Home » Finanziamenti »Nazionali »Normative »Politiche »Progetti » Sponsorizzazioni e servizi ambientali. Il futuro dei Parchi secondo Italo Cerise:

Sponsorizzazioni e servizi ambientali. Il futuro dei Parchi secondo Italo Cerise

Il Gran Paradiso è il Parco nazionale più antico d’Italia. Ex riserva di caccia sabauda tra Piemonte e Valle d’Aosta, fu donato allo stato italiano dal re Vittorio Emanuele III nel 1919, e poi trasformato in area protetta nel 1922. A novant’anni dalla sua fondazione, oggi si trova a destreggiarsi tra tagli alle risorse, riduzione del personale e necessità, al contrario, di promozione del territorio in chiave sostenibile. Italo Cerise, presidente del Gran Paradiso dal luglio 2011 e da poco più di un mese anche vicepresidente nazionale di Federparchi, traccia un bilancio e spiega come dovrebbe cambiare la storica Legge quadro 394 sulle aree protette per rimanere al passo con i tempi.

D) Presidente Cerise, il Parco compie 90 anni. Qual è il bilancio di nove decenni di attività?

R) In questi 90 anni, il Parco ha raggiunto risultati importanti sia per quanto riguarda la tutela della biodiversità, sia per lo sviluppo socio-economico delle popolazioni che vivono all’interno del parco o nelle aree limitrofe. Nel 1991, con la legge quadro sulle aree protette, si è passati dalla mera conservazione a un’attività che comprende, oltre alla tutela, anche lo sviluppo del territorio, unendo due elementi apparentemente in contraddizione. E’ cambiato l’approccio: oggi il Parco è uno straordinario mezzo di promozione, un beneficio per il territorio, e per questo bisogna lavorare sulla fruibilità, ovviamente in un’ottica di sviluppo sostenibile. Qualche anno fa, per esempio, abbiamo creato il Marchio di Qualità del Parco, per tutte le attività economiche e commerciali sostenibili. A questo affianchiamo la tutela del territorio e la ricerca scientifica, che da sempre caratterizzano il nostro Parco.

D) Parlava di fruibilità. Come è cambiato negli anni il modo di visitare il Parco?

R) Negli ultimi 20-30 anni è cambiato molto: abbiamo creato le Guide del Parco per i visitatori e i nostri guardaparco fanno anche educazione ambientale. È importante che chi viene nel Parco impari ad avere un rapporto più responsabile con la natura. I nostri nuovi centri visitatori, poi, sono presi ad esempio in tutta Europa: ognuno, oltre a dare informazioni su tutto il territorio del Parco, è dedicato ad un tema specifico come ad esempio un animale diverso, dal lupo allo stambecco al gipeto; ma anche al rapporto tra l’uomo e la natura.

D) Che impatto ha avuto la temutissima spending review sui conti del Parco?

R) E’ troppo presto per dirlo. Il governo parla di tagli ente per ente: ci sono parchi con personale in esubero e altri, come il nostro, sotto organico. Per il Gran Paradiso, la revisione della spesa , se fatta correttamente, potrebbe addirittura comportare una ricostituzione dell’organico. Noi infatti siamo l’unico Parco, insieme a quello d’Abruzzo, ad aver mantenuto il nostro Corpo di Sorveglianza, istituito nel 1947. Oggi abbiamo 58 guardaparco su 71.000 ettari, mentre gli standard ne richiederebbero almeno uno ogni 1.000 ettari.  Così, mentre il servizio di vigilanza degli altri parchi, effettuato dalla Forestale, non ha subito tagli in quanto corpo di polizia, noi ci troviamo sottodimensionati, con gravi problemi gestionali e di funzionalità.

D) E i tagli del 2010 che effetto hanno avuto?

R) Nel 2010, l’annunciato dimezzamento delle risorse dei parchi ha messo in pericolo la nostra esistenza. Alla fine, i tagli sono stati del 10% al personale . Per quanto riguarda il resto, lo Stato garantisce ai parchi le spese obbligatorie per il loro funzionamento, più una quota piuttosto modesta, pari a circa il 20% del totale, per gli investimenti. Ma mancano le risorse  per l’educazione ambientale, la promozione, lo sviluppo sostenibile, la ricerca. Riceviamo dallo stato 3,8 milioni all’anno, su un bilancio totale di 5 milioni. Oltre all’attività ordinaria, diventerà difficile fare altre cose. Oggi ci sarebbero nuove possibilità di autofinanziamento, ma andrebbe aggiornata la legge 394 sulle aree protette.

D) Perché? Quali sono i punti critici della legge?

R) Per quanto riguarda l’autofinanziamento, bisognerebbe introdurre forme più ampie di sponsorizzazione da parte delle aziende. Vorremmo anche che ci venissero riconosciuti i servizi ambientali che diamo al territorio: nell’area protetta, per esempio, ci sono diverse centrali idroelettriche. Basterebbe che ci venisse riservata una piccola percentuale dei sovracanoni che le società di produzione pagano. Inoltre, dovrebbero essere snellite le procedure di governance e quelle di pianificazione del parco, che oggi prevedono troppi passaggi burocratici. Infine, nei Consigli degli enti di gestione dovrebbero poter essere rappresentati anche coloro che operano sul territorio, come gli agricoltori, importantissimi per la tutela dell’ambiente.

Veronica Ulivieri

Leggi l’articolo sul Gran Paradiso International Nature Film Festival – Trofeo Stambecco d’Oro nella sezione Greenews di La stampa.it

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

febbraio 10, 2020

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il “sistema moda” può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L’architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all’utilizzo di nuovi [...]

Annuncio Easy Jet: Wright Electric verso il primo aereo elettrico da 186 posti

febbraio 3, 2020

Annuncio Easy Jet: Wright Electric verso il primo aereo elettrico da 186 posti

La compagnia aerea europea easyJet ha diffuso l’annuncio del suo partner americano, Wright Electric, sull’avvio del programma di sviluppo di un motore per aereo elettrico da 186 posti, denominato Wright 1. A questo scopo Wright Electric sta progettando sistemi elettrici con potenza nell’ordine dei megawatt che saranno necessari per permettere agli aerei elettrici da 186 posti di [...]

Riscoprire la “Carta di Gubbio”. Italia Nostra rilancia la valorizzazione dei centri storici

febbraio 2, 2020

Riscoprire la “Carta di Gubbio”. Italia Nostra rilancia la valorizzazione dei centri storici

Il 30 gennaio si è concluso il primo seminario dell’associazione Italia Nostra dedicato alla “Carta di Gubbio” del 1960, voluto dal consigliere nazionale Marina Foschi e dal presidente della sezione di Bologna Jadra Bentini, in vista del Convegno Nazionale di settembre con cui l’associazione vuole ricordare i 60 anni di un documento ancora attualissimo, che nasceva per affermare l’importanza [...]

“Artic Expedition”: viaggio elettrico in Tesla fino ai -30° di Capo Nord

gennaio 30, 2020

“Artic Expedition”: viaggio elettrico in Tesla fino ai -30° di Capo Nord

Lunedì 20 gennaio 2020 è partita dal Tesla Store di Peschiera Borromeo (MI) la missione “Arctic Expedition”, organizzata da ​Tesla Club Italy ​, il 1° club Tesla italiano, con il canale YouTube ​ElektronVolt Italia.​ Un viaggio 100% elettrico – a bordo di una Tesla Model 3 Long Range – con condizioni climatiche estreme, verso l’estremità [...]

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende