Home » Rassegna Stampa » Asinara: la marea nera della Sardegna:

Asinara: la marea nera della Sardegna

gennaio 31, 2011 Rassegna Stampa

MARINA DI SORSO, Courtesy of Francesca FradelloniCatrame raggrumato, moria di pesci, spiagge off limits. Non siamo a 70 chilometri al largo delle coste della Louisiana, nel Golfo del Messico, ma sul Golfo dell’Asinara, in Sardegna. Il silenzio sta cancellando lentamente uno dei peggiori disastri ambientali che l’isola abbia mai vissuto: 40mila litri di idrocarburi (ma le cifre sono ancora incerte) hanno colorato di nero le acque azzurre del Nord della regione.

Tutto ha avuto inizio martedì 11 gennaio. Una grossa quantità di olio combustibile destinata ai gruppi 1 e 2 della Termocentrale E.On. di Fiume Santo, nei pressi di Porto Torres, in provincia di Sassari,  è finita in mare durante le operazioni di scarico di una nave cisterna ormeggiata a una banchina. Probabilmente causa della rottura di una pompa che riceve l’olio dalla nave e lo porta direttamente alla centrale. Un tubo da 24 pollici corroso, dicono, con una lacerazione da 19 millimetri.

Da Capo Testa a Castelsardo, da Stintino alla Pelosa, nero e ancora nero. Il vento è padrone, da queste parti. Il maestrale comanda e sparpaglia palle di catrame sulle spiagge del litorale. L’inchiesta diretta dal sostituto procuratore della Repubblica Paolo Piras è entrata nel vivo. Da sabato sono sotto sequestro l’oleodotto e la porzione di banchina. Il magistrato ha anche iscritto nel registro degli indagati il primo nome. Si tratterebbe del responsabile dell’impianto E.On di Fiume Santo. Il reato ipotizzato, al momento, è quello di disastro ambientale.

Disastro ambientale, appunto. Ma le forze messe in campo per ripulire sono quasi tutti volontarie. Badile e rastrello i mezzi. Quattordici gli operai della E.On, inesperti, in quanto sono stati assunti a tempo, per l’occasione, da un’agenzia interinale. Poi c’è la Protezione civile “Bediagra”, il Wwf Gallura, i ragazzi di Sea Shepherd.

A Stintino l’Amministrazione comunale ha attivato, tra squadre di barracelli e operai comunali, circa 20 persone che stanno battendo palmo a palmo tutta la costa. La pulizia è difficile: il catrame si nasconde sotto la sabbia, gli scogli si possono raggiungere solo in gommone. Nelle spiagge del litorale di Stintino tra Ezzi Mannu e le Saline, a Lu Chisginagghiu, a La Niculina, al confine tra Santa Teresa e Vignola, a La Bruttea, a poche centinaia di metri più a est, le bonifiche continuano.

A Porto Torres, sabato, si è costituito il Comitato per la Tutela del Golfo dell’Asinara. Iniziativa analoga anche in Gallura, dove cittadini, commercianti e albergatori si sono riuniti in un comitato e, qualora si arrivi al processo, hanno tutta l’intenzione di costituirsi parte civile contro E.On per chiedere i danni.Courtesy of Fradelloni

Il Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, nella relazione in Commissione Ambiente della Camera ha parlato di “un’attenzione speciale non tanto per le quantità ma per il particolarissimo e sensibilissimo contesto ambientale. Attenzione proporzionata all’incomparabile valore naturalistico dell’area”. “Abbiamo richiesto alla Presidenza del Consiglio di avviare un tavolo di confronto per una valutazione tecnica rigorosa circa la richiesta avanzata di dichiarazione di emergenza nazionale”, ha aggiunto il ministro.

LA TESTIMONIANZA DEL VOLONTARIO PIER MAURO MARRAS

“Mercoledì 26 gennaio. Vado a monitorare la spiaggia di Platamona. Ore 11 e 30, settima discesa a mare, la zona più colpita del litorale. Nel piazzale antistante, riservato al parcheggio delle auto, due rimorchi senza motrice pieni zeppi di materiale cancerogeno, lasciati incustoditi. In spiaggia, le buste con i residui d’olio combustibile non ci sono più, ma una lunga striscia di sabbia nera, maledettamente maleodorante, taglia orizzontalmente l’arenile. Il moto ondoso ha “ripulito” il bagnasciuga ma non la parte alta della spiaggia. Gli operai sono spariti e la spiaggia deserta fa ancora più tristezza. Proseguo in direzione Porto Torres e mi fermo nella successiva discesa a mare, meglio nota come Marina di Sorso. Qui la situazione sembra apparentemente migliore, la sabbia sembra quasi tutta bianca, qui la striscia nera è larga appena cinquanta centimetri ma prosegue per tutta la lunghezza della spiaggia. Il piazzale antistante a differenza del precedente è pieno di persone, il che fa solo piacere. Nella successiva discesa a mare pare essere tutto pulito, ma a conferma del passaggio della marea nera, nel piazzale del parcheggio sono presenti altri 2 carrelli rimorchio pieni zeppi di quella robaccia. Pochi minuti prima di uscire di casa arriva la notizia, o meglio la pugnalata alle spalle del ministro dell’ambiente, che dichiara che i sardi dovrebbero essere “contenti” in quanto non esiste nessuna emergenza ambientale…”.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

febbraio 21, 2017

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

L’«alba di una nuova rivoluzione agricola»  è  lo slogan scelto dalla terza edizione di Biogas Italy, l’evento annuale del CIB, Consorzio Italiano Biogas, che si terrà a Roma il prossimo 24 febbraio allo Spazio Nazionale Eventi del Rome Life Hotel. L’evento, promosso in collaborazione con Ecomondo Key Energy, ospiterà gli “Stati Generali del Biogas e [...]

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende