Home » Progetti » WWPI: l’indicatore italiano per la qualità delle acque reflue:

WWPI: l’indicatore italiano per la qualità delle acque reflue

maggio 12, 2011 Progetti

Di recente, sulla rivista Environmental Monitoring and Assessment, è stato pubblicato uno studio italiano dal titolo “Wastewater polishing index: a tool for a rapid quality assessment of reclaimed wastewater”. La ricerca, condotta da un gruppo di studiosi dell’Università di Ferrara, ha come oggetto un nuovo indicatore che serve a valutare la qualità delle acque reflue trattate dai depuratori. Lo studio rientra nel progetto Adria-Safe finanziato dal programma comunitario Interreg IIIA Transfrontaliero Adriatico per la tutela e la salvaguardia dell’ecosistema marino dell‘Euroregione Adriatica, e vede coinvolti altre a partner italiani, quali le province di Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini e Ferrara, anche l’Albania, la Croazia, il Montenegro e la Slovenia.

Entrando nel merito della ricerca vera e propria, il nuovo indicatore, denominato WasteWater Polishing Index (WWPI), dovrebbe essere d’aiuto ai decisori e agli imprenditori che operano nel settore ambientale nel valutare rapidamente la qualità delle acque reflue trattate.

Allo stato attuale dei fatti, le caratteristiche chimiche, fisiche e microbiologiche degli effluenti dei depuratori delle acque reflue sono regolamentate dalla legge nazionale ed europea relativa al loro riuso o allo scarico nei fiumi e nel mare degli stessi effluenti. Nella pratica, la maggior parte dei scienziati considera necessario effettuare delle misurazioni separate ed autonome di tutti i parametri che indicano la qualità dell’acqua, parametri definiti a loro volta dalla legge. Al fine di semplificare la procedura, sono stati creati una serie di indici, ad esempio, per monitorare la salute degli eco-sistemi oppure il livello di inquinamento. Fino ad oggi, però, nessun indice era stato definito per monitorare l’aderenza ai trattamenti standard legali. Infatti i limiti imposti dalla legge per i vari tipi di agenti inquinanti variano da Paese a Paese. Lo studio in questione, invece, considera che il WWPI è sensibile abbastanza per essere utilizzato in diversi Paesi, e per svariati agenti inquinanti, tramite l’applicazione dei metodi prescritti dalle condizioni legali locali.

Prendendo in considerazione l‘Italia, la regolamentazione italiana sugli effluenti considera 55 parametri chimici, fisici e microbiologici, molti dei quali sono tecnicamente difficili da usare per la misurazione della qualità delle acque reflue trattate. Per questo motivo, generalmente, vengono considerati solo i più semplici e i più rappresentativi. L’indice proposto dallo studio italiano, invece, utilizza sei criteri, quali i solidi sospesi, l’ossigeno biologico necessario, l’ossigeno chimico necessario, l’ammoniaca, i fosforo totale e l’Escherichia coli, i quali sono ampiamente considerati come i parametri più critici per valutare la qualità dell’acqua, al fine di riutilizzarla o semplicemente scaricarla nei fiumi o nel mare senza provocare danni ambientali.

Per ciascun parametro, le curve di valutazione sono disegnate su una gamma di 0-100, dove zero corrisponde a una concentrazione di agenti inquinanti pari allo zero, e 100 corrisponde al limite locale legale consentito per il riuso e lo scarico delle acque reflue trattate. Quando combinati, tutti i criteri sono trattati allo stesso modo, ad eccezione per l’Escherichia coli, la cui scala è ridotta a 1,4, poiché è considerato il fattore più importante per il riuso delle acque. Come risultato dalla ricerca, il WWPI è 7 volte su 40 più sensibile all’Escherichia coli, rispetto agli altri parametri.

Il WWPI è stato testato dalle misurazioni sperimentali nell’ambito dello stesso progetto Adria-Safe, le cui indagini sperimentali sono state eseguite per la definizione del processo di affinamento dell’effluente del depuratore generale delle acque reflue della città di Ferrara. Obiettivo finale del processo era quello di immettere nel Po acque con elevata qualità, in grado di minimizzare il carico inquinante sul fiume, quindi sul mare Adriatico, sia relativamente alle caratteristiche fisico-chimiche delle acque sia relativamente alle caratteristiche microbiologiche, nonché di garantire una costanza di qualità nel tempo delle caratteristiche delle acque reflue depurate, limitando al massimo le variazioni, anche a fronte di sensibili modifiche a monte del carico inquinante, a tutto vantaggio della stabilizzazione dei processi naturali. Inoltre, per il raggiungimento di tali obiettivi sono state utilizzate tecniche naturali di depurazione del tipo della fitodepurazione e del lagunaggio. I risultati sono stati soddisfacenti dal momento che, sulla base delle conclusioni del progetto, il rispetto dei limiti di legge per il riuso (parametri microbiologici) può essere garantito nel caso di un sistema di fitodepurazione a flusso sub-superficiale ben progettato, nei periodi di elevate temperature ambientali e che il livello di qualità dei corsi d’acqua della rete locale, solitamente utilizzati per l’irrigazione, in molti casi è ben peggiore della qualità dell’effluente affinato mediante la sola fitodepurazione.

La definizione dell’indicatore WWPI insieme all’intero progetto, è la dimostrazione che con il supporto alla ricerche e con la sperimentazione di tecniche adeguate diventa possibile trovare soluzioni al problema dell’inquinamento dei bacini idrici e del riutilizzo delle acque reflue, quest’ultimo notevolmente importante al fine di affrontare la questione della scarsità idrica.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende