Home » Aziende »Pratiche »Progetti »Smart City » Urban mining: la città si trasforma in una preziosa miniera di metalli:

Urban mining: la città si trasforma in una preziosa miniera di metalli

settembre 12, 2012 Aziende, Pratiche, Progetti, Smart City

Da una tonnellata di schede elettroniche, si possono ricavare più di 2 quintali di rame, oltre 46 chili di ferro, quasi 28 chili di stagno e alluminio e circa 18 chili di piombo. Più, per limitarci solo ai metalli, quantità minori di argento, platino e palladio.

Mentre cresce a vista d’occhio il numero dei dispositivi mobili che ognuno di noi si porta al seguito, aumenta la strategicità dei metalli in essi contenuti, e dunque il valore dei cosiddetti RAEE, i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Metalli preziosi e rari sono presenti infatti in grandi quantità nelle schede elettroniche e nei condensatori di computer e telefoni cellulari. Recuperandoli, non si utilizzano materie prime presenti in natura e si risparmiano i costi, spesso gravosi, per l’approvvigionamento o lo smaltimento, con vantaggi sia ambientali che economici.

Oggi in Italia, spiega Laura Cutaia, ingegnere ambientale ricercatrice Enea, “ci sono ancora pochi impianti che estraggono metalli preziosi e terre rare dai RAEE, attività che invece spesso demandiamo a imprese fuori dai confini nazionali”. Da un anno è attivo in Sicilia un progetto sperimentale dell’Enea, finanziato dal Miur per oltre 4 milioni di euro che, oltre ad una parte riguardante il turismo sostenibile, comprende anche interventi per il recupero di “materie prime seconde” da Raee: “L’obiettivo – racconta Roberto Morabito, responsabile dell’ unità Tecnica Tecnologie Ambientali dell’agenzia di ricerca – è la gestione integrata dei rifiuti elettronici tramite la realizzazione di una piattaforma di simbiosi industriale e di un impianto pilota per il recupero di materie prime tramite la tecnologia idrometallurgica, innovativa rispetto a quella pirometallurgia attualmente usata, per esempio, in Germania. Un metodo nuovo che permette, diversamente dagli impianti tedeschi, il recupero di un elevato numero di metalli con un alto grado di purezza, bassi costi energetici e zero emissioni in atmosfera”.

Nella Raw Material Initiative, la strategia per le materie prime dell’UE, varata un anno e mezzo fa, il recupero e il riciclo dei materiali, in particolare di quelli più scarsi e costosi, o difficili da reperire sui mercati internazionali, ha un ruolo di primo piano. E le città, prima ancora dei giacimenti naturali, vengono considerate vere e proprie “miniere urbane” di materie prime, in inglese Urban Mining: “Si tratta prima di tutto – continua Laura Cutaia – di una diversa strategia per l’approvvigionamento di materie prime, basata sulla stima qualitativa e quantitativa degli stock presenti in un territorio, e sui flussi in entrata e in uscita. Il calcolo delle risorse “immobilizzate” ad esempio negli edifici,  come metalli, legno e vetro, consente di poter stimare le risorse che si renderanno nuovamente disponibili quando queste costruzioni, arrivate al termine della loro vita utile, saranno demolite”. Su questa base, uno Stato può elaborare un piano minerario capace di coniugare sostenibilità economica e ambientale: “Lo Urban Mining può essere una strategia complementare per reperire materiali, accanto al riciclaggio e all’approvvigionamento di materie prime, che in Italia vengono in molti casi dall’estero”.

Così, se l’Ordine dei Geologi, per bocca del presidente Gianvito Graziano, insiste sulla necessità che l’Italia torni ad estrarre secondo “una nuova politica di sviluppo (…) senza pregiudizi e senza eccessi”, l’UE punta, in parallelo, su “riciclo, efficienza delle risorse e sostituzione” dei materiali più rari con altri meno critici. Tenendo anche conto dei forti impatti ambientali dell’attività estrattiva che, spiega l’esperto di riqualificazione ambientale Marco Stevanin, “non è sempre facile o possibile mitigare o compensare”.

Anche il sistema economico sta comprendendo la necessità di puntare sul riutilizzo di molte risorse: in edilizia per esempio, continua Stevanin, “oramai è prassi di alcuni grandi gruppi che si occupano anche di estrazione attivare rami di azienda dedicati al riciclaggio degli inerti. L’interesse è quello di mantenere il più a lungo possibile una concessione di escavazione calibrando l’estrazione e parallelamente investire nel sistema del riciclaggio e recupero”.

Ma perché anche in Italia diventi realtà un’economia basata sul riutilizzo delle risorse urbane, è necessario intervenire sui canali di approvvigionamento, a partire proprio da quelli dei rifiuti elettronici, che ancora presentano diverse criticità. “Delle 900.000 tonnellate di RAEE che si stima siano state prodotte in Italia nel 2011, solo 260.000 sono entrate nei circuiti di raccolta e trattamento”, continua Laura Cutaia. La parte restante, oltre il 70%, è stato smaltito in maniera errata, impropria e anche illegale: “In alcuni casi i piccoli elettrodomestici sono stati magari gettati nell’indifferenziato e sono arrivati in discarica, ma molto più spesso sono stati trasferiti nei Paesi in via di sviluppo, o sotto forma di apparecchi di seconda mano o attraverso canali illegali di esportazione dei rifiuti. Qui i RAEE vengono trattati per estrarre le componenti più preziose, con tecniche molto rudimentali peraltro dannose per le persone e per l’ambiente”.

Dallo stabilimento pilota siciliano dovrebbe nascere, per opera degli imprenditori dell’isola, un impianto industriale vero e proprio. Ma sul progetto grava un punto interrogativo di nuovo legato alle criticità del sistema italiano: “Per giustificare l’investimento – sottolinea Roberto Morabito –  gli imprenditori devono essere sicuri di poter contare su un approvvigionamento costante di questi componenti, che viceversa troppo spesso spariscono dalla filiera di raccolta. Il nostro Paese, attraverso vari strumenti che vanno dai controlli a incentivazioni per il corretto smaltimento, dovrebbe fare in modo che questa grande ricchezza rimanga in Italia”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende