Home » Progetti » WWPI: l’indicatore italiano per la qualità delle acque reflue:

WWPI: l’indicatore italiano per la qualità delle acque reflue

maggio 12, 2011 Progetti

Di recente, sulla rivista Environmental Monitoring and Assessment, è stato pubblicato uno studio italiano dal titolo “Wastewater polishing index: a tool for a rapid quality assessment of reclaimed wastewater”. La ricerca, condotta da un gruppo di studiosi dell’Università di Ferrara, ha come oggetto un nuovo indicatore che serve a valutare la qualità delle acque reflue trattate dai depuratori. Lo studio rientra nel progetto Adria-Safe finanziato dal programma comunitario Interreg IIIA Transfrontaliero Adriatico per la tutela e la salvaguardia dell’ecosistema marino dell‘Euroregione Adriatica, e vede coinvolti altre a partner italiani, quali le province di Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini e Ferrara, anche l’Albania, la Croazia, il Montenegro e la Slovenia.

Entrando nel merito della ricerca vera e propria, il nuovo indicatore, denominato WasteWater Polishing Index (WWPI), dovrebbe essere d’aiuto ai decisori e agli imprenditori che operano nel settore ambientale nel valutare rapidamente la qualità delle acque reflue trattate.

Allo stato attuale dei fatti, le caratteristiche chimiche, fisiche e microbiologiche degli effluenti dei depuratori delle acque reflue sono regolamentate dalla legge nazionale ed europea relativa al loro riuso o allo scarico nei fiumi e nel mare degli stessi effluenti. Nella pratica, la maggior parte dei scienziati considera necessario effettuare delle misurazioni separate ed autonome di tutti i parametri che indicano la qualità dell’acqua, parametri definiti a loro volta dalla legge. Al fine di semplificare la procedura, sono stati creati una serie di indici, ad esempio, per monitorare la salute degli eco-sistemi oppure il livello di inquinamento. Fino ad oggi, però, nessun indice era stato definito per monitorare l’aderenza ai trattamenti standard legali. Infatti i limiti imposti dalla legge per i vari tipi di agenti inquinanti variano da Paese a Paese. Lo studio in questione, invece, considera che il WWPI è sensibile abbastanza per essere utilizzato in diversi Paesi, e per svariati agenti inquinanti, tramite l’applicazione dei metodi prescritti dalle condizioni legali locali.

Prendendo in considerazione l‘Italia, la regolamentazione italiana sugli effluenti considera 55 parametri chimici, fisici e microbiologici, molti dei quali sono tecnicamente difficili da usare per la misurazione della qualità delle acque reflue trattate. Per questo motivo, generalmente, vengono considerati solo i più semplici e i più rappresentativi. L’indice proposto dallo studio italiano, invece, utilizza sei criteri, quali i solidi sospesi, l’ossigeno biologico necessario, l’ossigeno chimico necessario, l’ammoniaca, i fosforo totale e l’Escherichia coli, i quali sono ampiamente considerati come i parametri più critici per valutare la qualità dell’acqua, al fine di riutilizzarla o semplicemente scaricarla nei fiumi o nel mare senza provocare danni ambientali.

Per ciascun parametro, le curve di valutazione sono disegnate su una gamma di 0-100, dove zero corrisponde a una concentrazione di agenti inquinanti pari allo zero, e 100 corrisponde al limite locale legale consentito per il riuso e lo scarico delle acque reflue trattate. Quando combinati, tutti i criteri sono trattati allo stesso modo, ad eccezione per l’Escherichia coli, la cui scala è ridotta a 1,4, poiché è considerato il fattore più importante per il riuso delle acque. Come risultato dalla ricerca, il WWPI è 7 volte su 40 più sensibile all’Escherichia coli, rispetto agli altri parametri.

Il WWPI è stato testato dalle misurazioni sperimentali nell’ambito dello stesso progetto Adria-Safe, le cui indagini sperimentali sono state eseguite per la definizione del processo di affinamento dell’effluente del depuratore generale delle acque reflue della città di Ferrara. Obiettivo finale del processo era quello di immettere nel Po acque con elevata qualità, in grado di minimizzare il carico inquinante sul fiume, quindi sul mare Adriatico, sia relativamente alle caratteristiche fisico-chimiche delle acque sia relativamente alle caratteristiche microbiologiche, nonché di garantire una costanza di qualità nel tempo delle caratteristiche delle acque reflue depurate, limitando al massimo le variazioni, anche a fronte di sensibili modifiche a monte del carico inquinante, a tutto vantaggio della stabilizzazione dei processi naturali. Inoltre, per il raggiungimento di tali obiettivi sono state utilizzate tecniche naturali di depurazione del tipo della fitodepurazione e del lagunaggio. I risultati sono stati soddisfacenti dal momento che, sulla base delle conclusioni del progetto, il rispetto dei limiti di legge per il riuso (parametri microbiologici) può essere garantito nel caso di un sistema di fitodepurazione a flusso sub-superficiale ben progettato, nei periodi di elevate temperature ambientali e che il livello di qualità dei corsi d’acqua della rete locale, solitamente utilizzati per l’irrigazione, in molti casi è ben peggiore della qualità dell’effluente affinato mediante la sola fitodepurazione.

La definizione dell’indicatore WWPI insieme all’intero progetto, è la dimostrazione che con il supporto alla ricerche e con la sperimentazione di tecniche adeguate diventa possibile trovare soluzioni al problema dell’inquinamento dei bacini idrici e del riutilizzo delle acque reflue, quest’ultimo notevolmente importante al fine di affrontare la questione della scarsità idrica.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende