Home » Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » U4energy, gli studenti europei imparano a ridurre i consumi:

U4energy, gli studenti europei imparano a ridurre i consumi

Chi ha detto che il risparmio energetico è roba da grandi? U4energy è la prima competizione pan-europea sull’educazione energetica organizzata dalla Commissione Europea aperta a tutte le scuole, dagli asili nido fino alla superiori, di tutti i ventotto Stati membri più Norvegia, Islanda e Liechtenstein. I vincitori sono stati nominati nei giorni scorsi, ma la corsa verso il successo è stata lunga.

Il portale U4energy a settembre 2010 aveva ufficialmente lanciato tre diverse gare sull’efficienza energetica. La prima sulle “migliori misure intraprese”. Gli studenti e gli insegnanti, supportati dalla comunità e autorità locali, dovevano progettare e implementare un piano di risparmio energetico per ridurre i consumi a scuola. La seconda, invece, si riferiva alle “migliori azioni didattiche e si rivolgeva esclusivamente agli insegnati, che hanno avuto l’opportunità di tenere le proprie lezioni sull’efficienza energetica a scuola fornendo metodologie e materiale educativo. Tutte le informazioni dovevano essere riportate in dettaglio, insieme a foto e video, nel programma della lezione. La terza, infine, premiava la “miglior campagna scolastica”. Con l’aiuto degli adulti, i ragazzi hanno organizzato, attraverso video, poster e disegni, una campagna di sensibilizzazione: i partecipanti erano invitati a parlare con le autorità locali, ad intervistare personaggi chiave o contattare i media per diffondere meglio il loro messaggio. L’obiettivo era far conoscere agli altri come risparmiare energia. Da non dimenticare, poi, l’assegnazione di un premio speciale per la miglior buona pratica. Tutte le competizioni invitavano gli insegnanti e gli studenti a pensare alle loro abitudini quotidiane in fatto di consumi, prendendo provvedimenti per ottimizzare le risorse energetiche.

La premiazione ha avuto luogo a due livelli: nazionale ed europeo.  Il miglior piano di risparmio energetico si chiama “We Care” e viene da una scuola della Croazia. Un istituto piccolo, con circa trecento bambini. Nonostante il basso numero di alunni, aule e uffici il loro consumo di energia, sia elettrica che termica, è molto alto. Hanno così deciso di ristrutturare le parti vecchie della scuola: sostituzione del tetto, isolamento termico dell’attico, cambio delle vecchie finestre e porte in legno. Interventi che hanno portato alla riduzione dei consumi energetici, dei costi e delle emissioni di biossido di carbonio. Per la categoria “migliori azioni didattiche” ha vinto invece la Francia con Energy is cool!”: come se avessero lavorato per una vera e propria agenzia locale di energia, gli alunni hanno dovuto rispondere ad un vero e proprio incarico da parte di un cliente reale. La richiesta veniva dal governo regionale, che è responsabile per gli edifici scolastici. I ragazzi hanno analizzato i consumi energetici del campus e formulato raccomandazioni, ma hanno anche dovuto implementare dispositivi di efficienza energetica e modelli in scala mostrati durante un evento aperto al pubblico, sottolineando così il forte legame con il territorio e la società. “Energy Tutors” è, invece, la campagna scolastica austriaca che ha vinto nella terza categoria. Gli alunni di una scuola superiore hanno organizzato, con l’aiuto di esperti, workshop sia per i bambini delle elementari sia per quelli della materna. I più piccoli hanno sperimentato e imparato a conoscere il riscaldamento globale, le energie rinnovabili, a fare energia elettrica con pannelli solari, come funziona una centrale eolica, la necessità di riciclaggio dei rifiuti. La best practice, infine, viene dal Belgio. È il concorso dal titolo “Ecoles Zero-Watt”: durante la gara le scuole sono andate a caccia di energia elettrica sprecata. Le scuole partecipanti si sono così impegnate a ridurre il consumo: quelle che hanno conseguito i risparmi più significativi hanno ricevuto pacchetti di strumenti energetici.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende