Home » Progetti » Una casa “d’oro”, tutta in paglia e materiali naturali:

Una casa “d’oro”, tutta in paglia e materiali naturali

dicembre 3, 2012 Progetti

Ben lontana dalla capanna spazzata via dal vento e senza comfort dei tre porcellini fiabeschi, la casa di paglia che sta prendendo forma a Saluggia, in provincia di Vercelli, sarà una un’abitazione ”normale”, ma speciale, come gli stessi architetti progettisti Stefania Mancuso e Maurizio Macrì la definiscono. Oltre a tutti i dettagli di una casa moderna, questa costruzione color oro - oggetto di uno dei Restructour organizzati da Edilcantiere per Restructura, la fiera chiusasi ieri a Torino - sarà infatti sostenibile, dal punto di vista ambientale, economica dal punto di vista energetico e incredibilmente magica e festosa sul fronte umano.

La posizione periferica e la lontananza da altri elementi architettonici enfatizzano l’aspetto rurale del progetto, che, sia nelle sue forme e geometrie che nei suoi materiali, richiama costantemente la natura di cui si circonda.

L’edificio è dotato di una serra e di pannelli solari, il legame con gli astri è rafforzato dalla cupola per le osservazioni astronomiche (posta sulla copertura piana dell’autorimessa), mentre gli elementi strutturali nascono dalla terra: il legno per le strutture portanti, la paglia per i tamponamenti delle murature e delle coperture, la pietra a secco per i muri di recinzione, l’intonaco in terra o calce naturale a protezione delle murature e il rivestimento dell’autorimessa in doghe di larice disposte orizzontalmente. Materiali che garantiscono prestazioni energetiche di una casa passiva e una qualità dell’aria interna di altissimo livello, abbinata a regole e caratteristiche della progettazione bioclimatica, che prevedono la costruzione del lotto (su una superficie fondiaria di 750 mq e un volume del costruito di 596,77 mc) secondo l’asse Nord-Sud. Quindi il soggiorno e la cucina si affacciano sul lato Sud e sono protette da una serra che attenua gli sbalzi termici invernali e che ombreggia nel periodo estivo, e le camere a Nord che si affacciano a Est e Ovest per prevenire il surriscaldamento degli ambienti interni nelle ore serali estive.

Attenzione all’abitabilità, dunque, ma anche agli aspetti economici e ambientali. La paglia è un prodotto naturale, ecologico e rinnovabile, che nasce come materiale di scarto recuperato, assorbe CO2 e rilascia ossigeno durante la fotosintesi. Caratteristiche non poco rilevanti se si pensa che il 40% dei gas serra nel mondo è causato dalle costruzioni e dal consumo energetico degli edifici. Così la paglia – sia utilizzata in “mattoni” che come tamponamento di una struttura in legno – consente di realizzare edifici a basso impatto ma confortevoli, garantisce un consumo energetico minimo e un efficiente isolamento termico, ed è riciclabile, compostabile o biodegradabile a “fine vita”.

Materiale di scarto del frumento, la paglia in eccesso solitamente viene bruciata dai coltivatori o rimane nei depositi agricoli: solo da poco tempo il suo utilizzo è stato “ripensato”, perché non necessita di alcun tipo di trattamento artificiale per essere impiegato in edilizia, in modo rapido, facile e a Km 0. Oltre alla sua facile accessibilità e lavorazione, questo materiale è uno dei migliori isolanti termici a basso costo presente in natura: in una balla di paglia il valore di trasmittanza lineare K è di 0,09 W/mK e pertanto la trasmittanza termica di una parete di spessore 45 cm (standard per le balle) assume un valore pari a 0,13 W/m2K, valore due o tre volte più basso da quello richiesto dalla normativa italiana (pari a 0,35 W/m2K nelle aree più fredde). La paglia è anche un ottimo isolante acustico e rende gli ambienti interni silenziosi e protetti, più di quanto previsto dalla legge, superando addirittura i 50 dB.

Poi c’è la salubrità del materiale, naturale e per nulla nocivo per l’uomo perché non emette sostanze inquinanti ed è traspirante al vapore acqueo, permettendo il ricambio naturale dell’aria e mantenendo un buon equilibrio dell’umidità interna. A differenza del fieno non crea allergia, ma anzi rende l’ambiente rilassante e piacevole, sia a livello acustico e termico che stilistico.

Il costo di realizzazione di un muro di tamponamento finito è, last but not least, molto basso (oltre che estremamente rapido); ma è soprattutto il risparmio a lungo termine il vero vantaggio di un’abitazione costruita con questo materiale. Grazie alle sue caratteristiche isolanti, per il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti si può calcolare un abbattimento dei costi energetici che sfiora addirittura il 75% rispetto all’edilizia convenzionale. Inoltre se, come per la casa di Saluggia, la struttura è realizzata secondo i principi dell’architettura bioclimatica, si arrivano a risparmiare anche diverse migliaia di euro l’anno a cui va aggiunta ancora la convenienza dei pannelli e della serra.

Convenienza assoluta unita alle grandi emozioni che solo una casa “viva” può dare. La vista della costruzione, scrivono i progettisti della casa vercellese, oltre a modificarsi per effetto della diversa incidenza della luce solare nell’arco della giornata, sarà ulteriormente mutevole con il passare degli anni, a causa del naturale invecchiamento dei materiali. Quel tocco di magia che trasforma un cantiere (ora, e una casa finita, poi) in una grande occasione di festa, come per ogni compleanno.

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende