Home » Idee »Progetti » Un Diamante produce energia, per sempre:

Un Diamante produce energia, per sempre

febbraio 2, 2010 Idee, Progetti

Modellino del Diamante, Courtesy of Provincia di Pisa

Il “Diamante di Pratolino” può essere senza esitazione definito un’opera d’arte, ma un’opera d’arte che, oltre a deliziare chi la guarda e ad  appagarne il  senso estetico e delle proporzioni, ha anche un utilizzo pratico immediato, la produzione di energia elettrica.

Il “Diamante”, infatti, è una centrale fotovoltaica sperimentale, frutto degli studi congiunti di Enel Ricerche e della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pisa, progettato per essere installato e per produrre energia in contesti di particolare pregio ambientale, storico, artistico ed architettonico.

Inizialmente pensato per essere collocato all’interno del Parco Naturale di Migliarino-San Rossore, alle porte di Pisa, il “Diamante” fa ora bella mostra di sé presso il parco della Villa Medicea di Pratolino, non lontano da Firenze, ed è, per così dire, “guardato a vista” dal Gigante dell’Appennino, la mirabile scultura del Giambologna situata proprio nel parco di Pratolino, presso villa Demidoff. Si tratta di un contesto architettonico ed artistico di eccezionale livello, in una delle aree verdi più belle della provincia di Firenze.

Grazie ad una convenzione tra Enel e Provincia di Firenze, proprietaria del parco dal 1981, l’energia prodotta dal “Diamante” serve ad illuminare i viali del parco e la scultura del Giambologna, con un risparmio stimato in circa 50.000 euro all’anno.

Sono le caratteristiche tecniche ed il modo in cui è stato concepito a renderlo particolarmente adatto a contesti del genere. Il “Diamante”, infatti, coniuga la bellezza all’utilità ed è un vero e proprio condensato di conoscenza, innovativo sia nella struttura che nella tecnologia utilizzata. Secondo le indicazioni del celeberrimo architetto latino Vitruvio, unisce cioè la “venustas”, la bellezza architettonica, alla “firmitas”, la stabilità della struttura: una struttura geodetica (che utilizza le celle geodetiche dell’architetto Fuller)  formata da 38 pannelli fotovoltaici a celle monocristalline, orientati a sud, e 42 facce in vetro temprato.

Le componenti del Diamante, Courtesy of EnelL’impianto è alto 12 metri, ha un diametro di 8 metri e può essere montato e smontato in maniera semplice e rapida, grazie alle aste e ai nodi filettati di cui è composto. Realizzata in vetro e acciaio, la centrale energetica ha dimensioni che rispettano le categorie matematiche e geometriche studiate dal matematico Pacioli da Sansepolcro e dal genio inimitabile di Leonardo da Vinci, a cui lo stesso Fuller si è ispirato. “Diamante” segue infatti le proporzioni “auree” e le leggi presenti in natura, per questo è in perfetta armonia con essa e si integra alla perfezione nell’ambiente circostante.

Funzionamento del Diamante di giorno, Courtesy of EnelMa la caratteristica principale, che rende “Diamante” inimitabile, è la sua “utilitas”. La centrale di approvvigionamento energetico da fonte rinnovabile è in grado di fornire energia 24 ore su 24.  Di giorno e nei periodi di maggiore insolazione, i pannelli fotovoltaici producono energia elettrica (per una potenza di picco di 11 KW) sufficiente ad alimentare un condominio di piccole dimensioni. L’energia elettrica in eccesso può essere utilizzata, tramite un processo di elettrolisi, per produrre idrogeno che, appositamente stoccato, fornisce energia per la notte o per i periodi, come quello invernale, caratterizzati da minore irraggiamento solare.

Funzionamento del Diamante di notte, Courtesy of EnelAll’interno dell’elettrolizzatore alcalino  l’acqua viene colpita da scariche elettriche e, così facendo, si “scompone” in ossigeno ed idrogeno. Quest’ ultimo viene immagazzinato in una apposito serbatoio di accumulo ad idruri metallici, materiali in grado di assorbirlo e cederlo al momento opportuno. Da qui l’idrogeno viene immesso in due celle di combustione che trasformano nuovamente l’energia chimica dell’idrogeno in energia elettrica per il rifornimento domestico.

Ma non basta. Nella parte inferiore “Diamante” è dotato di una predisposizione all’utilizzo della geotermia a bassa e media entalpia, grazie ad  una sonda geotermica a falde sotterranee idonea a captare e sfruttare la temperatura costante del sottosuolo per condizionare l’aria, scaldandola o raffrescandola a seconda della stagione, calda o fredda.

“Date le peculiarità del Diamante – spiega Pier Luigi Maffei, ordinario di Architettura Tecnica della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pisa – abbiamo previsto, inoltre, anche una sala da destinare all’attività divulgativa e formativa delle scolaresche e di tutti i visitatori del parco di Pratolino,  affinché capiscano la validità del ricorso a fonti di energia rinnovabili ed il valore dell’Architettura”. 

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende