Home » Finanziamenti »Nazionali »Normative »Politiche »Progetti » Sponsorizzazioni e servizi ambientali. Il futuro dei Parchi secondo Italo Cerise:

Sponsorizzazioni e servizi ambientali. Il futuro dei Parchi secondo Italo Cerise

Il Gran Paradiso è il Parco nazionale più antico d’Italia. Ex riserva di caccia sabauda tra Piemonte e Valle d’Aosta, fu donato allo stato italiano dal re Vittorio Emanuele III nel 1919, e poi trasformato in area protetta nel 1922. A novant’anni dalla sua fondazione, oggi si trova a destreggiarsi tra tagli alle risorse, riduzione del personale e necessità, al contrario, di promozione del territorio in chiave sostenibile. Italo Cerise, presidente del Gran Paradiso dal luglio 2011 e da poco più di un mese anche vicepresidente nazionale di Federparchi, traccia un bilancio e spiega come dovrebbe cambiare la storica Legge quadro 394 sulle aree protette per rimanere al passo con i tempi.

D) Presidente Cerise, il Parco compie 90 anni. Qual è il bilancio di nove decenni di attività?

R) In questi 90 anni, il Parco ha raggiunto risultati importanti sia per quanto riguarda la tutela della biodiversità, sia per lo sviluppo socio-economico delle popolazioni che vivono all’interno del parco o nelle aree limitrofe. Nel 1991, con la legge quadro sulle aree protette, si è passati dalla mera conservazione a un’attività che comprende, oltre alla tutela, anche lo sviluppo del territorio, unendo due elementi apparentemente in contraddizione. E’ cambiato l’approccio: oggi il Parco è uno straordinario mezzo di promozione, un beneficio per il territorio, e per questo bisogna lavorare sulla fruibilità, ovviamente in un’ottica di sviluppo sostenibile. Qualche anno fa, per esempio, abbiamo creato il Marchio di Qualità del Parco, per tutte le attività economiche e commerciali sostenibili. A questo affianchiamo la tutela del territorio e la ricerca scientifica, che da sempre caratterizzano il nostro Parco.

D) Parlava di fruibilità. Come è cambiato negli anni il modo di visitare il Parco?

R) Negli ultimi 20-30 anni è cambiato molto: abbiamo creato le Guide del Parco per i visitatori e i nostri guardaparco fanno anche educazione ambientale. È importante che chi viene nel Parco impari ad avere un rapporto più responsabile con la natura. I nostri nuovi centri visitatori, poi, sono presi ad esempio in tutta Europa: ognuno, oltre a dare informazioni su tutto il territorio del Parco, è dedicato ad un tema specifico come ad esempio un animale diverso, dal lupo allo stambecco al gipeto; ma anche al rapporto tra l’uomo e la natura.

D) Che impatto ha avuto la temutissima spending review sui conti del Parco?

R) E’ troppo presto per dirlo. Il governo parla di tagli ente per ente: ci sono parchi con personale in esubero e altri, come il nostro, sotto organico. Per il Gran Paradiso, la revisione della spesa , se fatta correttamente, potrebbe addirittura comportare una ricostituzione dell’organico. Noi infatti siamo l’unico Parco, insieme a quello d’Abruzzo, ad aver mantenuto il nostro Corpo di Sorveglianza, istituito nel 1947. Oggi abbiamo 58 guardaparco su 71.000 ettari, mentre gli standard ne richiederebbero almeno uno ogni 1.000 ettari.  Così, mentre il servizio di vigilanza degli altri parchi, effettuato dalla Forestale, non ha subito tagli in quanto corpo di polizia, noi ci troviamo sottodimensionati, con gravi problemi gestionali e di funzionalità.

D) E i tagli del 2010 che effetto hanno avuto?

R) Nel 2010, l’annunciato dimezzamento delle risorse dei parchi ha messo in pericolo la nostra esistenza. Alla fine, i tagli sono stati del 10% al personale . Per quanto riguarda il resto, lo Stato garantisce ai parchi le spese obbligatorie per il loro funzionamento, più una quota piuttosto modesta, pari a circa il 20% del totale, per gli investimenti. Ma mancano le risorse  per l’educazione ambientale, la promozione, lo sviluppo sostenibile, la ricerca. Riceviamo dallo stato 3,8 milioni all’anno, su un bilancio totale di 5 milioni. Oltre all’attività ordinaria, diventerà difficile fare altre cose. Oggi ci sarebbero nuove possibilità di autofinanziamento, ma andrebbe aggiornata la legge 394 sulle aree protette.

D) Perché? Quali sono i punti critici della legge?

R) Per quanto riguarda l’autofinanziamento, bisognerebbe introdurre forme più ampie di sponsorizzazione da parte delle aziende. Vorremmo anche che ci venissero riconosciuti i servizi ambientali che diamo al territorio: nell’area protetta, per esempio, ci sono diverse centrali idroelettriche. Basterebbe che ci venisse riservata una piccola percentuale dei sovracanoni che le società di produzione pagano. Inoltre, dovrebbero essere snellite le procedure di governance e quelle di pianificazione del parco, che oggi prevedono troppi passaggi burocratici. Infine, nei Consigli degli enti di gestione dovrebbero poter essere rappresentati anche coloro che operano sul territorio, come gli agricoltori, importantissimi per la tutela dell’ambiente.

Veronica Ulivieri

Leggi l’articolo sul Gran Paradiso International Nature Film Festival – Trofeo Stambecco d’Oro nella sezione Greenews di La stampa.it

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende