Secondo la definizione proposta da Wustnhagen, Wolsink e Burera, l’accettabilità sociale di una tecnologia va quindi considerata secondo tre distinte dimensioni: socio-politica, della comunità e del mercato. La prima si limita agli aspetti generali registrando generalmente – per quanto riguarda le rinnovabili – un ampio consenso. Come il mercato adotti, sviluppi e diffonda l’innovazione tecnologica (accettabilità del mercato) non è, nemmeno questo, un punto particolarmente problematico. La dimensione dell’accettabilità della comunità si riferisce invece alla scelta dei siti per l’installazione degli impianti e considera l’opinione dei cittadini residenti nel luogo prescelto. E’ a questo livello che si registra il cosiddetto fenomeno NIMBY (acronimo inglese per “Non nel mio giardino”), per il quale un individuo condivide lo sviluppo dell’energia rinnovabile fintanto che questa non incida sugli interessi locali o personali.

Un famoso caso di studio è l’accettabilità degli impianti eolici di Wolsink, che sembrerebbe seguire una curva ad U. Da una fase iniziale di accettazione del progetto si passa ad un generale dissenso (legato alla possibilità che l’impianto venga collocato nell’area di residenza dei cittadini intervistati) ed infine – una volta che l’impianto viene installato e reso operativo - l’accettazione ritorna solitamente a livelli positivi.

Il sito accettabilitasociale.com, propone un questionario di indagine sui fattori che determinano un minore o maggiore livello di accettabilità sociale degli impianti per la produzione di energia rinnovabile.

Attraverso un percorso articolato in 12 step si cerca di capire quanto si conoscano realmente le diverse tecnologie (dal solare termico alla biomassa fino al mini-eolico) e quali timori esse generino nella popolazione. La percezione delle dimensioni, l’importanza dei benefici ambientali, la capacità attesa e la partecipazione ai benefici economici, sono alcuni dei fattori considerati. Nel rispondere alle domande ci si rende effettivamente conto di come una conoscenza superficiale delle tecnologie in questione possa spesso influenzare giudizi negativi privi di fondamento. Un messaggio importante che dovrebbe far riflettere sull’esigenza di un’informazione e formazione più diffuse. 

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende