Home » Progetti »Smart City » XAM: l’ibrida di domani targata Politecnico di Torino:

XAM: l’ibrida di domani targata Politecnico di Torino

maggio 25, 2012 Progetti, Smart City

La chiamano “macchinina” e la coccolano come fosse un giocattolo nuovo. Leggera e compatta com’è, in effetti sembra quasi finta, ma in realtà è una cosa molto seria: è l’automobile del futuro.

Si chiama XAM e l’hanno ideata, progettata, disegnata e realizzata 53 studenti del Politecnico di Torino, il team H2politO. Nato nel 2007 per partecipare alla sezione europea della Shell Eco Marathon (competizione internazionale che premia i migliori veicoli a basso consumo), il team, sotto la supervisione dell’Ingegner Massimiliana Carello, è aperto a studenti di ogni corso di laurea di Ingegneria e Architettura, che hanno modo così di confrontarsi con i problemi concreti del lavoro di squadra e della realizzazione effettiva di prototipi che, in ambito accademico, potrebbero solo immaginare a livello teorico.

L’ultima creatura è appunto XAM – eXtreme Automotive Mobility, che si è aggiudicata nell’edizione 2011 dell’Eco Marathon il primo premio per il design nella categoria Urban Vehicle. In piazza Carlo Alberto, tra gli stand della Settimana della Scienza, fa bella mostra di sé e attira gli sguardi e le domande dei curiosi. «Più che l’auto del futuro, è l’auto di domani – spiega Eros Saretti, studente di Ingegneria Meccanica e Team leader del progetto – Con il picco del petrolio imminente, tutti si chiedono come sarà la macchina ideale per la mobilità sostenibile. Siamo alle porte di una rivoluzione dei trasporti e anche noi vogliamo dare il nostro contributo».

Leggerissima (200 chili contro gli oltre 500 di una city car delle stesse dimensioni), con carrozzeria in fibra vegetale, powertrain ibrido parallelo (va ad elettricità, ma anche a bio-etanolo) e un sistema ultra cap che funziona a pacchi di condensatori al posto delle batterie, la XAM ha poi alcune caratteristiche che la rendono unica. Innanzitutto il “social” design, progettato a partire dai suggerimenti raccolti attraverso il web: «Abbiamo lanciato una campagna sui social network – racconta Saretti – rivolta agli oltre 30mila studenti del Poli, chiedendo loro cosa avrebbero voluto dall’auto del futuro. E poi abbiamo trasformato tutto in realtà».

Ma la trovata più innovativa è forse l’interfaccia uomo-macchina studiata in collaborazione con l’Istituto “Mario Boella”. Perché costruire un computer di bordo – si sono chiesti i ragazzi – quando ormai quasi tutti hanno in tasca uno smartphone? Detto, fatto. Saliti a bordo della XAM, è sufficiente collegare il proprio telefono al cruscotto per avere tutte le informazioni su consumo, velocità, percorrenza, navigazione. Nell’ottica della semplificazione e del risparmio di risorse, un’idea praticamente geniale.

Ora non rimane che portarla su strada. «Siamo ottimisti, speriamo di farcela entro novembre – confessa Saretti – e poi vorremmo metterla in produzione». Non costerebbe neanche tanto: il prezzo stimato si aggirerebbe sui 10.000 euro. Il problema, che è di tutto il settore dei veicoli elettrici, è semmai l’approvvigionamento. Se le colonnine per la ricarica elettrica scarseggiano, anche sul versante bio-etanolo non va meglio: il distributore più vicino è a La Spezia… Insomma, la XAM corre veloce, il sistema non altrettanto.

Giorgia Marino

La chiamano “macchinina” e la coccolano come fosse un giocattolo nuovo. Leggera e compatta com’è, in effetti sembra quasi finta, ma in realtà è una cosa molto seria: è l’automobile del futuro.
Si chiama XAM e l’hanno ideata, progettata, disegnata e realizzata 53 studenti del Politecnico di Torino, il team H2politO. Nato nel 2007 per partecipare alla sezione europea della Shell Eco Marathon (competizione internazionale che premia i migliori veicoli a basso consumo), il team, sotto la supervisione dell’Ingegner Massimiliana Carello, è aperto a studenti di ogni corso di laurea di Ingegneria e Architettura, che hanno modo così di confrontarsi con i problemi concreti del lavoro di squadra e della realizzazione effettiva di prototipi che, in ambito accademico, potrebbero solo immaginare a livello teorico.

L’ultima creatura è appunto XAM – eXtreme Automotive Mobility, che si è aggiudicata nell’edizione 2011 dell’Eco Marathon il primo premio per il design nella categoria Urban Vehicle. In piazza Carlo Alberto, tra gli stand della Settimana della Scienza, fa bella mostra di sé e attira gli sguardi e le domande dei curiosi. «Più che l’auto del futuro, è l’auto di domani – spiega Eros Saretti, studente di Ingegneria Meccanica e Team leader del progetto – Con il picco del petrolio imminente, tutti si chiedono come sarà la macchina ideale per la mobilità sostenibile. Siamo alle porte di una rivoluzione dei trasporti e anche noi vogliamo dare il nostro contributo».

Leggerissima (200 chili contro gli oltre 500 di una city car delle stesse dimensioni), con carrozzeria in fibra vegetale, powertrain ibrido parallelo (va ad elettricità, ma anche a bio-etanolo) e un sistema ultra cap che funziona a pacchi di condensatori al posto delle batterie, la XAM ha poi alcune caratteristiche che la rendono unica. Innanzitutto il “social” design, progettato a partire dai suggerimenti raccolti attraverso il web: «Abbiamo lanciato una campagna sui social network – racconta Saretti – rivolta agli oltre 30mila studenti del Poli, chiedendo loro cosa avrebbero voluto dall’auto del futuro. E poi abbiamo trasformato tutto in realtà».
Ma la trovata più innovativa è forse l’interfaccia uomo-macchina studiata in collaborazione con l’Istituto “Mario Boella”. Perché costruire un computer di bordo – si sono chiesti i ragazzi – quando ormai quasi tutti hanno in tasca uno smartphone? Detto, fatto. Saliti a bordo della XAM, è sufficiente collegare il proprio telefono al cruscotto per avere tutte le informazioni su consumo, velocità, percorrenza, navigazione. Nell’ottica della semplificazione e del risparmio di risorse, un’idea praticamente geniale.

Ora non rimane che portarla su strada. «Siamo ottimisti, speriamo di farcela entro novembre – confessa Saretti – e poi vorremmo metterla in produzione». Non costerebbe neanche tanto: il prezzo stimato si aggirerebbe sui 10mila euro. Il problema, che è di tutto il settore dei veicoli elettrici, è semmai l’approvvigionamento. Se le colonnine per la ricarica elettrica scarseggiano, anche sul versante bio-etanolo non va meglio: il distributore più vicino è a La Spezia… Insomma, la XAM corre veloce, il sistema non altrettanto.

Giorgia Marino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende