Home » Idee »Nazionali »Politiche »Progetti » Stati Generali: per non perdere il trend della green economy:

Stati Generali: per non perdere il trend della green economy

novembre 8, 2012 Idee, Nazionali, Politiche, Progetti

Dovremmo forse smetterla di chiamarla green economy, e parlare di economy“. Tutta l’economia, cioè, dovrà essere, d’ora in avanti, “verde”. A lanciare la provocazione è Andrea Gnassi, il Sindaco di Rimini, la città che ha ospitato oggi gli Stati Generali della Green Economy, nella giornata inaugurale di Ecomondo. Il primo cittadino non tradisce la sua consueta brillantezza e rilancia ancora:  ”Dopo la seconda Guerra Mondiale la CECA nacque con l’idea di mettere insieme il carbone e l’acciaio, risorse del sottosuolo, perché non utilizzare il prossimo 10 dicembre, quando l’Unione Europea riceverà il Premio Nobel per la Pace, per unire i popoli nel nome dell’aria, del sole e della terra, in un’ottica di sviluppo sostenibile?”.

Per ora gli Stati Generali – promossi dal Ministero dell’Ambiente su stimolo della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile dell’ex ministro Edo Ronchi – hanno un’ambizione più contenuta, ma non meno impegnativa: mettere a sistema le forze, fino ad oggi frammentarie e disaggregate, della green economy italiana, per definire una visione comune e “fare sistema”. L’incontro di oggi è, infatti, il frutto di una consultazione che ha visto coinvolte, nei mesi scorsi, 39 organizzazioni di imprese, con 193 partecipanti ai gruppi di lavoro e 8 Assemblee Nazionali Programmatiche, nelle quali sono intervenuti 1120 operatori del settore. Già di per sé un piccolo miracolo nell’Italia dei campanili (anche se – a sentire illustri esclusi – non mancano le ombre su alcuni meccanismi di selezione degli “esperti”).

Fatto sta che, grazie a questa coraggiosa iniziativa, la green economy è, da questo momento, un processo (e non solo un progetto), che politici e amministratori non possono più ignorare. Ma attenzione – ammonisce Ronchi – “a non perdere il trend internazionale della green economy“. Se la consapevolezza è ormai alta, non bisogna infatti cedere all’usanza, tipica dell’Italia nelle sue espressioni peggiori, di girare all’infinito intorno alla questione senza mettere in atto, concretamente, la rivoluzione che, invece, è già da tempo partita in altri Paesi europei, a cominciare da quelli del Nord.

Ma anche dal Brasile e dalla Cina, ricorda Corrado Clini, a cui spetta il compito introduttivo di tratteggiare lo stato dell’arte e le iniziative intraprese dal Governo, a sostegno dello sviluppo sostenibile nel nostro Paese. “La mia omologa brasiliana Izabella Teixeira – spiega il Ministro – sostiene, a ragione, che dopo il vertice di Rio+20 non abbiamo più bisogno di vertici tra gli Stati, ma di vertici tra le imprese“. Un modo per dire: la via è tracciata, ora serve riempirla di business. Come già stanno facendo le 740 imprese italiane che operano in Brasile nell’ambito della green economy, pur mantenendo la base in Italia – atto quasi eroico, di questi tempi, che vale loro il ringraziamento del Ministro e il suo impegno ad agevolare ulteriormente i rapporti internazionali, grazie anche ad un accordo bilaterale con il gigante sudamericano.

Senza dimenticare, però, gli “affari interni”. Tra le 70 proposte per contribuire a far uscire l’Italia dalle due crisi (quella economico-finanziaria e quella ecologico-climatica), emerse dal lavoro dei gruppi di studio tematici – e approfondite nel Rapporto curato dalla Fondazione di Ronchi insieme all’ENEA – Clini fa sua, innanzitutto, quella della revisione degli strumenti normativi. Spesso infatti, spiega il Ministro, “le normative ambientali generano un insieme di leggi che, paradossalmente, portano a risultati opposti a quelli sperati”. Basti pensare al caso delle autorizzazioni ambientali, il cui iter dura talvolta anche 5 anni (come nel caso dell’Ilva), quando potrebbe durare 6 mesi. Non si può sempre però, aggiunge Clini, “forzare le cattive abitudini, è fondamentale fare in modo che l’obiettivo ambientale si possa ottenere in maniera lineare e trasparente“.

Non perdere i trend, dunque, ma non perdere nemmeno i treni. Clini riporta l’attenzione sulla necessità di dotare il Paese di quelle infrastrutture che possano garantire una mobilità e una logistica sostenibili, per tornare a crescere. E’normale, si domanda retoricamente il Ministro, che un in un paese in cui il 90% delle merci viaggia su gomma, si blocchino le infrastrutture ferroviarie per una distorta interpretazione delle normative ambientali? E poi, ancora, fiscalità ecologica, project bond, agevolazioni alla chimica verde, stabilizzazione del credito d’imposta del 55% per l’efficientamento energetico, finanziamento agevolato allo 0,5% per le imprese della green economy che assumono giovani. Clini è un fiume in piena nell’illustrare quello che il suo Ministero ha già realizzato o sta facendo – spesso d’accordo con lo Sviluppo Economico del collega di Governo Passera – per dare slancio alla green economy nazionale.

Gli organizzatori di questa meritevolissima e lodevole impresa ci concederanno solamente una nota. Quale ruolo immaginano, in tutto ciò, per la comunicazione e l’informazione? I media sono solo una trombetta celebrativa, da far accordare al prode Giliberto, o possono avere un ruolo più nobile nel coinvolgimento e nella formazione del cittadino e degli operatori del settore? Ad oggi non è chiaro, tanto che “l’informazione”, nella presentazione al pubblico di Ronchi, si esaurisce in una citazione en passant, tra gli “altri strumenti”. Eppure in sala siamo solo cinquecento, come comunicheremo i prodigi della green economy agli altri 59.999.500 italiani? Qualche umile idea potrebbe emergere dal “fuori salone” dei giornalisti ambientali, in programma venerdì 9 nel meno blasonato Social Media Corner di Ecomondo.

Andrea Gandiglio

Leggi anche “Stati Generali della Green Economy: contro i falsi miti” nella sezione Approfondimenti di Greenews.info su Lastampa.it

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende