Home » Progetti » Una casa “d’oro”, tutta in paglia e materiali naturali:

Una casa “d’oro”, tutta in paglia e materiali naturali

dicembre 3, 2012 Progetti

Ben lontana dalla capanna spazzata via dal vento e senza comfort dei tre porcellini fiabeschi, la casa di paglia che sta prendendo forma a Saluggia, in provincia di Vercelli, sarà una un’abitazione ”normale”, ma speciale, come gli stessi architetti progettisti Stefania Mancuso e Maurizio Macrì la definiscono. Oltre a tutti i dettagli di una casa moderna, questa costruzione color oro - oggetto di uno dei Restructour organizzati da Edilcantiere per Restructura, la fiera chiusasi ieri a Torino - sarà infatti sostenibile, dal punto di vista ambientale, economica dal punto di vista energetico e incredibilmente magica e festosa sul fronte umano.

La posizione periferica e la lontananza da altri elementi architettonici enfatizzano l’aspetto rurale del progetto, che, sia nelle sue forme e geometrie che nei suoi materiali, richiama costantemente la natura di cui si circonda.

L’edificio è dotato di una serra e di pannelli solari, il legame con gli astri è rafforzato dalla cupola per le osservazioni astronomiche (posta sulla copertura piana dell’autorimessa), mentre gli elementi strutturali nascono dalla terra: il legno per le strutture portanti, la paglia per i tamponamenti delle murature e delle coperture, la pietra a secco per i muri di recinzione, l’intonaco in terra o calce naturale a protezione delle murature e il rivestimento dell’autorimessa in doghe di larice disposte orizzontalmente. Materiali che garantiscono prestazioni energetiche di una casa passiva e una qualità dell’aria interna di altissimo livello, abbinata a regole e caratteristiche della progettazione bioclimatica, che prevedono la costruzione del lotto (su una superficie fondiaria di 750 mq e un volume del costruito di 596,77 mc) secondo l’asse Nord-Sud. Quindi il soggiorno e la cucina si affacciano sul lato Sud e sono protette da una serra che attenua gli sbalzi termici invernali e che ombreggia nel periodo estivo, e le camere a Nord che si affacciano a Est e Ovest per prevenire il surriscaldamento degli ambienti interni nelle ore serali estive.

Attenzione all’abitabilità, dunque, ma anche agli aspetti economici e ambientali. La paglia è un prodotto naturale, ecologico e rinnovabile, che nasce come materiale di scarto recuperato, assorbe CO2 e rilascia ossigeno durante la fotosintesi. Caratteristiche non poco rilevanti se si pensa che il 40% dei gas serra nel mondo è causato dalle costruzioni e dal consumo energetico degli edifici. Così la paglia – sia utilizzata in “mattoni” che come tamponamento di una struttura in legno – consente di realizzare edifici a basso impatto ma confortevoli, garantisce un consumo energetico minimo e un efficiente isolamento termico, ed è riciclabile, compostabile o biodegradabile a “fine vita”.

Materiale di scarto del frumento, la paglia in eccesso solitamente viene bruciata dai coltivatori o rimane nei depositi agricoli: solo da poco tempo il suo utilizzo è stato “ripensato”, perché non necessita di alcun tipo di trattamento artificiale per essere impiegato in edilizia, in modo rapido, facile e a Km 0. Oltre alla sua facile accessibilità e lavorazione, questo materiale è uno dei migliori isolanti termici a basso costo presente in natura: in una balla di paglia il valore di trasmittanza lineare K è di 0,09 W/mK e pertanto la trasmittanza termica di una parete di spessore 45 cm (standard per le balle) assume un valore pari a 0,13 W/m2K, valore due o tre volte più basso da quello richiesto dalla normativa italiana (pari a 0,35 W/m2K nelle aree più fredde). La paglia è anche un ottimo isolante acustico e rende gli ambienti interni silenziosi e protetti, più di quanto previsto dalla legge, superando addirittura i 50 dB.

Poi c’è la salubrità del materiale, naturale e per nulla nocivo per l’uomo perché non emette sostanze inquinanti ed è traspirante al vapore acqueo, permettendo il ricambio naturale dell’aria e mantenendo un buon equilibrio dell’umidità interna. A differenza del fieno non crea allergia, ma anzi rende l’ambiente rilassante e piacevole, sia a livello acustico e termico che stilistico.

Il costo di realizzazione di un muro di tamponamento finito è, last but not least, molto basso (oltre che estremamente rapido); ma è soprattutto il risparmio a lungo termine il vero vantaggio di un’abitazione costruita con questo materiale. Grazie alle sue caratteristiche isolanti, per il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti si può calcolare un abbattimento dei costi energetici che sfiora addirittura il 75% rispetto all’edilizia convenzionale. Inoltre se, come per la casa di Saluggia, la struttura è realizzata secondo i principi dell’architettura bioclimatica, si arrivano a risparmiare anche diverse migliaia di euro l’anno a cui va aggiunta ancora la convenienza dei pannelli e della serra.

Convenienza assoluta unita alle grandi emozioni che solo una casa “viva” può dare. La vista della costruzione, scrivono i progettisti della casa vercellese, oltre a modificarsi per effetto della diversa incidenza della luce solare nell’arco della giornata, sarà ulteriormente mutevole con il passare degli anni, a causa del naturale invecchiamento dei materiali. Quel tocco di magia che trasforma un cantiere (ora, e una casa finita, poi) in una grande occasione di festa, come per ogni compleanno.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende