Home » Campioni d'Italia »Progetti »Rubriche » Solar Decathlon 2014: l’Italia campione del mondo nell’architettura sostenibile:

Solar Decathlon 2014: l’Italia campione del mondo nell’architettura sostenibile

luglio 23, 2014 Campioni d'Italia, Progetti, Rubriche

Usciti presto dai Mondiali, ma Campioni globali dell’architettura sostenibile. Se sul campo di calcio la coppa del mondo è andata ai tedeschi, al Solar Decathlon 2014 a vincere sono stati gli italiani. Il primo premio della competizione dell’edilizia efficiente, innovativa, alimentata ad energie rinnovabili, è andato infatti al team dell’Università di Roma Tre e Politecnico di Milano, supportato da una ventina di sponsor tecnici. Dopo il terzo posto ottenuto nel 2012 con il progetto MED in Italy, quest’anno l’Italia ha ottenuto la medaglia d’oro grazie a RhOME for denCity , un prototipo di casa pensato per la riqualificazione dell’area di Tor Fiscale, a Roma, e più in generale delle periferie.

Parola d’ordine è la sobrietà: nei materiali, sostenibili ma anche di recupero; nell’energia, per scelta la casa produce quella necessaria al consumo, perché è molto più intelligente risparmiarla piuttosto che immetterla in rete; nell’uso del territorio, l’idea è riqualificare gli spazi “densificandoli”, in modo da liberarne altri per usi diversi da quello abitativo.

Il prototipo presentato al Solar Decathlon, che quest’anno si è svolto a Versailles, è uno dei tre appartamenti dell’ultimo piano di un edificio residenziale a cinque piani. L’appartamento è costruito in legno leggero, con la tecnologia telaio-muro facile e veloce da assemblare in cantiere, ed è certificato CasaClima A Nature, “perché accanto all’efficienza energetica c’è un’attenzione particolare anche all’impatto dell’edificio sull’ambiente, anche nelle fasi di progettazione e costruzione”, spiega Chiara Tonelli, docente di Tecnologia dell’architettura a Roma Tre e responsabile del progetto.

L’energia è prodotta grazie ai moduli fotovoltaici installati sul tetto, l’acqua calda attraverso un impianto solare termico. La casa integra i sistemi della casa passiva, come l’attenzione all’involucro, la ventilazione indotta, le finestre ombreggiate, ma in un certo senso va oltre. Il progetto ha infatti seguito il protocollo “Active House“, messo a punto dal Politecnico di Milano, che coniuga ambiente, produzione di energia e comfort. “Nella Passive House di solito contano solo la produzione di energia e i consumi, senza dare enfasi agli aspetti ambientali e al lato attivo dell’abitazione. La migliore risposta possibile è per noi è quella di limitare la domanda di energia e progettare sistemi in grado di rispondere alla domanda minima di consumi. Il protocollo Active House  permette di progettare edifici che, ottimizzando il comfort termico e luminoso, riducono al minimo il consumo energetico”.

Ma accanto a elettrodomestici a basso consumo, grande attenzione viene anche data al comportamento di chi la casa la abita. “A guidarci è stato lo slogan “less automation, more information“. Il team ha infatti creato un software che dà agli utenti informazioni sui consumi della casa e la sua autonomia energetica, più dei consigli di comportamento: le persone potranno decidere di seguirli o meno, senza che la casa faccia niente in autonomia. “Vogliamo utenti liberi di vivere la propria casa, sbagliando anche. Solo così si diventa consapevoli e si capisce come migliorare”.  E il lato attivo è anche al centro dell’idea della riqualificazione, che deve riguardare gli spazi abitativi, ma anche le relazioni e l’ambiente: la densificazione del territorio permette “di avere maggiore territorio non costruito che possa essere convertito in suolo ad uso pubblico, restituendo alla popolazione spazi urbani, smart area produttive e mobilità ridotta”.

Il primo premio di RhOME for denCity è il risultato della somma dei punteggi raggiunti in dieci diverse prove: “Siamo arrivati secondi per la categoria Architettura, terzi per l’Innovazione, mentre ci siamo classificati al primo posto per l’uso di elettrodomestici e l’accoglienza degli altri team e al secondo per il Comfort. Al contrario, non siamo stati giudicati bene per quanto riguarda il bilancio energetico, perché la nostra casa non produce più di quello che consuma: questa caratteristica viene da una nostra scelta precisa di sobrietà. Quando l’energia abbonda, non si fa attenzione ai consumi domestici, aspetto su cui invece abbiamo voluto riportare l’accento”.

Il progetto è nato dallo studio di una soluzione per riqualificare l’area di Tor Fiscale, a Roma, e ben si adatterebbe anche alle altre aree periferiche della Capitale, dove il degrado in diversi casi si sposa con la vicinanza a resti romani e a veri e propri propri parchi archeologici oggi disconnessi tra loro. “Per adesso il progetto si ferma al caso di studio, ma il Comune è intenzionato a una riqualificazione dell’area, quando uscirà il bando noi saremo in prima linea“.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende