Home » Rassegna Stampa » Il diritto alla comunicazione ambientale:

Il diritto alla comunicazione ambientale

dicembre 30, 2010 Rassegna Stampa

Dalla Convenzione di Aarhus sul diritto all’informazione per le tematiche ambientali al coinvolgimento collettivo. Greenews.info ripropone l’approfondimento pubblicato sul numero di dicembre del nostro partner Ecoideare.

Courtesy of EcoideareCon la Convenzione di Aarhus, siglata nel 1998 dagli Stati membri della Comunità europea, vengono sanciti tre principi che segnano un’importante svolta nel processo di diffusione e sviluppo della comunicazione ambientale: a) assicurare il diritto di accesso del pubblico alle informazioni ambientali in possesso delle autorità pubbliche; b) diritto di partecipazione per il pubblico ai processi decisionali inerenti l’ambiente; c) diritto di accesso alla giustizia per le questioni ambientali.

Queste disposizioni prevedono anche un impegno delle parti affinché i funzionari e le autorità pubbliche possano fornire assistenza e orientamento ai cittadini nell’esercizio dei tre diritti; serve dunque promuovere la sensibilità e l’educazione ambientale dei cittadini; sostenere associazioni e organizzazioni che promuovono la protezione ambientale; garantire al pubblico l’accesso a tutte le informazioni.

Questa Convenzione nasce sulla base della convinzione che un maggior coinvolgimento dei cittadini verso le tematiche ambientali porti ad una maggiore e più sentita protezione dell’ambiente; che ogni cittadino abbia diritto di vivere in un ambiente volto ad assicurare la sua salute e il suo benessere, e che ogni cittadino per poter adempiere a tutto ciò abbia il dovere di tutelare e preservare l’ambiente in cui vive. Per fare questo però è necessario che i cittadini possano essere informati in modo preciso e trasparente sulle tematiche legate all’ambiente. Tematiche che, senza dubbio, oggi non sono considerate tra le priorità dei nostri organi di informazione.

La mancata informazione non permette al cittadino di avere gli strumenti necessari per elaborare una propria convinzione personale; questo porta inevitabilmente a un’esclusione dai processi decisionali. Non sono pochi gli esempi recenti di episodi accaduti nel nostro Paese in cui una mancata o scorretta informazione su tematiche ambientali o l¹esclusione dei cittadini interessati dalle decisioni politiche sia sfociata in un ostruzionismo generale con conseguenze davvero drammatiche. Pensiamo per esempio ai disordini, sfociati in veri e propri scontri civili, a cui abbiamo assistito a Napoli per l’emergenza rifiuti; o pensiamo alle accese polemiche che suscita la sola menzione del termovalorizzatore, piuttosto che le grandi mobilitazioni civili in opposizione alla realizzazione di grandi opere o di interventi per l’alta velocità.

Ci chiediamo come si sarebbero conclusi questi episodi se i cittadini fossero stati debitamente informati riguardo gli interventi da realizzare e se avessero avuto a disposizione tutti gli strumenti necessari per valutarne opportunità e controindicazioni. Un cittadino che non viene informato è un cittadino che ignora ciò che succede e che nella fase di decisione politica non ha alcun ruolo. L’autorità politica agisce in questo modo indisturbata, con interventi rivolti ai cittadini ma senza che questi ultimi vengano informati.

Il risultato è che nei paesi del Nord Europa ci si confronta con tecnologie innovative, politiche di sostenibilità ed amministrazioni locali virtuose, prese a modello in tutto il resto del mondo, mentre la popolazione in Italia non segue questa crescita: i processi avanzano, ma il tessuto culturale necessario per alimentare questa evoluzione non riesce a formarsi. La dimostrazione eclatante è presto data dalla difficoltà che incontrano le energie rinnovabili nel loro processo di diffusione: nonostante l’evoluzione che anche l’Italia, seppur a piccoli passi, sta vivendo in questo campo, non possiamo dire che si sia altrettanto diffusa l’accettabilità sociale delle energie rinnovabili.

Come è facilmente intuibile, la popolazione nei sondaggi si dichiara assolutamente favorevole alla diffusione e all’utilizzo delle energie rinnovabili; nel momento in cui si passa però all’individuazione dei siti destinati all’installazione degli impianti, si verificano manifestazioni di forte opposizione da parte della cittadinanza locale. Le energie rinnovabili infatti ­ e alcune in modo particolare- vengono viste come un’innovazione positiva, necessaria per un evoluzione del Paese verso l’efficienza energetica; quando però si entra nella fase di monitoraggio e scelta del sito destinato all’installazione prende il sopravvento la sindrome NIMBY (Not In My BackYard), ossia l’atteggiamento di chi sostiene un intervento o un’iniziativa a patto che il proprio territorio non venga designato come il prescelto.

Secondo uno studio condotto dall¹Università di Padova, la risposta a questo va ricercata nel fatto che le politiche di diffusione delle energie rinnovabili hanno nel corso degli anni trascurato un aspetto fondamentale: l’informazione, il coinvolgimento e la consapevolezza dei cittadini, lasciati invece fuori dal processo di pianificazione. Negli ultimi 30 anni ci si è concentrati esclusivamente sullo sviluppo delle tecnologie, tralasciando l’informazione del pubblico. In sostanza, le tecnologie si sviluppavano, ma a queste non era accompagnata la consapevolezza della collettività verso ciò che si faceva. Le energie rinnovabili si diffondevano, ma la gente continuava a sprecare. Lo stile di vita, le abitudini, i valori, le priorità, le norme: tutto questo era stato ingenuamente trascurato. Questo procedimento ha fatto che sì che a fronte di un’emergenza non si sviluppasse tra i cittadini la consapevolezza di dover necessariamente condividere spese economiche e sacrifici, per poterne poi beneficiare tutti.

Questo è il prezzo da pagare, dopo anni di sterilità della comunicazione in ambito ambientale, con cui oggi facciamo i conti. Il risultato è ciò che vediamo. Forse conviene invertire rapidamente la rotta.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende