Home » Rassegna Stampa » Asinara: la marea nera della Sardegna:

Asinara: la marea nera della Sardegna

gennaio 31, 2011 Rassegna Stampa

MARINA DI SORSO, Courtesy of Francesca FradelloniCatrame raggrumato, moria di pesci, spiagge off limits. Non siamo a 70 chilometri al largo delle coste della Louisiana, nel Golfo del Messico, ma sul Golfo dell’Asinara, in Sardegna. Il silenzio sta cancellando lentamente uno dei peggiori disastri ambientali che l’isola abbia mai vissuto: 40mila litri di idrocarburi (ma le cifre sono ancora incerte) hanno colorato di nero le acque azzurre del Nord della regione.

Tutto ha avuto inizio martedì 11 gennaio. Una grossa quantità di olio combustibile destinata ai gruppi 1 e 2 della Termocentrale E.On. di Fiume Santo, nei pressi di Porto Torres, in provincia di Sassari,  è finita in mare durante le operazioni di scarico di una nave cisterna ormeggiata a una banchina. Probabilmente causa della rottura di una pompa che riceve l’olio dalla nave e lo porta direttamente alla centrale. Un tubo da 24 pollici corroso, dicono, con una lacerazione da 19 millimetri.

Da Capo Testa a Castelsardo, da Stintino alla Pelosa, nero e ancora nero. Il vento è padrone, da queste parti. Il maestrale comanda e sparpaglia palle di catrame sulle spiagge del litorale. L’inchiesta diretta dal sostituto procuratore della Repubblica Paolo Piras è entrata nel vivo. Da sabato sono sotto sequestro l’oleodotto e la porzione di banchina. Il magistrato ha anche iscritto nel registro degli indagati il primo nome. Si tratterebbe del responsabile dell’impianto E.On di Fiume Santo. Il reato ipotizzato, al momento, è quello di disastro ambientale.

Disastro ambientale, appunto. Ma le forze messe in campo per ripulire sono quasi tutti volontarie. Badile e rastrello i mezzi. Quattordici gli operai della E.On, inesperti, in quanto sono stati assunti a tempo, per l’occasione, da un’agenzia interinale. Poi c’è la Protezione civile “Bediagra”, il Wwf Gallura, i ragazzi di Sea Shepherd.

A Stintino l’Amministrazione comunale ha attivato, tra squadre di barracelli e operai comunali, circa 20 persone che stanno battendo palmo a palmo tutta la costa. La pulizia è difficile: il catrame si nasconde sotto la sabbia, gli scogli si possono raggiungere solo in gommone. Nelle spiagge del litorale di Stintino tra Ezzi Mannu e le Saline, a Lu Chisginagghiu, a La Niculina, al confine tra Santa Teresa e Vignola, a La Bruttea, a poche centinaia di metri più a est, le bonifiche continuano.

A Porto Torres, sabato, si è costituito il Comitato per la Tutela del Golfo dell’Asinara. Iniziativa analoga anche in Gallura, dove cittadini, commercianti e albergatori si sono riuniti in un comitato e, qualora si arrivi al processo, hanno tutta l’intenzione di costituirsi parte civile contro E.On per chiedere i danni.Courtesy of Fradelloni

Il Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, nella relazione in Commissione Ambiente della Camera ha parlato di “un’attenzione speciale non tanto per le quantità ma per il particolarissimo e sensibilissimo contesto ambientale. Attenzione proporzionata all’incomparabile valore naturalistico dell’area”. “Abbiamo richiesto alla Presidenza del Consiglio di avviare un tavolo di confronto per una valutazione tecnica rigorosa circa la richiesta avanzata di dichiarazione di emergenza nazionale”, ha aggiunto il ministro.

LA TESTIMONIANZA DEL VOLONTARIO PIER MAURO MARRAS

“Mercoledì 26 gennaio. Vado a monitorare la spiaggia di Platamona. Ore 11 e 30, settima discesa a mare, la zona più colpita del litorale. Nel piazzale antistante, riservato al parcheggio delle auto, due rimorchi senza motrice pieni zeppi di materiale cancerogeno, lasciati incustoditi. In spiaggia, le buste con i residui d’olio combustibile non ci sono più, ma una lunga striscia di sabbia nera, maledettamente maleodorante, taglia orizzontalmente l’arenile. Il moto ondoso ha “ripulito” il bagnasciuga ma non la parte alta della spiaggia. Gli operai sono spariti e la spiaggia deserta fa ancora più tristezza. Proseguo in direzione Porto Torres e mi fermo nella successiva discesa a mare, meglio nota come Marina di Sorso. Qui la situazione sembra apparentemente migliore, la sabbia sembra quasi tutta bianca, qui la striscia nera è larga appena cinquanta centimetri ma prosegue per tutta la lunghezza della spiaggia. Il piazzale antistante a differenza del precedente è pieno di persone, il che fa solo piacere. Nella successiva discesa a mare pare essere tutto pulito, ma a conferma del passaggio della marea nera, nel piazzale del parcheggio sono presenti altri 2 carrelli rimorchio pieni zeppi di quella robaccia. Pochi minuti prima di uscire di casa arriva la notizia, o meglio la pugnalata alle spalle del ministro dell’ambiente, che dichiara che i sardi dovrebbero essere “contenti” in quanto non esiste nessuna emergenza ambientale…”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

gennaio 23, 2017

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

Dal lunedì al venerdì (escluso il periodo di Pasqua dal 24 al 29 marzo) tutti coloro che si recheranno a sciare nella stazione piemontese di Bardonecchia, utilizzando i treni in partenza da Torino potranno ritirare l’”ecoskipass” al prezzo speciale di 26€, anziché 36€. Sarà sufficiente presentare il biglietto del treno all’ufficio skipass di Piazza Europa (proprio di fronte [...]

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende