Home » Rassegna Stampa » Asinara: la marea nera della Sardegna:

Asinara: la marea nera della Sardegna

gennaio 31, 2011 Rassegna Stampa

MARINA DI SORSO, Courtesy of Francesca FradelloniCatrame raggrumato, moria di pesci, spiagge off limits. Non siamo a 70 chilometri al largo delle coste della Louisiana, nel Golfo del Messico, ma sul Golfo dell’Asinara, in Sardegna. Il silenzio sta cancellando lentamente uno dei peggiori disastri ambientali che l’isola abbia mai vissuto: 40mila litri di idrocarburi (ma le cifre sono ancora incerte) hanno colorato di nero le acque azzurre del Nord della regione.

Tutto ha avuto inizio martedì 11 gennaio. Una grossa quantità di olio combustibile destinata ai gruppi 1 e 2 della Termocentrale E.On. di Fiume Santo, nei pressi di Porto Torres, in provincia di Sassari,  è finita in mare durante le operazioni di scarico di una nave cisterna ormeggiata a una banchina. Probabilmente causa della rottura di una pompa che riceve l’olio dalla nave e lo porta direttamente alla centrale. Un tubo da 24 pollici corroso, dicono, con una lacerazione da 19 millimetri.

Da Capo Testa a Castelsardo, da Stintino alla Pelosa, nero e ancora nero. Il vento è padrone, da queste parti. Il maestrale comanda e sparpaglia palle di catrame sulle spiagge del litorale. L’inchiesta diretta dal sostituto procuratore della Repubblica Paolo Piras è entrata nel vivo. Da sabato sono sotto sequestro l’oleodotto e la porzione di banchina. Il magistrato ha anche iscritto nel registro degli indagati il primo nome. Si tratterebbe del responsabile dell’impianto E.On di Fiume Santo. Il reato ipotizzato, al momento, è quello di disastro ambientale.

Disastro ambientale, appunto. Ma le forze messe in campo per ripulire sono quasi tutti volontarie. Badile e rastrello i mezzi. Quattordici gli operai della E.On, inesperti, in quanto sono stati assunti a tempo, per l’occasione, da un’agenzia interinale. Poi c’è la Protezione civile “Bediagra”, il Wwf Gallura, i ragazzi di Sea Shepherd.

A Stintino l’Amministrazione comunale ha attivato, tra squadre di barracelli e operai comunali, circa 20 persone che stanno battendo palmo a palmo tutta la costa. La pulizia è difficile: il catrame si nasconde sotto la sabbia, gli scogli si possono raggiungere solo in gommone. Nelle spiagge del litorale di Stintino tra Ezzi Mannu e le Saline, a Lu Chisginagghiu, a La Niculina, al confine tra Santa Teresa e Vignola, a La Bruttea, a poche centinaia di metri più a est, le bonifiche continuano.

A Porto Torres, sabato, si è costituito il Comitato per la Tutela del Golfo dell’Asinara. Iniziativa analoga anche in Gallura, dove cittadini, commercianti e albergatori si sono riuniti in un comitato e, qualora si arrivi al processo, hanno tutta l’intenzione di costituirsi parte civile contro E.On per chiedere i danni.Courtesy of Fradelloni

Il Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, nella relazione in Commissione Ambiente della Camera ha parlato di “un’attenzione speciale non tanto per le quantità ma per il particolarissimo e sensibilissimo contesto ambientale. Attenzione proporzionata all’incomparabile valore naturalistico dell’area”. “Abbiamo richiesto alla Presidenza del Consiglio di avviare un tavolo di confronto per una valutazione tecnica rigorosa circa la richiesta avanzata di dichiarazione di emergenza nazionale”, ha aggiunto il ministro.

LA TESTIMONIANZA DEL VOLONTARIO PIER MAURO MARRAS

“Mercoledì 26 gennaio. Vado a monitorare la spiaggia di Platamona. Ore 11 e 30, settima discesa a mare, la zona più colpita del litorale. Nel piazzale antistante, riservato al parcheggio delle auto, due rimorchi senza motrice pieni zeppi di materiale cancerogeno, lasciati incustoditi. In spiaggia, le buste con i residui d’olio combustibile non ci sono più, ma una lunga striscia di sabbia nera, maledettamente maleodorante, taglia orizzontalmente l’arenile. Il moto ondoso ha “ripulito” il bagnasciuga ma non la parte alta della spiaggia. Gli operai sono spariti e la spiaggia deserta fa ancora più tristezza. Proseguo in direzione Porto Torres e mi fermo nella successiva discesa a mare, meglio nota come Marina di Sorso. Qui la situazione sembra apparentemente migliore, la sabbia sembra quasi tutta bianca, qui la striscia nera è larga appena cinquanta centimetri ma prosegue per tutta la lunghezza della spiaggia. Il piazzale antistante a differenza del precedente è pieno di persone, il che fa solo piacere. Nella successiva discesa a mare pare essere tutto pulito, ma a conferma del passaggio della marea nera, nel piazzale del parcheggio sono presenti altri 2 carrelli rimorchio pieni zeppi di quella robaccia. Pochi minuti prima di uscire di casa arriva la notizia, o meglio la pugnalata alle spalle del ministro dell’ambiente, che dichiara che i sardi dovrebbero essere “contenti” in quanto non esiste nessuna emergenza ambientale…”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende