Home » Rassegna Stampa » I sette peccati capitali del greenwashing:

I sette peccati capitali del greenwashing

ottobre 25, 2010 Rassegna Stampa

Courtesy of cuba galleryLa comunicazione pubblicitaria punta sempre di più sul “green” e sulla sostenibilità per promuovere i prodotti. Ma come distinguere aziende e brand seriamente rispettosi dell’ambiente da quelli che si nascondono dietro una semplice pennellata di verde?

Ovvero, come individuare una società o un’organizzazione che impiega più tempo e denaro ad affermare di essere verde, attraverso la pubblicità e il marketing, piuttosto che a mettere in atto misure concrete che riducano al minimo l’impatto ambientale dei propri prodotti e dei propri processi produttivi?

Sono i questiti che, da alcuni anni, pone l’agenzia canadese di marketing ambientale Terra Choice, in procinto di rilasciare il terzo report della serie “I sette peccati capitali del greenwashing“, a cui è dedicato un sito.

Tra il 2008 e il 2009 i ricercatori di Terra Choice, sguinzagliati tra Canada, Stati Uniti, Australia e Inghilterra, hanno raccolto una significativa base dati, andando ad analizzare le etichette dei prodotti e le informazioni aggiuntive comunicate dalle aziende impegnate nel green marketing.

Nella sola America del Nord sono stati raccolti e registrati 2.219 prodotti con 4.996 claim (o slogan) ambientali. Di questi il 98% è caduto in almeno uno dei sette peccati. Ma vediamo quali sono.

Il caso più diffuso riguarda gli annunci che evidenziano una sola caratteristica, pensando che sia sufficiente a caratterizzare come sostenibile l’intero prodotto. L’esempio portato è quello della carta, che non per il solo fatto di provenire da foreste ben gestite e certificate può dirsi “ambientalmente preferibile”, senza tener conto anche del processo di produzione, delle emissioni serra e dell’inquinamento dell’aria e dell’acqua, tutti elementi altrettanto significativi.

Un secondo tipo di errore è la mancanza d’informazione e prove documentabili a supporto di un claim. Come nel caso di prodotti che vantano percentuali di prodotto riciclato senza fornire certificazioni esterne o elementi oggettivi di verifica.

La terza tipologia di messaggi scorretti è quella della vaghezza di significato. Un claim come “All natural” vuol dire ben poco se si tiene conto che anche l’arsenico, la formaldeide, l’uranio e il mercurio sono “naturali” – ma velenosi!

C’è poi il peccato di irrilevanza, per cui un messaggio pubblicitario può essere vero, ma non significativo per poter consentire realmente al consumatore di operare una scelta consapevole sul prodotto e sull’azienda.

Quinto: il cosiddetto minore dei due mali, che tende a enfatizzare un dato vero, ma significativo unicamente all’interno di una categoria di prodotti, di per sè fortemente impattanti sull’ambiente. Che un’auto sportiva abbia i consumi più ridotti della sua categoria non è un grande vantaggio per l’ambiente quando quella tipologia di vetture consumi mediamente una quantità di carburante doppia o tripla  rispetto ad un’utilitaria.

Ci sono poi aziende che rilasciano claim semplicemente falsi, ma questo fortunatamente risulta il peccato meno diffuso.

Mentre la new entry, che ha portato la lista dai precedenti sei peccati a sette, è  l’autocertificazione della propria sostenibilità, con l’applicazione sul packaging di eco-etichette fasulle, che non riccorrono a terze parti o enti di certificazione riconosciuti per la verifica dei dati.

L’agenzia italiana Greenbean ha analizzato il fenomeno dal punto di vista nazionale, rilevando che su 83 aziende italiane che, tra il 2008 e il 2010, hanno utilizzato messaggi eco-sostenibili, ben 53 avrebbero messo in atto strategie di “greenwashing”. Rispetto al modello canadese, vengono inoltre individuati due peccati differenti: quello di indirizzare l’attenzione sulla propria generosità nel finanziare progetti socio-ambientali (pensando che questo renda di per sé una marca sostenibile) e l’utilizzo di visual che richiamano genericamente il rispetto per l’ambiente, ma che non hanno alcuna relazione con il prodotto o il brand.

Quanto questi atteggiamenti siano consapevoli è difficile a dirsi. Ciò che è sicuro è che il fenomeno del “greenwahing”, già ampiamente diffuso nei mercati mondiali più evoluti, come quello americano, si sta rapidamente diffondendo anche in Italia, in parallelo alla crescente attenzione del consumatore verso la sostenibilità ambientale.

Andrea Gandiglio e Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende