Home » Aziende »Finanziamenti »Idee »Normative »Pratiche »Progetti »Pubblica Amministrazione » Auto a benzina che diventano elettriche. Un SUMMIT sul “retrofit” in Veneto:

Auto a benzina che diventano elettriche. Un SUMMIT sul “retrofit” in Veneto

Si può convertire l’autobenzina in una a trazione elettrica? Sì, la tecnologia in buona sostanza c’è già. Ma una volta convertita, o più esattamente “retrofittata”, si può guidarla in Italia? No, perché mancano i decreti attuativi che permettano l’omologazione (e quindi la circolazione) del veicolo e, in secondo luogo, una rete diffusa di distribuzione del “carburante” elettrico.

Da queste semplici considerazioni – che fanno pensare al solito “siamo in Italia” – nasce il progetto SUMMIT, acronimo di Sustainable Urban Mobility Management In Treviso Province, che ha come ente capofila Ascotrade, azienda di fornitura di gas ed energia elettrica, e come partner otto comuni della Marca trevigiana (Castelfranco Veneto, Conegliano, Follina, Montebelluna, Oderzo, Pieve di Soligo, Treviso, Vittorio Veneto), oltre a Confartigianato, CNA, Provincia di Treviso e Regione Veneto.

Potremmo descriverlo come la creazione di una filiera a km 0 della mobilità smart nelle aree urbane e a vocazione turistica del Trevigiano. Da un lato un kit di omologazione innovativo per la conversione verde delle auto a combustibile fossile (messo a punto dagli artigiani di Confartigianato Marca Trevigiana), dall’altro la creazione di centraline di ricarica veloce, ossia di 30 minuti (messe a punto da quelli della CNA e rifornite di energia da Ascotrade), e dei “mobility center” dove sarà possibile, oltre alla ricarica degli accumulatori delle auto, anche accedere al bike sharing, fare i biglietti dell’autobus, consultare mete turistiche e monumenti da visitare. I comuni inoltre potranno acquistare in leasing un auto di ultima generazione a trazione ibrida (fornita dal colosso svedese Volvo, unico partner esterno alla Marca) per scopi istituzionali o per il car sharing, e convertire in parte il parco auto grazie al lavoro degli artigiani.

Se ad Ascotrade spetterà la pianificazione e il coordinamento delle varie fasi e dei partner, gli artigiani che hanno già implementato un sistema di conversione della auto a benzina in trazione elettrica si dovranno occupare anche di una parte piuttosto spinosa, quella burocratica relativa all’omologazione, vero baco della mobilità elettrica in Italia. «Prototipi e auto retrofittate i nostri soci ne possono già fare, manca il progetto per l’omologazione per poter rendere utilizzabile il retrofittaggio – spiegano dalla sede di Confartigianato – Il nostro compito sarà dunque duplice:  produrre un kit di omologazione standardizzato e, quello forse più delicato, di redigere una proposta di decreti attuativi su questo argomento, previsti dal Decreto Sviluppo dell’agosto 2012, ma mai realizzati né dal governo Monti, né dall’attuale».

In pratica oggi chi si facesse retrofittare l’auto in Italia deve poi trasportarla (non guidarla) in Germania per l’omologazione, quindi reimportarla in patria e reimmatricolarla come elettrica per poterla guidare. Un percorso a ostacoli che rende di fatto impossibile per un cittadino la scelta di una mobilità non inquinante. Eppure il retrofittaggio, effettuabile in veicoli con al massimo sette anni di vita, è un percorso che potrebbe avere costi molto competitivi e notevoli benefici per la salute. «Il 30% dell’inquinamento di un auto è dovuto alla sua costruzione, il retrofit permette di realizzare un auto elettrica senza impatto ambientale – raccontano gli artigiani – La sensibilità ecologica è sempre più estesa anche tra gli automobilisti, disposti ad acquistare un’auto elettrica o a convertire quella a benzina se l’iter fosse più accessibile».

La proposta progettuale, presentata nell’ambito del Programma Life+ e candidata al finanziamento europeo per la sezione Governance Ambientale, avrebbe ricadute concrete nel tessuto economico oltre che ambientale del territorio. L’impegno economico previsto è di 1.150.000 euro: se approvato, il progetto sarebbe finanziato al 50% attraverso il bando europeo, mentre la restante metà sarebbe a carico di Ascotrade. «Le linee guida sono da una parte lo sviluppo del business aziendale attraverso la vendita dell’energia nei mobility center, dall’altra i benefici, in termini di servizi alla comunità e di riduzione dell’inquinamento ambientale – commenta il presidente di Ascotrade, Stefano Busolin – Va infine considerata la ricaduta economica del progetto che porterà lavoro e risorse economiche alle aziende trevigiane, coerentemente con la nostra mission di azienda che investe i propri utili per creare nuovi servizi di pubblica utilità».

Ma SUMMIT non sarebbe fine a se stesso. Per Ascotrade il progetto potrebbe, in un secondo momento, estendersi anche ad altri comuni trevigiani, mentregli artigiani della Marca puntano sulla promozione della mobilità elettrica attraverso il migliaio di autofficine locali, rete importante di autonoleggio con le auto di cortesia. Se il veicolo sostitutivo fosse elettrico, i clienti potrebbero provare di persona un’esperienza di guida molto piacevole, silenziosa e molto performante, assicurano. La miglior promozione possibile.

Sostitutive, convertite e acquistate che siano, di certo il futuro delle auto va nella direzione della trazione elettrica. Stando a un recente studio della Commissione  Europea, nel 2020 i veicoli elettrici nuovi rappresenteranno il 2% del parco auto complessivo in Eurolandia, nel 2030 la percentuale salirà all’11-30%; le unità di ricarica già nel 2020 dovrebbero essere 125.000. Rispetto a veicoli alimentati a benzina, un’auto elettrica di potenza e dimensioni medie consuma energia 2-3 volte di meno, non produce emissioni di inquinanti in atmosfera, né rumore. Se l’autonomia di percorrenza varia sino a 160 km, la media europea degli spostamenti in città oscilla tra 40-60 km al giorno per ogni autovettura; ciò significa che un pieno “elettrico” (possibile anche da casa, con una normale presa di corrente, anche se per il momento ci vogliono alcune ore) basterebbe per almeno due giorni. Il prezzo previsto per le vetture elettriche oscillerà tra 20mila e 40mila euro, a cui, in alcuni casi, va aggiunto il canone di affitto per le batterie.

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende