Home » Aziende »Pratiche »Progetti » Ulisse, il bisonte europeo torna in libertà:

Ulisse, il bisonte europeo torna in libertà

luglio 11, 2013 Aziende, Pratiche, Progetti

La speranza è che il suo nome sia garanzia di un ritorno a casa e di una nuova vita in libertà, senza finire preda di cacciatori e bracconieri. Ulisse, un giovane bisonte europeo di un anno,  nato e cresciuto nel parco  di conservazione Natura Viva di Bussolengo (Verona), verrà rilasciato il prossimo ottobre nell’area dei Carpazi meridionali. Fino a un secolo fa questi grandi mammiferi erano presenti in tutta l’Europa orientale, dalla Polonia alla Russia, fino al Kazakistan.  Poi, a causa della caccia eccessiva, si sono estinti,  e la specie è sopravvissuta solo grazie agli individui allevati nei giardini zoologici. “Venivano uccisi come fonte di cibo, e perché considerati pericolosi. Essendo in competizione con l’uomo per l’alimentazione, soprattutto in inverno, i bisonti si avvicinavano alle zone abitate, e a causa delle loro dimensioni, potevano anche provocare danni considerevoli.

Nel 1925, il bisonte europeo è stato dichiarato estinto. Le prime reintroduzioni in natura sono cominciate trent’anni dopo”, racconta Caterina Spiezio, responsabile del settore Ricerca e Conservazione del Parco. Oggi se ne contano 4.000 esemplari, di cui solo il 45% in natura, e la specie è ancora considerata vulnerabile nella Red List dello IUCN (International Union for Conservation of Nature), la più grande organizzazione ambientalista a livello mondiale.

Ulisse è il primo maschio ad essere reintrodotto nell’ambiente naturale dal centro di Bussolengo. Insieme a lui saranno liberati altri nove esemplari provenienti da giardini zoologici europei selezionati dalla fondazione olandese Rewilding Europe, che segue diversi progetti di conservazione, con l’obiettivo di rendere il continente un luogo più “selvaggio” e ristabilirne la biodiversità originaria. Prima di lui, il Parco aveva fatto esperienze simili con cinque femmine: “Sono più facili da reinserire, mentre il maschio si trova da subito a competere con i conspecifici selvaggi”, continua la biologa. Le prime due femmine sono state liberate nel 2004 nell’area protetta di Poloniny, in Slovacchia. Una terza è stata reintrodotta in Romania nel 2008, e altri due esemplari femmina sono tornati in libertà nel 2011 sempre a Poloniny, dove oggi si trova il gruppo più ampio di bisonti europei monitorato, grazie a radiocollari. Dal 2005 è infatti attivo un progetto di controllo delle loro condizioni, a cui partecipano il parco slovacco e quello italiano, in collaborazione con le università di Udine e Perugia.

“Queste diverse esperienze hanno dimostrato che il nostro ceppo è molto buono dal punto di vista genetico, e si adatta bene all’ambiente di reintroduzione. Quella del 2004 è stata subito un successo: una delle due femmine si è accoppiata con un maschio selvatico, e nel 2006 è nata Valentina, dimostrando la correttezza dei nostri metodi di allevamento degli animali”, continua Caterina Spiezio. A Natura Viva, uno dei principali centri italiani per la conservazione delle specie animali in pericolo di estinzione, infatti, “gli animali vengono allevati in modo naturale, a cominciare dalla dieta, costituita quando possibile, dalla primavera all’autunno, principalmente di erba fresca. Non hanno mai contatti con l’uomo e vengono sempre gestiti in gruppo, per far sì che mantengano forme di socializzazione tra conspecifici”. I visitatori del parco possono vedere gli animali, ma non avvicinarsi o dar loro da mangiare: “Li guardano dall’alto, in modo da non disturbarli”.

E anche la reintroduzione in natura avverrà con grande attenzione e molta cautela: “All’inizio i bisonti vivono in un’area di acclimatazione in cui viene loro fornito il cibo. Quando si sono abituati, l’area viene aperta, ma gli esemplari possono ancora tornare dentro il recinto per mangiare. Solo quando c’è la certezza che gli animali siano autonomi e possano vivere senza problemi nell’ambiente naturale, la zona di acclimatazione viene chiusa”. A queste attività di reinserimento graduale si aggiungono da alcuni anni campagne di comunicazione e sensibilizzazione rivolte alle popolazioni locali, tutt’ora ostili nei confronti di questi mammiferi. “I bisonti vengono ancora visti come distruttori, e fuori dalle aree protette la caccia al bisonte non è vietata. Per questo le reintroduzioni avvengono solo nei parchi naturali e si cerca di seguire il bisonte anche dopo la liberazione, fornendo punti cibo e monitorando le sue condizioni”. Per far sì che gli animali vengano accettati più facilmente, “le persone vengono sensibilizzate e si dà loro la possibilità di lavorare come guide ambientali. Vogliamo far capire alla gente che la biodiversità non va vista come una minaccia, ma come un’opportunità di sviluppo economico del territorio verso l’ecoturismo”.

Veronica Ulivieri

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende