Home » Rassegna Stampa » I sette peccati capitali del greenwashing:

I sette peccati capitali del greenwashing

ottobre 25, 2010 Rassegna Stampa

Courtesy of cuba galleryLa comunicazione pubblicitaria punta sempre di più sul “green” e sulla sostenibilità per promuovere i prodotti. Ma come distinguere aziende e brand seriamente rispettosi dell’ambiente da quelli che si nascondono dietro una semplice pennellata di verde?

Ovvero, come individuare una società o un’organizzazione che impiega più tempo e denaro ad affermare di essere verde, attraverso la pubblicità e il marketing, piuttosto che a mettere in atto misure concrete che riducano al minimo l’impatto ambientale dei propri prodotti e dei propri processi produttivi?

Sono i questiti che, da alcuni anni, pone l’agenzia canadese di marketing ambientale Terra Choice, in procinto di rilasciare il terzo report della serie “I sette peccati capitali del greenwashing“, a cui è dedicato un sito.

Tra il 2008 e il 2009 i ricercatori di Terra Choice, sguinzagliati tra Canada, Stati Uniti, Australia e Inghilterra, hanno raccolto una significativa base dati, andando ad analizzare le etichette dei prodotti e le informazioni aggiuntive comunicate dalle aziende impegnate nel green marketing.

Nella sola America del Nord sono stati raccolti e registrati 2.219 prodotti con 4.996 claim (o slogan) ambientali. Di questi il 98% è caduto in almeno uno dei sette peccati. Ma vediamo quali sono.

Il caso più diffuso riguarda gli annunci che evidenziano una sola caratteristica, pensando che sia sufficiente a caratterizzare come sostenibile l’intero prodotto. L’esempio portato è quello della carta, che non per il solo fatto di provenire da foreste ben gestite e certificate può dirsi “ambientalmente preferibile”, senza tener conto anche del processo di produzione, delle emissioni serra e dell’inquinamento dell’aria e dell’acqua, tutti elementi altrettanto significativi.

Un secondo tipo di errore è la mancanza d’informazione e prove documentabili a supporto di un claim. Come nel caso di prodotti che vantano percentuali di prodotto riciclato senza fornire certificazioni esterne o elementi oggettivi di verifica.

La terza tipologia di messaggi scorretti è quella della vaghezza di significato. Un claim come “All natural” vuol dire ben poco se si tiene conto che anche l’arsenico, la formaldeide, l’uranio e il mercurio sono “naturali” – ma velenosi!

C’è poi il peccato di irrilevanza, per cui un messaggio pubblicitario può essere vero, ma non significativo per poter consentire realmente al consumatore di operare una scelta consapevole sul prodotto e sull’azienda.

Quinto: il cosiddetto minore dei due mali, che tende a enfatizzare un dato vero, ma significativo unicamente all’interno di una categoria di prodotti, di per sè fortemente impattanti sull’ambiente. Che un’auto sportiva abbia i consumi più ridotti della sua categoria non è un grande vantaggio per l’ambiente quando quella tipologia di vetture consumi mediamente una quantità di carburante doppia o tripla  rispetto ad un’utilitaria.

Ci sono poi aziende che rilasciano claim semplicemente falsi, ma questo fortunatamente risulta il peccato meno diffuso.

Mentre la new entry, che ha portato la lista dai precedenti sei peccati a sette, è  l’autocertificazione della propria sostenibilità, con l’applicazione sul packaging di eco-etichette fasulle, che non riccorrono a terze parti o enti di certificazione riconosciuti per la verifica dei dati.

L’agenzia italiana Greenbean ha analizzato il fenomeno dal punto di vista nazionale, rilevando che su 83 aziende italiane che, tra il 2008 e il 2010, hanno utilizzato messaggi eco-sostenibili, ben 53 avrebbero messo in atto strategie di “greenwashing”. Rispetto al modello canadese, vengono inoltre individuati due peccati differenti: quello di indirizzare l’attenzione sulla propria generosità nel finanziare progetti socio-ambientali (pensando che questo renda di per sé una marca sostenibile) e l’utilizzo di visual che richiamano genericamente il rispetto per l’ambiente, ma che non hanno alcuna relazione con il prodotto o il brand.

Quanto questi atteggiamenti siano consapevoli è difficile a dirsi. Ciò che è sicuro è che il fenomeno del “greenwahing”, già ampiamente diffuso nei mercati mondiali più evoluti, come quello americano, si sta rapidamente diffondendo anche in Italia, in parallelo alla crescente attenzione del consumatore verso la sostenibilità ambientale.

Andrea Gandiglio e Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende