Home » Idee »Progetti » Un “Conciorto” per ascoltare il suono delle verdure:

Un “Conciorto” per ascoltare il suono delle verdure

luglio 30, 2015 Idee, Progetti

11 luglio, Santa Maria Maggiore. Le dita di Gian Luigi Carlone, musicista cofondatore della Banda Osiris, si spostano dal peperone alla zucchina, e poi sulla carota, il finocchio, il pomodoro. Al tocco, gli ortaggi emettono suoni, mentre accanto a lui Biagio Bagini, autore di programmi radiofonici e libri per bambini, intona la prima canzone della serata. Nel piccolo paese della Val Vigezzo, Piemonte settentrionale, va in scena la prima data del “Conciorto”, un concerto che “dà voce” all’orto e alle sue verdure, raccontandone le storie intime e segrete, i sentimenti, gli stati d’animo.

Un progetto nato a quattro mani alcuni mesi fa e diventato da poco realtà: “Tutto è cominciato quando ho scoperto Ototo, un sistema open source basato sui sensori Arduino che permette di far suonare qualunque cosa sia in grado di condurre elettricità, come l’acqua. Io sono perito agrario: ho tradito l’agricoltura per la musica, ma coltivo da sempre la passione per orti e giardini. Unendo le due cose si è accesa la lampadina: perché non provare a suonare gli ortaggi, visto che contengono acqua?”, racconta Carlone. L’esperimento funziona e così il saxofonista della Banda Osiris contatta Bagini, anche lui appassionato di orto: in un mese e mezzo scrive i testi dei 13 brani che oggi compongono il Conciorto, e l’omonimo album, al momento in cerca di un’etichetta discografica. Il progetto si basa su un’idea di orto non come luogo di produzione, ma “spazio – scrive Bagini nel libro sul progetto, anch’esso in cerca di una casa editrice –  dove tradurre qualcosa di sé in qualcosa di naturale, o di presunto tale”. Un posto “magico – aggiunge Carlone – in cui non si coltivano semplicemente piante, ma anche idee, sentimenti, canzoni, e in ultima analisi se stessi”.

Ogni ortaggio ha ispirato emozioni e storie, in base alla propria capacità evocativa. Le zucchine, per esempio, rimandano alla passione del regista François Truffaut per la coltivazione di diverse varietà e per i fiori di zucca impastellati e fritti: “Fanny Ardant si innamorò così di lui, non sul set come si dice, ma nel suo orto. Le zucchine hanno quel fascino tutto estroverso, si fanno accarezzare senza nascondere nulla di sé. Sono sempre al naturale”, racconta Carlone. La melanzana, invece, nel Conciorto diventa, a causa del colore viola, il simbolo di cattivi sentimenti, in grado però di trasformarsi: “La melanzana è viola/per via di quella rabbia/si sente sola e strana/la melanzana/guardala bene, ancora/le basta una parola/per fare un sugo buono/le basta il tuo perdono”, recita il testo scritto da Bagini. O ancora la verza, che per la sua cresta ondulata, diventa l’ortaggio saccente contro cui si coalizzano le altre verdure: “Certe verze -non lo so-/si permettono di dire cose/ma a vedere bene poi/stan ferme in un’aiuola a bere/e passano la vita/a dire quel che è bene o male/anche se son come noi/e stanno ferme ad aspettare il sole”, dice un’altra canzone.

Un concerto, scrive Bagini nel libro, “di verdure, un live di ortaggi suonati e ascoltati, con parole già disinfestate e sentimenti naturali. Niente roba chimica. Il conciorto è bio, nella mia mente. Lo preparo con tutte le indecisioni, le incisioni, le fatiche e gli entusiasmi del caso”.

Il tentativo, spiega ancora Carlone, “è stato quello di raccontare la vita segreta delle piante, l’esistenza interna dell’orto colta mettendosi in ascolto delle verdure”. Perché prima di inserire i cavetti di Ototo in carote, pomodori, finocchi e melanzane, bisogna fermarsi a sentire. Prima di far suonare gli ortaggi, bisogna tendere l’orecchio e sentire la natura, per ascoltare quello che ha da dire. “Quello che vorremmo passasse al pubblico è un modo di approcciarsi alla natura più creativo e spontaneo, senza legare tutto alla produzione di verdure, ma cercando di uscire da percorsi che appaiono già tracciati. Un po’ come si sta facendo nelle metropoli con gli orti urbani, che diventano un modo per attivare nuove rotte e modi di vivere nelle città”.

Alla prima serata in Val Vigezzo, il pubblico ha reagito con interesse: “Vedere un musicista suonare carote e pomodori come un piano può generare strane reazioni, e invece molti sono venuti a chiederci informazioni alla fine dello spettacolo, soprattutto i più anziani. Adesso vorremmo portare lo spettacolo in parchi e orti botanici”. Il tour del  Conciorto ripartirà dopo le vacanze da Viarigi, provincia di Asti (30 agosto), per toccare poi Cremona (5 settembre, museo civico), Oropa, nel biellese (11 settembre, orto botanico), Mantova (11 ottobre) e di nuovo Santa Maria Maggiore, vicino Verbania (18 ottobre).

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Auguri ai colleghi di Lifegate: 20 anni di promozione della sostenibilità

aprile 28, 2020

Auguri ai colleghi di Lifegate: 20 anni di promozione della sostenibilità

La redazione di Greenews.info fa gli auguri ai “colleghi” di LifeGate, il network fondato da Marco Roveda che compie oggi 20 anni di vita! In pieno lockdown, fanno sapere da LifeGate, il grande evento di celebrazione dovrà necessariamente essere rimandato, ma resta l’occasione per festeggiare e ringraziare una community di cinque milioni di persone e cinquemila [...]

Earth Day 2020: una maratona multimediale per la 50° Giornata Mondiale della Terra

aprile 22, 2020

Earth Day 2020: una maratona multimediale per la 50° Giornata Mondiale della Terra

Oggi, 22 aprile 2020 le Nazioni Unite celebrano il 50° Anniversario della Giornata Mondiale della Terra (Earth Day), l’evento di sensibilizzazione alla tutela del Pianeta più impattante al mondo, con miliardi di persone coinvolte ogni anno (a partire dal 1970) attraverso l’opera di settantacinquemila partner e network in 193 Paesi. All‘Italia il compito di aprire [...]

Il futuro è nel verde della canapa. Il saggio di Mario Catania

aprile 14, 2020

Il futuro è nel verde della canapa. Il saggio di Mario Catania

Ecco un’interessante e utile lettura per il periodo di quarantena: “Cannabis. Il futuro è verde canapa” è il saggio del giornalista Mario Catania (Fanpage, Il Fatto Quotidiano) edito da Diarkos, un moderno compendio che analizza e approfondisce tutti gli utilizzi che si possono fare della pianta di canapa. C’è chi dice siano mille, chi 25mila e chi oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende