Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Second Hand Effect: Subito calcola l’impatto ambientale dell’usato online:

Second Hand Effect: Subito calcola l’impatto ambientale dell’usato online

marzo 24, 2016 Aziende, Pratiche, Progetti

Il divano usato su cui siamo seduti? Varrà almeno 250 kg. di CO2“. Melany Libraro, General Manager di Subito, il portale numero 1 in Italia per comprare e vendere online, ha imparato a vedere gli oggetti intorno a sé con la lente dell’impatto ambientale. Merito della ricerca che Schibsted Media Group,  la capogruppo norvegese, ha commissionato all’Istituto Svedese di Ricerca Ambientale (IVL), a partire dal 2013, per calcolare il risparmio di emssioni CO2 equivalenti nei 5 mercati più grandi in cui opera in Europa, tra cui l’Italia.

Lo hanno chiamato “Second Hand Effect“. Immaginate un blocco totale del traffico a Milano per 32 mesi: si tratta di 3,4 milioni di tonnellate di CO2 e. risparmiate, grazie alla buona pratica degli italiani che hanno deciso di dare una seconda vita alla propria auto, allo scooter o alle montagne di oggetti, spesso inutilizzati, che riempiono le nostre case.

Ma tutto questo non fa perdere posti di lavoro alle aziende produttrici?”, chiede un collega giornalista in conferenza stampa. “Non mi risulta – risponde Melany – anzi, il potere di acquisto delle persone viene aumentato e solitamente chi vende online l’usato lo fa per acquistare nuovi beni e servizi“. Una soluzione win-win dunque, che riesce a conciliare urgenze ambientali ed economiche. Non stiamo parlando di “noccioline” tra smanettoni e collezionisti del vintage: la second hand economy, secondo un’indagine DOXA, vale 18 miliardi di euro l’anno, un punto del PIL italiano, e coinvolge il 50% della popolazione sotto i 45 anni, che per il 40% acquista e vende online. Una pratica che, in tempi di crisi, permette mediamente a ciascun utente di guadagnare fino a €1.220 (+20% rispetto ad un mix di compravendita offline e online).

Tornando agli aspetti ambientali, come è stato effettuato il calcolo? Per elaborare i dati di impatto l’Istituto Svedese IVL ha creato una partizione di ciò che è presente nelle diverse categorie di Subito. Per ogni categoria selezionata, sono stati effettuati dei test casuali su 10-50 annunci pubblicati. Questi annunci sono stati analizzati ed è stata calcolata la media della partizione dei materiali all’interno degli oggetti. Ad esempio, un divano o una sedia nella categoria “Arredamento e Casalinghi” sono mediamente formati da: 30% legno, 11% acciaio, 18% polipropilene, 20% poliuretano, 10% poliestere, 7% cotone, 3% pelle, 1% lana. Per ogni bene è stato poi calcolato l’impatto ambientale derivante dall’estrazione della materia prima, dalla lavorazione dei materiali di cui è composto e dal processo di dismissione. Successivamente il totale è stato comparato in chilogrammi equivalenti di diossido di carbonio (CO2e). Il valore di emissioni di CO2e è stato successivamente moltiplicato per il peso medio di ogni annuncio così da ottenere i chilogrammi di CO2e per annuncio. Il quantitativo di emissioni così ottenuto rappresenta un valore standard di emissioni risparmiate grazie alla mancata produzione di un nuovo oggetto nella categoria analizzata. Nel calcolo si è inoltre tenuto conto anche dell’impatto ambientale che deriva dal trasporto degli oggetti tra venditore e compratore, quantificato prudenzialmente in 44 km di media per ogni bene (anche se spesso, in Italia, questo dato è inferiore e gli utenti in città si spostano in metropolitana, bicicletta o anche a piedi).

Subito ha anche profilato le motivazioni che spingono gli utenti alla compravendita di beni usati online. Il 40% degli Italiani lo fa perché crede nel riuso, il 42% lo ritiene un modo intelligente di fare economia, il 30% un modo pratico per liberarsi di ciò che non vuole più, il 18% desidera esplicitamente proteggere l’ambiente e il 33% perché considera l’acquisto di qualcosa di nuovo un mero spreco di risorse – vista l’abbondanza di oggetti usati analoghi nelle cantine, soffitte o garage di casa.

La classifica dei beni usati più acquistati e venduti vede comunque sempre le automobili al primo posto (61%), seguite da oggetti di arredamento (43%), accessori e elettronica (entrambi 34%) e articoli sportivi (32%).

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende