Home » Non-Profit »Pratiche »Progetti » Slow Food elegge il nuovo presidente e riparte verso l’Expo:

Slow Food elegge il nuovo presidente e riparte verso l’Expo

maggio 12, 2014 Non-Profit, Pratiche, Progetti

Un nuovo presidente, una visione che mette al centro le comunità del cibo e i piccoli produttori, il compito non facile di difendere questi concetti in vista dell’Expo. Dopo la chiusura, ieri a Riva del Garda, dell’ottavo congresso, Slow Food guarda al futuro. Con una nuova guida, ma anche con una rete di relazioni vecchie e nuove e una posizione più definita rispetto al passato sui temi del biologico e della sostenibilità ambientale.

Per raccontare i temi della tre giorni congressuale si può partire dalla fine, dall’elezione di Gaetano Pascale alla presidenza dell’associazione per i prossimi quattro anni. Agronomo campano, 46 anni,  è attivo nell’associazione fin dal 1997, dove ha ricoperto la carica di presidente di Slow Food Campania ed è stato docente ai Master of Food per i corsi di vino e olio. Pascale ottenuto il 61% dei voti, prevalendo così su Cinzia Scaffidi,  direttore del Centro studi Slow Food e seconda candidata alla presidenza, a Bra dal 1992. Ha vinto presentando un programma dal titolo “Seminiamo il futuro… coltivando il presente”, basato su parole chiave come “concretezza”, “condivisione” e “partecipazione”. “Per me Slow Food è un progetto di vita che attraverso il cibo migliora l’ambiente, l’economia, la salute e il benessere delle persone. Non amo molto chi elabora teorie astratte per poi cercare di applicarle all’agricoltura. Preferisco un approccio più concreto, con obiettivi chiari e misurabili”, aveva detto qualche giorno fa alla Stampa. A convincere la maggioranza dei 771 delegati sembra sia stata anche la sua origine non piemontese: fin dalla sua nascita, Slow Food è stata infatti guidata per due decenni da Carlo Petrini che, quando ha deciso di lasciare, ha designato come suo successore il braidese Roberto Burdese. La scelta di Pascale ha rappresentato per molti anche un segno di svolta per l’associazione, che nel frattempo si è espansa in 130 Paesi del mondo. Ed è forse anche una buona notizia per il futuro della Terra dei fuochi.

Proprio Burdese ha aperto il Congresso il 9 maggio scorso, delineando nel suo ultimo intervento da presidente le sfide aperte per l’associazione della chiocciola, a partire proprio dall’Expo:  «Noi saremo all’Expo perché vogliamo evitare che finisca per predominare la voce di quelle multinazionali o di quei Paesi che avranno sì padiglioni meravigliosi, ma che allo stesso tempo affamano l’Africa con il land grabbing. Riflettiamoci un attimo: facciamo l’Expo per capire come nutrire il pianeta e allo stesso tempo migliaia di metri di suolo agricolo sono sacrificati per costruire il sito. Da sempre noi ci occupiamo dei temi al centro dell’Expo, e continueremo a farlo anche dopo. La sfida del 2015 allora è questa: proponiamo a ogni italiano di fare l’expo ogni giorno, anche se non visiterà la fiera. Diventiamo co-produttori, difendiamo il nostro pianeta». E poi la Politica agricola europea, con un chiaro e in parte inedito endorsement a favore dell’agricpltura biologica e biodinamica: “Abbiamo bisogno che i fondi della PAC siano destinati a chi fa agricoltura biologica e biodinamica, a chi difende i suoli, a chi difende la biodiversità tutelando i saperi”.

Il congresso ha visto la presenza dei presidenti di Coldiretti e dell’Associazione nazionale per l’agricoltura biodinamica, aprendo la strada a nuove collaborazioni sui temi del cibo “buono, pulito, giusto” cari a Slow Food. “La competizione agroalimentare è legata a un’azione di consumo becero che snatura il valore del cibo. Abbiamo una meta chiara ma c’è bisogno di coraggio e coerenza nelle scelte che facciamo”, ha detto a Riva del Garda il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo. Per questo,ha proseguito, nonostante “siamo due organizzazioni diverse, con direttive e modi di operare differenti, è fondamentale che collaboriamo soprattutto in vista dei grandi progetti come l’Expo 2015, dove noi, insieme, ci stiamo davvero concentrando sui veri contenuti di questo evento mondiale. La nostra è una missione fondamentale, dobbiamo lottare perché ciò che abbiamo ottenuto in questi anni passi ora ai nostri figli”. Mano tesa anche da Carlo Triarico, presidente dell’Associazione per l’agricoltura biodinamica: “Vorremmo costituire un’alleanza tra le organizzazioni che condividono una certa visione di sviluppo che rispetti il lavoratore, l’ambiente e la salute, promuovendo la giustizia alimentare. Noi abbiamo agricoltori che incrementano la fertilità del suolo e una grande potenzialità ancora sconosciuta, di grandissimo aiuto in questo momento in cui i terreni, dopo anni di agricoltura intensiva, sono sempre più poveri”.

E se il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina ha evidenziato l’importanza dell’agricoltura e di Expo per la ripresa italiana, affidando a Slow Food il ruolo di osservatore attento (“ aiutateci a tenere largo l’orizzonte e a segnalarci eventuali cambiamenti di rotta”), è stato Carlo Petrini, ricordando che “il nostro Expo si chiama Terra Madre e non dura sei mesi. Sono dieci anni che facciamo l’Expo, e lo facciamo nei campi e nelle savane. Lo facciamo con un’idea partita da una piccola città piemontese e che ha poi conquistato il mondo intero”, a dettare le parole d’ordine per il futuro: “Essere coraggiosi, visionari e pragmatici”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende