Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione »Recensioni » Scarpino, la seconda vita della discarica più alta d’Europa:

Scarpino, la seconda vita della discarica più alta d’Europa

La scuola è finita, ma se avessimo dovuto proporre la meta per una gita – insolita quanto educativa - non avremmo avuto dubbi. Scarpino, il Monte Scarpino. Perché? Perché c’è una “bella” discarica, che è tra le più alte d’Europa, vicina a Genova, che, non a caso, lavora per diventare una Smart City. A Genova, del resto, c’è anche il Museo della Rumenta (la spazzatura) il cui simbolo è lo spettacolare “Rumentosauro” realizzato interamente con copertoni, lattine riciclate e pezzi di legno amalgamati su struttura in ferro.

Ma torniamo alla discarica. L’impianto di conferimento dei rifiuti solidi urbani di Monte Scarpino si estende su un’area di circa mezzo milione di metri quadrati. Nata nel 1968, come grande opera di bonifica dell’esistente, la discarica è situata sulle alture di Sestri Ponente a un’altezza di circa 650 metri. Ma davvero l’impianto vale una tappa di una gita, al di là della suggestiva cornice in cui si colloca? La risposta è, a mio avviso, affermativa perché Scarpino, oltre ad essere un laboratorio in funzione da più di quarant’anni, è una discarica modello.

Dalla città di Genova vengono conferite in discarica circa 280.000 tonnellate (dato del 2011) che alimentano un capillare sistema di estrazione del biogas, attraverso pozzi e una rete di captazione che raccoglie i gas e li convoglia a motori che li trasformano in energia elettrica da immettere nella rete nazionale: in media 54 milioni di kWh all’anno. Una produzione significativa, visto che rappresenta più della metà dell’energia prodotta in Liguria da biogas facendo dell’azienda il primo produttore della regione per questa fonte in grande espansione.

Il metano nelle discariche viene generato dagli effetti di decomposizione del materiale organico, con reazioni che durano anche decine di anni. Captarlo integralmente, come avviene a Scarpino, significa contrastare l’effetto serra. All’energia prodotta con il biogas va aggiunta anche quella prodotta da un impianto di pannelli fotovoltaici – 50 kW di potenza istallata – operativo già da alcuni anni. L’energia prodotta da fonti rinnovabile è destinata ad aumentare già dal prossimo anno, quando, nell’ambito della progressiva trasformazione e bonifica dell’area della discarica con recupero delle superfici, terminerà l’installazione di un altro impianto fotovoltaico di potenza superiore che sorgerà sopra i vecchi rifiuti, nell’area di discarica non più utilizzata.

Poco sopra l’area recuperata per i pannelli stanno trovando sistemazione, collocate lungo il crinale per ottimizzarne il rendimento, tre micro pale eoliche, di diversa geometria ma di uguale potenza (20kW), grazie alle quali è attesa una produzione stimata intorno ai 100 MWh/anno.

Ma se gli ultimi anni sono stati dedicati alla produzione di energia verde, in quelli immediatamente precedenti si è lavorato all’ottimizzazione dell’impianto. Nel 2006 l’impianto di Scarpino per aver stabilito, attuato e deciso di mantenere un proprio sistema di gestione ambientale, ha ottenuto infatti la certificazione ambientale ISO 14001. Anche per questo sono state potenziate le attività di monitoraggio e controllo rivolte a tutti i mezzi, carichi di rifiuti, che accedono alla discarica. Ogni giorno i carichi conferiti sono sottoposti a controlli documentali e visivi, mentre ogni settimana vengono realizzate verifiche analitiche sia in loco, sia in laboratorio. Tutti i dati ambientali relativi all’impianto sono poi certificati dall’attestazione EPD (la Dichiarazione Ambientale di Prodotto- Servizio, conseguita già dal 2003), mentre nel 2008, sempre dal RINA, si è ottenuta la Climate Declaration, che descrive le emissioni di gas ad effetto serra prodotte dal sito.

A luglio dello scorso anno si sono, infine, conclusi i lavori della nuova strada di Scarpino. Con la realizzazione del nuovo tracciato, che si sviluppa per 1.641 metri, di cui ben 671 in galleria, i camion diretti alla discarica possono ora percorrere la nuova strada, “una piccola grande opera” che fa da by pass di parte del paese di Barzoli. Con i lavori poi si è realizzata anche la bonifica di una vecchia cava, chiusa negli anni ’70, con il ripristino ambientale di un’area abbandonata al degrado.

L’impegno di Amiu (l’Azienda Multiservizi e d’Igiene Urbana) nel miglioramento continuo della discarica è stato testimoniato, nel dettaglio, in un paio di volumi. Dopo la pubblicazione del volume “La storia della rumenta”, con Sagep Editore, Amiu ha dato alle stampa “Scarpino ieri oggi domani”. Se il primo è un curioso viaggio, ricco di aneddoti, frammenti di storia e foto, intorno alla raccolta dei rifiuti a Genova dall’antichità a oggi, scritto da Aldo Padovano, eclettico ed eccentrico intellettuale, il secondo è un volume, firmato da Alfonso Bellini, Gerardo Brancucci, Riccardo Casale e, di nuovo, Aldo Padovano, che ripercorre, con rigore scientifico, la storia della più grande discarica in pendio d’Italia, considerata per lungo tempo, quasi un girone dantesco. In “Scarpino ieri oggi domani” curiosità, documenti storici, progetti e testimonianze accompagnano il lettore alla scoperta del futuro, con l’obiettivo di evitare, in totale trasparenza, che una leggenda metropolitana sopravviva a se stessa.

Antonio Sileo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende