Home » Idee »Nazionali »Politiche »Progetti » Stati Generali: per non perdere il trend della green economy:

Stati Generali: per non perdere il trend della green economy

novembre 8, 2012 Idee, Nazionali, Politiche, Progetti

Dovremmo forse smetterla di chiamarla green economy, e parlare di economy“. Tutta l’economia, cioè, dovrà essere, d’ora in avanti, “verde”. A lanciare la provocazione è Andrea Gnassi, il Sindaco di Rimini, la città che ha ospitato oggi gli Stati Generali della Green Economy, nella giornata inaugurale di Ecomondo. Il primo cittadino non tradisce la sua consueta brillantezza e rilancia ancora:  ”Dopo la seconda Guerra Mondiale la CECA nacque con l’idea di mettere insieme il carbone e l’acciaio, risorse del sottosuolo, perché non utilizzare il prossimo 10 dicembre, quando l’Unione Europea riceverà il Premio Nobel per la Pace, per unire i popoli nel nome dell’aria, del sole e della terra, in un’ottica di sviluppo sostenibile?”.

Per ora gli Stati Generali – promossi dal Ministero dell’Ambiente su stimolo della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile dell’ex ministro Edo Ronchi – hanno un’ambizione più contenuta, ma non meno impegnativa: mettere a sistema le forze, fino ad oggi frammentarie e disaggregate, della green economy italiana, per definire una visione comune e “fare sistema”. L’incontro di oggi è, infatti, il frutto di una consultazione che ha visto coinvolte, nei mesi scorsi, 39 organizzazioni di imprese, con 193 partecipanti ai gruppi di lavoro e 8 Assemblee Nazionali Programmatiche, nelle quali sono intervenuti 1120 operatori del settore. Già di per sé un piccolo miracolo nell’Italia dei campanili (anche se – a sentire illustri esclusi – non mancano le ombre su alcuni meccanismi di selezione degli “esperti”).

Fatto sta che, grazie a questa coraggiosa iniziativa, la green economy è, da questo momento, un processo (e non solo un progetto), che politici e amministratori non possono più ignorare. Ma attenzione – ammonisce Ronchi – “a non perdere il trend internazionale della green economy“. Se la consapevolezza è ormai alta, non bisogna infatti cedere all’usanza, tipica dell’Italia nelle sue espressioni peggiori, di girare all’infinito intorno alla questione senza mettere in atto, concretamente, la rivoluzione che, invece, è già da tempo partita in altri Paesi europei, a cominciare da quelli del Nord.

Ma anche dal Brasile e dalla Cina, ricorda Corrado Clini, a cui spetta il compito introduttivo di tratteggiare lo stato dell’arte e le iniziative intraprese dal Governo, a sostegno dello sviluppo sostenibile nel nostro Paese. “La mia omologa brasiliana Izabella Teixeira – spiega il Ministro – sostiene, a ragione, che dopo il vertice di Rio+20 non abbiamo più bisogno di vertici tra gli Stati, ma di vertici tra le imprese“. Un modo per dire: la via è tracciata, ora serve riempirla di business. Come già stanno facendo le 740 imprese italiane che operano in Brasile nell’ambito della green economy, pur mantenendo la base in Italia – atto quasi eroico, di questi tempi, che vale loro il ringraziamento del Ministro e il suo impegno ad agevolare ulteriormente i rapporti internazionali, grazie anche ad un accordo bilaterale con il gigante sudamericano.

Senza dimenticare, però, gli “affari interni”. Tra le 70 proposte per contribuire a far uscire l’Italia dalle due crisi (quella economico-finanziaria e quella ecologico-climatica), emerse dal lavoro dei gruppi di studio tematici – e approfondite nel Rapporto curato dalla Fondazione di Ronchi insieme all’ENEA – Clini fa sua, innanzitutto, quella della revisione degli strumenti normativi. Spesso infatti, spiega il Ministro, “le normative ambientali generano un insieme di leggi che, paradossalmente, portano a risultati opposti a quelli sperati”. Basti pensare al caso delle autorizzazioni ambientali, il cui iter dura talvolta anche 5 anni (come nel caso dell’Ilva), quando potrebbe durare 6 mesi. Non si può sempre però, aggiunge Clini, “forzare le cattive abitudini, è fondamentale fare in modo che l’obiettivo ambientale si possa ottenere in maniera lineare e trasparente“.

Non perdere i trend, dunque, ma non perdere nemmeno i treni. Clini riporta l’attenzione sulla necessità di dotare il Paese di quelle infrastrutture che possano garantire una mobilità e una logistica sostenibili, per tornare a crescere. E’normale, si domanda retoricamente il Ministro, che un in un paese in cui il 90% delle merci viaggia su gomma, si blocchino le infrastrutture ferroviarie per una distorta interpretazione delle normative ambientali? E poi, ancora, fiscalità ecologica, project bond, agevolazioni alla chimica verde, stabilizzazione del credito d’imposta del 55% per l’efficientamento energetico, finanziamento agevolato allo 0,5% per le imprese della green economy che assumono giovani. Clini è un fiume in piena nell’illustrare quello che il suo Ministero ha già realizzato o sta facendo – spesso d’accordo con lo Sviluppo Economico del collega di Governo Passera – per dare slancio alla green economy nazionale.

Gli organizzatori di questa meritevolissima e lodevole impresa ci concederanno solamente una nota. Quale ruolo immaginano, in tutto ciò, per la comunicazione e l’informazione? I media sono solo una trombetta celebrativa, da far accordare al prode Giliberto, o possono avere un ruolo più nobile nel coinvolgimento e nella formazione del cittadino e degli operatori del settore? Ad oggi non è chiaro, tanto che “l’informazione”, nella presentazione al pubblico di Ronchi, si esaurisce in una citazione en passant, tra gli “altri strumenti”. Eppure in sala siamo solo cinquecento, come comunicheremo i prodigi della green economy agli altri 59.999.500 italiani? Qualche umile idea potrebbe emergere dal “fuori salone” dei giornalisti ambientali, in programma venerdì 9 nel meno blasonato Social Media Corner di Ecomondo.

Andrea Gandiglio

Leggi anche “Stati Generali della Green Economy: contro i falsi miti” nella sezione Approfondimenti di Greenews.info su Lastampa.it

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende