Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione »Recensioni » Scarpino, la seconda vita della discarica più alta d’Europa:

Scarpino, la seconda vita della discarica più alta d’Europa

La scuola è finita, ma se avessimo dovuto proporre la meta per una gita – insolita quanto educativa - non avremmo avuto dubbi. Scarpino, il Monte Scarpino. Perché? Perché c’è una “bella” discarica, che è tra le più alte d’Europa, vicina a Genova, che, non a caso, lavora per diventare una Smart City. A Genova, del resto, c’è anche il Museo della Rumenta (la spazzatura) il cui simbolo è lo spettacolare “Rumentosauro” realizzato interamente con copertoni, lattine riciclate e pezzi di legno amalgamati su struttura in ferro.

Ma torniamo alla discarica. L’impianto di conferimento dei rifiuti solidi urbani di Monte Scarpino si estende su un’area di circa mezzo milione di metri quadrati. Nata nel 1968, come grande opera di bonifica dell’esistente, la discarica è situata sulle alture di Sestri Ponente a un’altezza di circa 650 metri. Ma davvero l’impianto vale una tappa di una gita, al di là della suggestiva cornice in cui si colloca? La risposta è, a mio avviso, affermativa perché Scarpino, oltre ad essere un laboratorio in funzione da più di quarant’anni, è una discarica modello.

Dalla città di Genova vengono conferite in discarica circa 280.000 tonnellate (dato del 2011) che alimentano un capillare sistema di estrazione del biogas, attraverso pozzi e una rete di captazione che raccoglie i gas e li convoglia a motori che li trasformano in energia elettrica da immettere nella rete nazionale: in media 54 milioni di kWh all’anno. Una produzione significativa, visto che rappresenta più della metà dell’energia prodotta in Liguria da biogas facendo dell’azienda il primo produttore della regione per questa fonte in grande espansione.

Il metano nelle discariche viene generato dagli effetti di decomposizione del materiale organico, con reazioni che durano anche decine di anni. Captarlo integralmente, come avviene a Scarpino, significa contrastare l’effetto serra. All’energia prodotta con il biogas va aggiunta anche quella prodotta da un impianto di pannelli fotovoltaici – 50 kW di potenza istallata – operativo già da alcuni anni. L’energia prodotta da fonti rinnovabile è destinata ad aumentare già dal prossimo anno, quando, nell’ambito della progressiva trasformazione e bonifica dell’area della discarica con recupero delle superfici, terminerà l’installazione di un altro impianto fotovoltaico di potenza superiore che sorgerà sopra i vecchi rifiuti, nell’area di discarica non più utilizzata.

Poco sopra l’area recuperata per i pannelli stanno trovando sistemazione, collocate lungo il crinale per ottimizzarne il rendimento, tre micro pale eoliche, di diversa geometria ma di uguale potenza (20kW), grazie alle quali è attesa una produzione stimata intorno ai 100 MWh/anno.

Ma se gli ultimi anni sono stati dedicati alla produzione di energia verde, in quelli immediatamente precedenti si è lavorato all’ottimizzazione dell’impianto. Nel 2006 l’impianto di Scarpino per aver stabilito, attuato e deciso di mantenere un proprio sistema di gestione ambientale, ha ottenuto infatti la certificazione ambientale ISO 14001. Anche per questo sono state potenziate le attività di monitoraggio e controllo rivolte a tutti i mezzi, carichi di rifiuti, che accedono alla discarica. Ogni giorno i carichi conferiti sono sottoposti a controlli documentali e visivi, mentre ogni settimana vengono realizzate verifiche analitiche sia in loco, sia in laboratorio. Tutti i dati ambientali relativi all’impianto sono poi certificati dall’attestazione EPD (la Dichiarazione Ambientale di Prodotto- Servizio, conseguita già dal 2003), mentre nel 2008, sempre dal RINA, si è ottenuta la Climate Declaration, che descrive le emissioni di gas ad effetto serra prodotte dal sito.

A luglio dello scorso anno si sono, infine, conclusi i lavori della nuova strada di Scarpino. Con la realizzazione del nuovo tracciato, che si sviluppa per 1.641 metri, di cui ben 671 in galleria, i camion diretti alla discarica possono ora percorrere la nuova strada, “una piccola grande opera” che fa da by pass di parte del paese di Barzoli. Con i lavori poi si è realizzata anche la bonifica di una vecchia cava, chiusa negli anni ’70, con il ripristino ambientale di un’area abbandonata al degrado.

L’impegno di Amiu (l’Azienda Multiservizi e d’Igiene Urbana) nel miglioramento continuo della discarica è stato testimoniato, nel dettaglio, in un paio di volumi. Dopo la pubblicazione del volume “La storia della rumenta”, con Sagep Editore, Amiu ha dato alle stampa “Scarpino ieri oggi domani”. Se il primo è un curioso viaggio, ricco di aneddoti, frammenti di storia e foto, intorno alla raccolta dei rifiuti a Genova dall’antichità a oggi, scritto da Aldo Padovano, eclettico ed eccentrico intellettuale, il secondo è un volume, firmato da Alfonso Bellini, Gerardo Brancucci, Riccardo Casale e, di nuovo, Aldo Padovano, che ripercorre, con rigore scientifico, la storia della più grande discarica in pendio d’Italia, considerata per lungo tempo, quasi un girone dantesco. In “Scarpino ieri oggi domani” curiosità, documenti storici, progetti e testimonianze accompagnano il lettore alla scoperta del futuro, con l’obiettivo di evitare, in totale trasparenza, che una leggenda metropolitana sopravviva a se stessa.

Antonio Sileo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende