Home » Progetti » WEO e Technology Perspectives: la palla del clima ai politici:

WEO e Technology Perspectives: la palla del clima ai politici

novembre 23, 2010 Progetti

Courtesy of gigapix, Flickr.comDal nuovo World Energy Outlook 2010, pubblicato dalla International Energy Agency a novembre,  emerge un mondo dell’energia incerto, sconvolto dalla crisi economica mondiale. Ma anche un panorama in cui l’azione dei governi è essenziale per rispondere alla doppia sfida dei cambiamenti climatici e della sicurezza energetica.

La IEA valuta positivamente alcuni passi avanti in termini di decisioni politiche, come le negoziazioni sul clima e l’inizio di una riforma dei sussidi inefficienti alle fonti fossili. Avverte però che l’esito della conferenza ONU sul cambiamento climatico, tenutasi a Copenhagen nel dicembre 2009, pur avendo costituito un passo avanti, ci lascia ancora “molto lontani da ciò che è necessario per indirizzare il mondo verso un sistema energetico sostenibile.”

L’Accordo di Copenhagen stabilisce l’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura mondiale entro i 2° rispetto al periodo pre-industriale (adesso siamo a +0,8°). Per ottenere ciò, i Paesi industrializzati hanno assunto degli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra entro il 2020 e le economie emergenti si sono impegnate in termini di azione di mitigazione dei gas serra (NAMA – Nationally Appropriate Mitigation Action). Questi impegni, però, anche se venissero realizzati pienamente, porterebbero a una riduzione delle emissioni che non consentirebbe di arrestare l’aumento di temperatura a +2°.

La IEA crede che l’impegno del G20 di Pittsburgh di “razionalizzare ed eliminare gradualmente, nel medio termine, i sussidi inefficienti alle fonti fossili” possa in parte controbilanciare il risultato di Copenhagen. I sussidi alle fonti fossili ammontavano nel 2009 a 312 miliardi di dollari: una bella cifra a disposizione degli Stati e da reimpiegare per conseguire gli obiettivi di sicurezza energetica e climatica.

Nel World Energy Outlook, lo Scenario 2035 Nuove Politiche, in cui i vari impegni annunciati a Copenhagen e a Pittsburgh sono realizzati “moderatamente”, per il loro carattere di non obbligatorietà, mostra come queste politiche avrebbero un impatto importante sulla domanda di energia e sulle emissioni di CO2, ma non sufficiente: un trend che porterebbe alla stabilizzazione della concentrazione di gas serra a un livello oltre le 650ppm, con un aumento di temperature superiore ai 3,5°C e delle probabili conseguenze catastrofiche per la popolazione mondiale.

World energy related CO2 emission

A fronte di emissioni di gas serra pari a 29Gt annui al 2008, lo Scenario Nuove Politiche prevede un aumento delle emissioni di 5Gt al 2020, 16Gt al 2035. Queste quantità possono sembrare piccoli numeri, ma se ne capisce meglio la portata se paragonato allo Scenario 450, ovvero quello che ci permetterebbe di stabilizzare la concentrazione di CO2 nell’atmosfera a 450 ppm (parti per milione), la concentrazione che ci dà una buona probabilità di evitare incrementi di temperatura superiori a 2° centigradi.

Scenari 2008 2020 2035
Scenario Politiche Correnti 29Gt 35Gt 43Gt
Scenario Nuove Politiche 34Gt 35Gt
Scenario 450 32Gt 22Gt

In quest’ultimo scenario, l’aumento massimo di gas serra consentito è pari a +3Gt al 2020, per poi ridursi di 10Gt al 2035. In poche parole, sul fronte gas serra abbiamo promesso circa un terzo di quello che dovremmo fare.

Per la IEA l’obiettivo dei 2°C può ancora essere raggiunto, ma solo a patto di una decisa realizzazione delle promesse al 2020 e a un’azione molto più incisiva successivamente, tale da trasformare radicalmente il sistema energetico mondiale. Anche nel report Energy Technology Perspectives, la IEA ribadisce la criticità del prossimo decennio per la lotta al riscaldamento globale. “Se le emissioni non raggiungeranno un picco intorno al 2020 per poi declinare negli anni successivi, conseguire la necessaria riduzione del 50% entro il 2050 diventerà un obiettivo sempre più costoso.” Quanto più costoso? La IEA valuta che il costo nel ritardo di attuazione di decisive politiche di riduzione dei gas serra, ossia la spesa addizionale per le tecnologie energetiche a basse emissioni di CO2, ammonti a 1.000 miliardi di dollari.

La proposta è quella di una Blue Map per raggiungere l’abbattimento delle emissioni di gas serra del 50% entro metà secolo. In questo scenario, le emissioni di CO2 legate al consumo di energia si riducono della metà e l’intensità carbonica si riduce da 459 a 67 gCO2/kWhl; le rinnovabili costituiscono poco meno del 40% dell’energia primaria. Uno scenario possibile a patto che le tecnologie pulite siano supportate da idonee politiche governative di sostegno, concepite in maniera tale da potersi adattare ai loro diversi stadi di sviluppo.

Politiche di supporto alle tecnologie a basse emissioni di anidride carbonica

La IEA aggiunge anche una riflessione sul modello di rivoluzione tecnologica che allo stato attuale sta seguendo un percorso “bottom-up”, ovvero dal basso. “Questo è un segnale positivo per diversi aspetti: molte sfide energetiche hanno un enorme impatto sulle popolazioni locali, le quali necessitano di trovare soluzioni idonee allo specifico contesto in cui vivono.”

Ma torniamo all’Executive Summary del World Energy Outlook, in cui viene proposto un interessante punto, Peak Oil: scelta o destino?. “Di sicuro, la produzione petrolifera mondiale raggiungerà il suo picco prima o poi, ma ciò è determinato da fattori che influenzano sia la domanda che l’offerta.Il prezzo del petrolio è destinato ad aumentare, vista la crescente rigidità della domanda (e dell’offerta). Se sarà l’offerta a diminuire, allora i prezzi del petrolio sono destinati ad aumentare, con conseguenze ben note di aumento del prezzo del greggio. “Se, invece, sarà la domanda a diminuire, come nello Scenario 450, a causa delle politiche dei governi, si raggiungerà il picco, ma senza drammi sui prezzi: anzi, il prezzo diminuirebbe. Questo picco non sarebbe determinato da scarsezza di risorse. Ma se i governi non faranno nulla o poco più di quanto stiano attualmente facendo, la domanda continuerà ad aumentare, i costi cresceranno e il peso economico del consumo di petrolio aumenterà, così come la vulnerabilità ad impreviste crisi di offerta e l’ambiente nel suo complesso verrà seriamente danneggiato.” I politici hanno di che riflettere. Seriamente.

Veronica Caciagli


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende