Home » Idee »Progetti » Rinnovabili? Bella idea, ma non nel mio giardino:

Rinnovabili? Bella idea, ma non nel mio giardino

dicembre 4, 2009 Idee, Progetti

Courtesy of Roby Ferrari (Flickr)Il parlare, sempre più frequente, di nuove tecnologie e di energie rinnovabili, rende interessante il concetto di accettabilità sociale delle stesse. Nonostante quasi nessuno si dichiari contrario al “rinnovabile” come concetto in sè, capita che, al momento dell’accettazione, da parte delle comunità locali, di un impianto invasivo sul proprio territorio, si crei qualche problema.

Negli anni ’70-’80, quando si affermarono le prime politiche energetiche, l’ampio consenso registrato nei sondaggi dalle energie rinnovabili fece sì che autorità locali, aziende e sviluppatori non considerassero la questione dell’accettabilità sociale come variabile importante nella stesura di un progetto. I governi hanno successivamente imparato ad accompagnare la ricerca tecnologica a programmi di sensibilizzazione: fiere, campagne pubblicitarie e programmi televisivi hanno contribuito ad abituare il cittadino nel considerare le fonti rinnovabili un’alternativa reale e auspicabile. 

La difficoltà nel diffondere queste tecnologie deriva tuttavia dalle sostanziali differenze che queste presentano rispetto agli impianti tradizionali. Gli impianti rinnovabili necessitano infatti di spazi maggiori, hanno una densità energetica inferiore e non possono competere a livello di costi inziali.

Secondo la definizione proposta da Wustnhagen, Wolsink e Burera, l’accettabilità sociale di una tecnologia va quindi considerata secondo tre distinte dimensioni: socio-politica, della comunità e del mercato. La prima si limita agli aspetti generali registrando generalmente – per quanto riguarda le rinnovabili – un ampio consenso. Come il mercato adotti, sviluppi e diffonda l’innovazione tecnologica (accettabilità del mercato) non è, nemmeno questo, un punto particolarmente problematico. La dimensione dell’accettabilità della comunità si riferisce invece alla scelta dei siti per l’installazione degli impianti e considera l’opinione dei cittadini residenti nel luogo prescelto. E’ a questo livello che si registra il cosiddetto fenomeno NIMBY (acronimo inglese per “Non nel mio giardino”), per il quale un individuo condivide lo sviluppo dell’energia rinnovabile fintanto che questa non incida sugli interessi locali o personali.

Un famoso caso di studio è l’accettabilità degli impianti eolici di Wolsink, che sembrerebbe seguire una curva ad U. Da una fase iniziale di accettazione del progetto si passa ad un generale dissenso (legato alla possibilità che l’impianto venga collocato nell’area di residenza dei cittadini intervistati) ed infine – una volta che l’impianto viene installato e reso operativo - l’accettazione ritorna solitamente a livelli positivi.

Il sito accettabilitasociale.com, propone un questionario di indagine sui fattori che determinano un minore o maggiore livello di accettabilità sociale degli impianti per la produzione di energia rinnovabile.

Attraverso un percorso articolato in 12 step si cerca di capire quanto si conoscano realmente le diverse tecnologie (dal solare termico alla biomassa fino al mini-eolico) e quali timori esse generino nella popolazione. La percezione delle dimensioni, l’importanza dei benefici ambientali, la capacità attesa e la partecipazione ai benefici economici, sono alcuni dei fattori considerati. Nel rispondere alle domande ci si rende effettivamente conto di come una conoscenza superficiale delle tecnologie in questione possa spesso influenzare giudizi negativi privi di fondamento. Un messaggio importante che dovrebbe far riflettere sull’esigenza di un’informazione e formazione più diffuse. 

Ilaria Burgassi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

gennaio 12, 2017

A Klimahouse 2017 tornano gli Enertour e arriva il modulo Biosphera 2.0

Un’edizione “ad alto grado di innovazione” per Klimahouse 2017, fiera di riferimento internazionale per l’efficienza energetica e il risanamento in edilizia, in programma a Fiera Bolzano dal 26 al 29 gennaio. Formula vincente di Klimahouse è l’ormai calibrato mix tra uno spazio espositivo, dedicato alle novità di prodotto proposte da 450 selezionate aziende di settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende