Home » Rassegna Stampa » Il diritto alla comunicazione ambientale:

Il diritto alla comunicazione ambientale

dicembre 30, 2010 Rassegna Stampa

Dalla Convenzione di Aarhus sul diritto all’informazione per le tematiche ambientali al coinvolgimento collettivo. Greenews.info ripropone l’approfondimento pubblicato sul numero di dicembre del nostro partner Ecoideare.

Courtesy of EcoideareCon la Convenzione di Aarhus, siglata nel 1998 dagli Stati membri della Comunità europea, vengono sanciti tre principi che segnano un’importante svolta nel processo di diffusione e sviluppo della comunicazione ambientale: a) assicurare il diritto di accesso del pubblico alle informazioni ambientali in possesso delle autorità pubbliche; b) diritto di partecipazione per il pubblico ai processi decisionali inerenti l’ambiente; c) diritto di accesso alla giustizia per le questioni ambientali.

Queste disposizioni prevedono anche un impegno delle parti affinché i funzionari e le autorità pubbliche possano fornire assistenza e orientamento ai cittadini nell’esercizio dei tre diritti; serve dunque promuovere la sensibilità e l’educazione ambientale dei cittadini; sostenere associazioni e organizzazioni che promuovono la protezione ambientale; garantire al pubblico l’accesso a tutte le informazioni.

Questa Convenzione nasce sulla base della convinzione che un maggior coinvolgimento dei cittadini verso le tematiche ambientali porti ad una maggiore e più sentita protezione dell’ambiente; che ogni cittadino abbia diritto di vivere in un ambiente volto ad assicurare la sua salute e il suo benessere, e che ogni cittadino per poter adempiere a tutto ciò abbia il dovere di tutelare e preservare l’ambiente in cui vive. Per fare questo però è necessario che i cittadini possano essere informati in modo preciso e trasparente sulle tematiche legate all’ambiente. Tematiche che, senza dubbio, oggi non sono considerate tra le priorità dei nostri organi di informazione.

La mancata informazione non permette al cittadino di avere gli strumenti necessari per elaborare una propria convinzione personale; questo porta inevitabilmente a un’esclusione dai processi decisionali. Non sono pochi gli esempi recenti di episodi accaduti nel nostro Paese in cui una mancata o scorretta informazione su tematiche ambientali o l¹esclusione dei cittadini interessati dalle decisioni politiche sia sfociata in un ostruzionismo generale con conseguenze davvero drammatiche. Pensiamo per esempio ai disordini, sfociati in veri e propri scontri civili, a cui abbiamo assistito a Napoli per l’emergenza rifiuti; o pensiamo alle accese polemiche che suscita la sola menzione del termovalorizzatore, piuttosto che le grandi mobilitazioni civili in opposizione alla realizzazione di grandi opere o di interventi per l’alta velocità.

Ci chiediamo come si sarebbero conclusi questi episodi se i cittadini fossero stati debitamente informati riguardo gli interventi da realizzare e se avessero avuto a disposizione tutti gli strumenti necessari per valutarne opportunità e controindicazioni. Un cittadino che non viene informato è un cittadino che ignora ciò che succede e che nella fase di decisione politica non ha alcun ruolo. L’autorità politica agisce in questo modo indisturbata, con interventi rivolti ai cittadini ma senza che questi ultimi vengano informati.

Il risultato è che nei paesi del Nord Europa ci si confronta con tecnologie innovative, politiche di sostenibilità ed amministrazioni locali virtuose, prese a modello in tutto il resto del mondo, mentre la popolazione in Italia non segue questa crescita: i processi avanzano, ma il tessuto culturale necessario per alimentare questa evoluzione non riesce a formarsi. La dimostrazione eclatante è presto data dalla difficoltà che incontrano le energie rinnovabili nel loro processo di diffusione: nonostante l’evoluzione che anche l’Italia, seppur a piccoli passi, sta vivendo in questo campo, non possiamo dire che si sia altrettanto diffusa l’accettabilità sociale delle energie rinnovabili.

Come è facilmente intuibile, la popolazione nei sondaggi si dichiara assolutamente favorevole alla diffusione e all’utilizzo delle energie rinnovabili; nel momento in cui si passa però all’individuazione dei siti destinati all’installazione degli impianti, si verificano manifestazioni di forte opposizione da parte della cittadinanza locale. Le energie rinnovabili infatti ­ e alcune in modo particolare- vengono viste come un’innovazione positiva, necessaria per un evoluzione del Paese verso l’efficienza energetica; quando però si entra nella fase di monitoraggio e scelta del sito destinato all’installazione prende il sopravvento la sindrome NIMBY (Not In My BackYard), ossia l’atteggiamento di chi sostiene un intervento o un’iniziativa a patto che il proprio territorio non venga designato come il prescelto.

Secondo uno studio condotto dall¹Università di Padova, la risposta a questo va ricercata nel fatto che le politiche di diffusione delle energie rinnovabili hanno nel corso degli anni trascurato un aspetto fondamentale: l’informazione, il coinvolgimento e la consapevolezza dei cittadini, lasciati invece fuori dal processo di pianificazione. Negli ultimi 30 anni ci si è concentrati esclusivamente sullo sviluppo delle tecnologie, tralasciando l’informazione del pubblico. In sostanza, le tecnologie si sviluppavano, ma a queste non era accompagnata la consapevolezza della collettività verso ciò che si faceva. Le energie rinnovabili si diffondevano, ma la gente continuava a sprecare. Lo stile di vita, le abitudini, i valori, le priorità, le norme: tutto questo era stato ingenuamente trascurato. Questo procedimento ha fatto che sì che a fronte di un’emergenza non si sviluppasse tra i cittadini la consapevolezza di dover necessariamente condividere spese economiche e sacrifici, per poterne poi beneficiare tutti.

Questo è il prezzo da pagare, dopo anni di sterilità della comunicazione in ambito ambientale, con cui oggi facciamo i conti. Il risultato è ciò che vediamo. Forse conviene invertire rapidamente la rotta.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende