Home » Nazionali »Politiche »Progetti » Sistri: verso la tracciabilità totale dei rifiuti:

Sistri: verso la tracciabilità totale dei rifiuti

marzo 8, 2011 Nazionali, Politiche, Progetti

Courtesy of sardegna.confrartigianato.itServirà a non «perdere di vista nemmeno un attimo» i rifiuti speciali (pericolosi e non) in tutta Italia e i rifiuti urbani solidi in Campania. Il Sistri, Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, è già operativo da ottobre 2010, ma entrerà a pieno regime dal 1° giugno. Tra appena tre mesi, cioè, l’iscrizione al Sistema, promosso dal Ministero dell’Ambiente e gestito dai carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico, diventerà obbligatoria per tutti i produttori, i trasportatori e i gestori di rifiuti speciali.

I rifiuti speciali, quelli cioè provenienti da attività produttive, sanitarie, di recupero e smaltimento rifiuti e i veicoli fuori uso, sono oggi l’80% sul totale dei rifiuti italiani. Di questi, il 10% sono pericolosi: pensiamo agli oli usati o ai rifiuti contenenti sostanze tossiche come i metalli pesanti.

Ma come funziona di preciso questo radar dell’immondizia? Alla base di tutto ci sono una digitalizzazione e informatizzazione delle procedure con cui vengono registrati e comunicati i dati sui rifiuti. Due sono gli strumenti essenziali: una chiavetta USB, per trasmettere e memorizzare informazioni, e una black box, una piccola scatola nera da installare su ciascun veicolo, che monitora il percorso del carico dal produttore al centro di smaltimento. A questi si aggiungono apparecchi di videosorveglianza installati in 402 discariche e inceneritori per controllare l’ingresso e l’uscita degli automezzi. Una mole di dati che confluisce nel centro operativo dei carabinieri, dove sarà possibile rilevare infrazioni o irregolarità: da una sosta troppo lunga di un mezzo a un cambio di percorso, a una dichiarazione falsa sul peso dei rifiuti a un cambio di targa.

Il Sistri sostituisce l’attuale sistema cartaceo di comunicazione dei dati. Un metodo lento e costoso. Carte su carte che richiedono molti mesi per essere analizzate e che possono facilitare traffici illeciti di rifiuti, visto che attualmente, «è possibile avere contezza dello smaltimento dei rifiuti a due anni di distanza. Vi rendete conto di quanto un sistema del genere renda difficile se non impossibile ogni verifica, ogni indagine, ogni controllo», spiega il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, che definisce il Sistri «una rivoluzione di legalità».

Il nuovo sistema consentirà anche un risparmio netto considerevole per le piccole e medie imprese, che per la predisposizione del sistema cartaceo ambientale (formulario dei rifiuti, registro di carico e scarico e modello unico di dichiarazione ambientale) spendevano da 464 a 1.183 euro all’anno. «Il Sistri – sottolinea il ministero – ha decisamente ridotto questi costi, abbattendoli dal 50% all’80%».

Secondo dati aggiornati al 28 febbraio 2011, sono già iscritti al sistema oltre 321.000 operatori, di cui quasi 300.000 sono produttori e gestori, il resto imprese di trasporto. Le chiavette Usb distribuite sono più di 476.000, quasi 86.000 le black box. Gli impianti di videosorveglianza, già attivi in 402 impianti e discariche, saranno installati in altri 500 siti. Il sistema informatico è progettato per gestire fino a 900.000 accessi contemporaneamente: una cifra enorme, visto che per ora sono circa 30.000 al secondo.

Ma, in pratica, come verranno utilizzati i diversi dispositivi elettronici? Ogni soggetto coinvolto nel percorso dei rifiuti (il produttore, l’azienda di trasporto, il destinatario) inserirà nel sistema i dati relativi alla massa di rifiuti da smaltire utilizzando la propria chiavetta Usb. Il dispositivo servirà anche a ogni utente per prendere in carico i rifiuti, dunque al conducente per riceverli dal produttore e al destinatario per riceverli dal conducente. In questo modo, tutto il percorso di quintali di oli esausti o di scarti di lavorazione industriale verrà seguito passo dopo passo, anche nei passaggi da un operatore all’altro.

Il Sistri è partito con un investimento statale di 5 milioni di euro. Per il resto, si autofinanzierà con le quote che le imprese devono pagare per accedervi. Un progetto che il ministro definisce all’avanguardia: «E’ il primo e più completo sistema di tracciabilità dei rifiuti adottato in Europa e ha ricevuto il plauso del commissario all’Ambiente Potocnik. Con i partner comunitari stiamo lavorando per l’interconnessione del nostro sistema con gli altri in alcuni stati europei». Lo scopo è quello di avere, un giorno, un sistema di tracciabilità che copra tutto il continente.

Se la soddisfazione per un sistema innovativo e più efficace è tanta, rimangono ancora alcune importanti criticità. In primo luogo, il Sistri non potrà fermare del tutto le ecomafie: spesso, chi smaltisce illegalmente i rifiuti non lo fa attraverso un’azienda registrata, ma in modo totalmente abusivo e potrà continuare a farlo anche adesso, semplicemente non dichiarando niente al Sistri, come un “evasore totale”. E lo stesso potrà fare anche un’impresa iscritta al sistema di tracciabilità, che potrà eludere i controlli facendo uscire i rifiuti senza dare alcuna comunicazione. Infine il fatto che, delle 402 discariche attualmente controllate con sistemi di videosorveglianza, solo 7 sono in Campania, la regione dove più frequenti sono i crimini legati allo smaltimento illegale dei rifiuti. Se è vero che l’esperienza insegna più di qualsiasi studio preliminare, dopo il 1 giugno si capirà forse meglio come arginare questi problemi.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende