Home » Progetti » WWPI: l’indicatore italiano per la qualità delle acque reflue:

WWPI: l’indicatore italiano per la qualità delle acque reflue

maggio 12, 2011 Progetti

Di recente, sulla rivista Environmental Monitoring and Assessment, è stato pubblicato uno studio italiano dal titolo “Wastewater polishing index: a tool for a rapid quality assessment of reclaimed wastewater”. La ricerca, condotta da un gruppo di studiosi dell’Università di Ferrara, ha come oggetto un nuovo indicatore che serve a valutare la qualità delle acque reflue trattate dai depuratori. Lo studio rientra nel progetto Adria-Safe finanziato dal programma comunitario Interreg IIIA Transfrontaliero Adriatico per la tutela e la salvaguardia dell’ecosistema marino dell‘Euroregione Adriatica, e vede coinvolti altre a partner italiani, quali le province di Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini e Ferrara, anche l’Albania, la Croazia, il Montenegro e la Slovenia.

Entrando nel merito della ricerca vera e propria, il nuovo indicatore, denominato WasteWater Polishing Index (WWPI), dovrebbe essere d’aiuto ai decisori e agli imprenditori che operano nel settore ambientale nel valutare rapidamente la qualità delle acque reflue trattate.

Allo stato attuale dei fatti, le caratteristiche chimiche, fisiche e microbiologiche degli effluenti dei depuratori delle acque reflue sono regolamentate dalla legge nazionale ed europea relativa al loro riuso o allo scarico nei fiumi e nel mare degli stessi effluenti. Nella pratica, la maggior parte dei scienziati considera necessario effettuare delle misurazioni separate ed autonome di tutti i parametri che indicano la qualità dell’acqua, parametri definiti a loro volta dalla legge. Al fine di semplificare la procedura, sono stati creati una serie di indici, ad esempio, per monitorare la salute degli eco-sistemi oppure il livello di inquinamento. Fino ad oggi, però, nessun indice era stato definito per monitorare l’aderenza ai trattamenti standard legali. Infatti i limiti imposti dalla legge per i vari tipi di agenti inquinanti variano da Paese a Paese. Lo studio in questione, invece, considera che il WWPI è sensibile abbastanza per essere utilizzato in diversi Paesi, e per svariati agenti inquinanti, tramite l’applicazione dei metodi prescritti dalle condizioni legali locali.

Prendendo in considerazione l‘Italia, la regolamentazione italiana sugli effluenti considera 55 parametri chimici, fisici e microbiologici, molti dei quali sono tecnicamente difficili da usare per la misurazione della qualità delle acque reflue trattate. Per questo motivo, generalmente, vengono considerati solo i più semplici e i più rappresentativi. L’indice proposto dallo studio italiano, invece, utilizza sei criteri, quali i solidi sospesi, l’ossigeno biologico necessario, l’ossigeno chimico necessario, l’ammoniaca, i fosforo totale e l’Escherichia coli, i quali sono ampiamente considerati come i parametri più critici per valutare la qualità dell’acqua, al fine di riutilizzarla o semplicemente scaricarla nei fiumi o nel mare senza provocare danni ambientali.

Per ciascun parametro, le curve di valutazione sono disegnate su una gamma di 0-100, dove zero corrisponde a una concentrazione di agenti inquinanti pari allo zero, e 100 corrisponde al limite locale legale consentito per il riuso e lo scarico delle acque reflue trattate. Quando combinati, tutti i criteri sono trattati allo stesso modo, ad eccezione per l’Escherichia coli, la cui scala è ridotta a 1,4, poiché è considerato il fattore più importante per il riuso delle acque. Come risultato dalla ricerca, il WWPI è 7 volte su 40 più sensibile all’Escherichia coli, rispetto agli altri parametri.

Il WWPI è stato testato dalle misurazioni sperimentali nell’ambito dello stesso progetto Adria-Safe, le cui indagini sperimentali sono state eseguite per la definizione del processo di affinamento dell’effluente del depuratore generale delle acque reflue della città di Ferrara. Obiettivo finale del processo era quello di immettere nel Po acque con elevata qualità, in grado di minimizzare il carico inquinante sul fiume, quindi sul mare Adriatico, sia relativamente alle caratteristiche fisico-chimiche delle acque sia relativamente alle caratteristiche microbiologiche, nonché di garantire una costanza di qualità nel tempo delle caratteristiche delle acque reflue depurate, limitando al massimo le variazioni, anche a fronte di sensibili modifiche a monte del carico inquinante, a tutto vantaggio della stabilizzazione dei processi naturali. Inoltre, per il raggiungimento di tali obiettivi sono state utilizzate tecniche naturali di depurazione del tipo della fitodepurazione e del lagunaggio. I risultati sono stati soddisfacenti dal momento che, sulla base delle conclusioni del progetto, il rispetto dei limiti di legge per il riuso (parametri microbiologici) può essere garantito nel caso di un sistema di fitodepurazione a flusso sub-superficiale ben progettato, nei periodi di elevate temperature ambientali e che il livello di qualità dei corsi d’acqua della rete locale, solitamente utilizzati per l’irrigazione, in molti casi è ben peggiore della qualità dell’effluente affinato mediante la sola fitodepurazione.

La definizione dell’indicatore WWPI insieme all’intero progetto, è la dimostrazione che con il supporto alla ricerche e con la sperimentazione di tecniche adeguate diventa possibile trovare soluzioni al problema dell’inquinamento dei bacini idrici e del riutilizzo delle acque reflue, quest’ultimo notevolmente importante al fine di affrontare la questione della scarsità idrica.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Green City Milano 2017: l’evoluzione del verde meneghino a confronto con Lione e Mosca

settembre 19, 2017

Green City Milano 2017: l’evoluzione del verde meneghino a confronto con Lione e Mosca

“Siamo arrivati alla terza edizione di Green City Milano e non posso che ringraziare i cittadini e le associazioni che hanno organizzato oltre 500 eventi in tutta la città. Sarà un’occasione per raccontare la strada che Milano sta intraprendendo dal punto di vista del verde…”. Esordisce così Pierfrancesco Maran, Assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura del [...]

Urbanpromo Green: a Venezia si parla di sviluppo urbano sostenibile

settembre 19, 2017

Urbanpromo Green: a Venezia si parla di sviluppo urbano sostenibile

Il 21 e 22 settembre, presso la Scuola di Dottorato dell’Università IUAV di Venezia a Palazzo Badoer, si terrà la prima edizione di Urbanpromo Green, una manifestazione che segna l’ampliamento della proposta di Urbanpromo, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit, che agli eventi incentrati sul social housing e sulla rigenerazione urbana – in [...]

Settimana europea della Mobilità: il focus 2017 è sulla “condivisione”

settembre 18, 2017

Settimana europea della Mobilità: il focus 2017 è sulla “condivisione”

Ogni anno la Settimana Europea della Mobilità – dal 16 al 22 settembre – si concentra su un particolare argomento relativo alla mobilità sostenibile, sulla cui base le autorità locali sono invitate a organizzare attività per i propri cittadini e a lanciare e promuovere misure permanenti a sostegno. Per l’edizione 2017 è stato scelto come focal [...]

ALD Automotive Italia lancia il noleggio di moto elettriche con Energica

settembre 14, 2017

ALD Automotive Italia lancia il noleggio di moto elettriche con Energica

Energica Motor Company S.p.A. e ALD Automotive Italia hanno comunicato ufficialmente la nascita di una sinergia per la promozione della mobilità elettrica ad elevate prestazioni sul territorio italiano. Grazie a questo accordo ALD Automotive, divisione del gruppo bancario francese Société Générale specializzata nei servizi di mobilità, noleggio a lungo termine e fleet management, offrirà ai [...]

Biometano da rifiuti: in provincia di Milano il primo impianto con tecnologia “Biosip”

settembre 12, 2017

Biometano da rifiuti: in provincia di Milano il primo impianto con tecnologia “Biosip”

Agatos SpA, società specializzata nella realizzazione di impianti da energia rinnovabile, co-generazione e efficientamento energetico, ha annunciato che la Città Metropolitana di Milano ha emesso l’Autorizzazione Unica dirigenziale per la costruzione e la messa in esercizio, in provincia di Milano, del primo impianto di produzione di biometano da FORSU (la frazione organica dei rifiuti solidi [...]

Al CosmoBikeShow 2017 l’Urban Award, per i Comuni più virtuosi nella mobilità sostenibile

settembre 11, 2017

Al CosmoBikeShow 2017 l’Urban Award, per i Comuni più virtuosi nella mobilità sostenibile

Un concorso dove a vincere saranno le proposte più green dei Comuni italiani, in gara nel segno della mobilità alternativa e sostenibile. È questo l’obiettivo dell’Urban Award, il nuovo riconoscimento che vuole premiare gli sforzi progettuali delle amministrazioni impegnate a ridurre traffico e smog, incentivando l’utilizzo di biciclette e mezzi pubblici. I vincitori saranno annunciati alla [...]

SANA 2017: nuovo layout per una fiera in costante crescita

settembre 7, 2017

SANA 2017: nuovo layout per una fiera in costante crescita

Venerdì  8  settembre aprirà la  29°edizione  di  SANA,  il  Salone  Internazionale  del  Biologico  e  del Naturale organizzato  da  BolognaFiere, in programma fino a lunedì 11 settembre. A SANA 2017 sarà in esposizione, anche quest’anno, il meglio della produzione   nazionale e internazionale, una  vetrina che  accoglie per  quattro  giorni migliaia  di  visitatori. La manifestazione è anche una [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende