Home » Rassegna Stampa » Assegnazione Bandiere Blu 2010: vince la Liguria, ma la Sardegna non ci sta:

Assegnazione Bandiere Blu 2010: vince la Liguria, ma la Sardegna non ci sta

maggio 12, 2010 Rassegna Stampa

bandiera blu, Courtesy of Sciclinews.comAnche se, a primavera inoltrata, il bel tempo stenta ad arrivare, le spiagge già si contendono l’ambita “Bandiera Blu” 2010, il riconoscimento divenuto sinonimo del mare più pulito – ma anche di servizi eco, come raccolta differenziata, piste ciclabili e accessibilità per tutti.

Il vessillo è stato assegnato ieri mattina a Roma, nella sede della Regione Lazio, dalla Federazione per l’ educazione ambientale (Fee) in collaborazione con il Consorzio nazionale batterie esauste (Cobat). Buone notizie per il mare edizione 2010: il risultato di quest’anno infatti è positivo, con ben 231 spiagge doc sparse in tutt’Italia, quattro in più rispetto a quelle dello scorso anno.

I lidi, rappresentativi di 117 comuni italiani, corrispondono a circa il 10% delle spiagge premiate a livello internazionale. Nel capitolo approdi turistici i premiati sono invece 61. Secondo il segretario generale della Fee, Claudio Mazza, i dati dimostrano l’impegno crescente delle località turistiche marine rispetto “alla sempre maggior pressione del turismo sul patrimonio ambientale” che “impone ai Comuni di affrontare nuove sfide per migliorare i propri standard di qualità orientando tutti i propri impegni in chiave di sostenibilità“.

Ma vediamo nello specifico a chi è stato assegnato il riconoscimento. Fra tutte le regioni italiane spicca la la Liguria, con 17 località (Camporosso, Bordighera, Loano, Finale Ligure, Noli, Spotorno, Bergeggi, Savona, Albissola Marina, Albisola Superiore, Celle Ligure, Varazze, Chiavari, Lavagna, Moneglia, Lerici, Ameglia – Fiumaretta), una in più dello scorso anno. A pari merito con 16 località, seguono Marche (Gabicce Mare, Pesaro, Fano, Mondolfo, Senigallia, Ancona Portonovo, Sirolo, Numana, Porto Recanati, Potenza Picena – Porto, Civitanova Marche, Porto Sant’Elpidio, Porto San Giorgio, Cupra Marittima, Grottammare, San Benedetto del Tronto)  e Toscana (Forte dei Marmi, Pietrasanta, Camaiore, Viareggio; Pisa-marina di Pisa-Tirrenia-Calambrone, Livorno-Antignano e Quercianella, Castiglioncello e Vada di Rosignano Marittimo, Cecina, marina di Bibbona, Castagneto Carducci, San Vincenzo, Riotorto-Piombino: parco naturale della Sterpaia, Follonica, Castiglione della Pescaia, Marina e Principina di Grosseto, Monte Argentario) che si distaccano dall’Abruzzo (Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto Lido, Giulianova, Roseto degli Abruzzi, Pineto, Silvi Marina, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Vasto, San Salvo), quarto classificato con 13 bandiere. Stabile a quota 12 la Campania (Massa Lubrense, Positano, Agropoli, Castellabate, Montecorice-Agnone e Capitello, Pollica-Acciaroli Pioppi, Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Centola-Palinuro, Vibonati-Villammare, Sapri) che conferma le località della precedente edizione. Molto bene la Puglia (Rodi Garganico, Polignano a Mare, Ostuni-Marina di Ostuni, Castellaneta, Ginosa-Marina di Ginosa, Castro Marina, Melendugno, Salve) che ne guadagna una arrivando così ad eguagliare a quota 8 l’Emilia Romagna (Comacchio-Lidi Comacchiesi, Lidi Ravennati, Cervia, Cesenatico, San Mauro Pascoli-San Mauro mare, Bellaria Igea Marina, Rimini, Cattolica), dove sono riconfermate le stesse località dello scorso anno. Nessuna novità per il Veneto (San Michele al Tagliamento – Bibione, Caorle, Eraclea – Eraclea mare, Jesolo, Cavallino Treporti, Venezia – Lido di Venezia) , mentre il Lazio (Anzio, Sabaudia, San Felice Circeo, Sperlonga, Gaeta) arriva a quota 5, superando così la Sicilia (Fiumefreddo di Sicilia-Marina di Cottone, Pozzallo, Ragusa-Marina di Ragusa, Menfi) e la Calabria (Cariati-Marina di Cariati, Cirò Marina-Punta Alice, Roccella Jonica, Marina di Gioiosa Jonica) che sono stabili a 4. Il Friuli Venezia Giulia (Grado, Lignano Sabbiadoro)  e la Sardegna (Santa Teresa di Gallura-Rena Bianca, La Maddalena-Punta Tegge Spalmatore) riconfermano le due dell’anno scorso, e vengono raggiunte dal Piemonte (Riviera, Cannobio), che giunge a quota 2 bandiere per i laghi. Per finire arrivano il Molise (Termoli)  e Basilicata (Maratea) , con una sola Bandiera Blu.

Sono tuttavia queste ultime posizioni della classifica a sollevare qualche legittimo dubbio: possibile che la Sardegna, con uno dei mari più invidiati al mondo, sia al pari del Piemonte? La Sardegna non ci sta e insorge attraverso i propri assessori regionali, ricordando che su 560 spiagge ben 143 s0no “accessibili a tutti, sotto ogni punto di vista, tutte indistintamente con acque pulitissime”. Giuliano Uras e Sebastiano Sannitu, assessori all’Ambiente e al Turismo, esprimono “stupore ma anche disincanto verso un’iniziativa che ogni anno si ripete con un copione già scritto” e della quale disconoscono “l’autorevolezza e la scientificità delle scelte in quanto – dicono – non basata su criteri oggettivi“. “Il riconoscimento delle Bandiere Blu”, osserva Uras, “certifica unicamente lo stato dell’ambiente costiero delle località che ne hanno richiesto la certificazione alla Fee e non rappresenta in nessuna maniera una valutazione sulla qualità dell’ambiente e la gestione del territorio costiero della Sardegna”. La classifica è in effetti frutto di 149 auto-candidature, che hanno visto il 22% di esclusioni, di cui la maggior parte per la mancanza di iniziative di educazione ambientale (criterio difficile da valutare nella sua concretezza).

Per la Sardegna, dunque, nemmeno le “5 stelle” riconosciute a 15 delle 117 località premiate, come vere e proprie eccellenze dove l’educazione ambientale, la raccolta differenziata, la qualità delle spiagge, le piste ciclabili, l’accessibilità per tutti e l’informazione sono considerate “all’ordine del giorno”. I “tuffi d’autore” sono ammessi solo a Jesolo (Ve), Celle Ligure e Varazze (Sv), Moneglia (Ge) e Lerici. Poi a Cesenatico (Fc), Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci (Li), Castiglione della Pescaia (Gr), Potenza Picena, Civitanova Marche (Mc), Porto San Giorgio e San Benedetto del Tronto (Ap), Pollica (Sa). La classifica premia infine  ”lo stabilimento“, riconoscendo i migliori risultati di gestione a Varazze, Savona, Grosseto, Viareggio, Finale Ligure, Bibbone e Ostuni.

Benedetta Musso

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende