Home » Progetti »Smart City » Un Focolare per riavvicinare la comunità al Parco:

Un Focolare per riavvicinare la comunità al Parco

giugno 4, 2012 Progetti, Smart City

C’era un tempo in cui le gente dei paesi di montagna faceva la coda per cuocere il pane fatto in casa nel forno comunitario. Donne e uomini si ritrovavano là fuori, chiacchieravano – magari del tempo – e si conoscevano, coltivavano rapporti. E il forno diventava uno dei centri della vita sociale della comunità.

Ora, a Torino, si prova a recuperare quell’atmosfera con il progetto Focolare, presentato venerdì 1 giugno al Parco di Arte Vivente (PAV). In quella che era un’area dismessa e abbandonata il PAV, dal 2006, ha creato uno spazio verde e di nuovo vivibile, con installazioni artistiche, piante, piccole coltivazioni. E così come il parco ha fatto rinascere, dal punto di vista urbanistico, la zona, il nuovo forno in terra cruda prova a costruire nuove relazioni sociali in quest’angolo di città.

Il progetto è stato realizzato dal Collettivo Terra Terra, un gruppo di architetti, educatori e artisti che con questa idea ha vinto il Premio PAV 2012, dedicato al tema “Into the habitat”, battendo una quarantina di candidati internazionali. L’opera verrà ufficialmente inaugurata a fine mese. Per riprendere una tradizione ormai dimenticata Focolare invita a vivere il forno come un racconto sociale ma anche artistico, propone di ragionare sulla trasformazione della materia, e di farlo in modo collettivo: “Storicamente il cuore di un abitato è sempre stato dove c’era il fuoco – spiega Generoso Urciuoli di Terra Terra – Noi abbiamo voluto trasformare il forno privato in un luogo aperto, a disposizione di tutti, per invogliare i vicini a vivere il parco”.

All’interno del PAV ci sono altre installazioni che seguono lo stesso obbiettivo: una piattaforma con canne di bambù che ospita visitatori umani, animali e vegetali. Una Folie, piccolo rifugio da giardino in stile settecentesco francese, con una torre di metallo arancione e circondata da piante che crescono libere. Oltre a Pedogenesis, una serra rovesciata, con la parte alta dell’intelaiatura semisommersa da un orto collettivo e la base che punta verso il cielo. Un gruppo di cittadini del quartiere ha preso in gestione il piccolo terreno, impegnati a zappare anche durante la presentazione.

Come sa chi cura un orto, anche per il nostro forno sarà importante la pazienza, bisognerà saper aspettare che il pane sia pronto”, dice ancora Urciuoli rifacendosi alla filosofia slow. È nell’attesa, infatti, che attorno al Focolare si riuniranno le persone, sulle panche, attorno ai tavoli e sulle sedie sistemate attorno al fuoco, sotto la tettoia. Collettiva è stata anche la costruzione del forno: un gruppo di volontari ha unito i mattoni in terra cruda, con la paglia e il fango usati come isolanti, durante un workshop di tre giorni con l’esperto Axel Berberich. “L’idea era che i cittadini si appropriassero dell’opera già durante la costruzione –  spiega Elisabetta Foco di Architettura Senza Frontiere (Asf), tra i componenti del collettivo Terra Terra.

Dopo la prima cottura sperimentale di sabato 30 giugno, per tutta l’estate, Focolare sarà aperto nei fine settimana. Chi vorrà potrà portare a cuocere il proprio pane o qualche dolce. Ma si alterneranno anche corsi di panificazione e incontri con culture diverse: prodotti marocchini e egiziani, dolci siciliani, pani rumeni oppure ghanesi. Il forno sarà un punto di ritrovo, non solo per cucinare, ma anche per conoscere, per scambiarsi ricette e consigli sulle farine e i metodi migliori. Sarà il centro di una piccola comunità, proprio come i vecchi forni di paese. Tutti gli appuntamenti si possono trovare su focolaretorino.blogspot.it

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende