Home » Rassegna Stampa » Energie rinnovabili: Cina al primo posto nell’attrattività per gli investimenti:

Energie rinnovabili: Cina al primo posto nell’attrattività per gli investimenti

giugno 16, 2010 Rassegna Stampa

cina, Courtesy of Josef KnechtE’stato diffuso ieri dalla società di consulenza Ernst&Young l’ultima
edizione dello studio “Renewable Energy Country Attractiveness Indices“, il rapporto che classifica i paesi in base alla loro attrattività  per gli investimenti in energie rinnovabili, come l’eolico o il solare.

La Cina è ora, insieme agli Stati Uniti, la destinazione più attrattiva per gli investimenti in energie rinnovabili.

Il colosso asiatico ha guadagnato due punti negli indici grazie ad investimenti in energie pulite pari a 34,6 miliardi di dollari – quasi il doppio degli Stati Uniti (come ammesso dal Presidente Obama durante il discorso alla Nazione) – e nel 2009 è emersa come leader mondiale per capacità installata nell’eolico.

Contemporaneamente, gli Stati Uniti hanno perso un punto, come conseguenza del fatto che il tanto atteso “climate and clean energy bill” (fermo al Senato) probabilmente non vedrà la luce prima delle elezioni di medio termine in novembre. nonostante i continui solleciti del Presidente.

Andrea Paliani, Partner Ernst & Young settore Energy, spiega che “l’ottima performance della Cina sottolinea la determinazione a raggiungere un forte allineamento tra la politica energetica e quella industriale, orientata alla costruzione di una posizione dominante nel mercato globale della produzione e fornitura di tecnologia”. “La situazione dei mercati europei”, aggiunge Paliani, ”non è esattamente rosea. Diverse economie lottano per far quadrare i bilanci, non solo relativamente ai deficit statali e al debito pubblico ma anche alla sostenibilità dei costi necessari all’utilizzo delle energie rinnovabili”.

Il recentissimo annuncio dell’Unione Europea relativo all’intenzione di ridurre del 30% entro il 2020 i livelli di emissione rispetto al 1990 (criticato dal Ministro Prestigiacomo come pericoloso eccesso di zelo) è comunque indice di un preciso impegno del legislatore europeo a raggiungere la leadership nello sviluppo di economie a bassa emissione di anidride carbonica. “Crescerà senza dubbio la tensione tra la spinta alla riduzione delle emissioni e le risorse finanziarie disponibili per sostenerla”, prosegue Paliani. ”Un simile ambizioso impegno da parte della UE, se fatto proprio e rinforzato dagli Stati Membri, dovrebbe portare a una salita nell’indice nel medio periodo”.

L’Italia intanto mantiene la quinta posizione nell’indice generale, guadagnando però un punto grazie ai piani per la costruzione dei più grandi parchi fotovoltaici d’Europa (in provincia di Rovigo per una capacità di 72MW e a Montalto di Castro, per ben 85MW) ed alla rilevante capacità di fotovoltaico già installato, pari a 1.2 GW.

Rimane alta l’attesa per la seduta della conferenza Stato-Regioni, nel corso della quale saranno presentate le linee guida nazionali sulle energie rinnovabili, con l’obiettivo di armonizzare le procedure di autorizzazione oggi affidate alle singole regioni. Un inquadramento comune consentirebbe di accelerare l’intero processo, dalla richiesta all’installazione.

Lo sviluppo atteso del fotovoltaico è di assoluto rilievo nel panorama europeo. L’eolico ha evidenziato una crescita del 30% nel 2009 e si attende nei prossimi anni lo sviluppo dell’eolico off-shore, il cui elevato potenziale risulta ad oggi non sfruttato.

Guardando gli altri paesi, il Regno Unito guadagna due punti a seguito dei piani governativi per lanciare un fondo da due miliardi di sterline, denominato “Green Investment Bank”, e dell’approvazione della spesa di un miliardo di sterline per ammodernare la rete elettrica e accelerare l’integrazione con le rinnovabili.

Anche l’India cresce di due punti, come conseguenza dello stanziamento di un miliardo di dollari per la “green economy” e della presentazione di piani per l’installazione, nel breve e medio termine, di capacità eolica fino a 4GW e solare fino a 1GW.

Arretrano invece Grecia, Spagna e Portogallo a causa del peggioramento delle condizioni dei mercati di capitale e del downgrade da parte di S&P nei rating di solvibilità dello stato.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende